Heliodisplay, il futuro dei monitor?

Heliodisplay, il futuro dei monitor?

Una compagnia californiana presenta un nuovo modo di visualizzare le immagini: un proiettore che usa come superficie un flusso d'aria calda

di Andrea Bai pubblicata il , alle 10:27 nel canale Periferiche
 

Nei giorni scorsi la compagnia IO2 Technology ha annunciato il rilascio di due prodotti chiamati "Heliodisplay M2" e "Heliodisplay M2i". Si tratta di due dispositivi in grado di creare un'immagine non olografica fluttuante a "mezz'aria".

I display M2 e M2i sono in grado di realizzare un'area di circa 30 pollici di diagonale all'interno della quale potranno essere mostrate le immagini. I due dispositivi sono caratterizzati da risoluzione che parte da 800x600 per arrivare fino a 1280x1024. I display sono provvisti di connettore USB. Il modello M2i è inoltre provvisto di un dispositivo per rilevare il posizionamento della mano dell'utente, di modo che si possa usare come display "touch" screen.

La creazione dell'immagine avviene proiettando la luce su un sottile flusso d'aria calda. IO2 dichiara un rapporto di contrasto di 2000:1, ma alla luce di quanto appena affermato appare evidente che si tratta di un valore strettamente dipendente dalle condizioni di luce ambientale.

I dispositivi sono piuttosto ingombranti e accreditati di un peso di circa 16kg e di un consumo di 350W. Il prezzo di tali dispositivi non è stato comunicato.

Per maggiori informazioni rimandiamo al sito ufficiale di IO2 Technology, presso il quale è possibile scaricare anche un video dimostrativo.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

52 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
thegiox17 Maggio 2006, 10:32 #1
fico
ciolla200517 Maggio 2006, 10:37 #2
Ma è uguale a HW upgrade (lo stile).

Siete culo & camicia???

Ops...mi riferivo all'articolo su av magazine...
appleroof17 Maggio 2006, 10:37 #3
semplicemente spettacolare
mail9000it17 Maggio 2006, 10:42 #4
>... proiettando la luce su un sottile flusso d'aria calda.

quindi in inverno per scaldare l'appartamento si puo' accendere la televisione al posto del camino o del termoventilatore.

Mah....
e' senza dubbio interessante come prototipo o come dimostrativo ma dubito che nella pratica sia molto utile, anche perche' l'aria calda dovra sempre essere piu' calda della temperatura ambiente (per creare un delta che possa essere utilizzato come schermo) che aumenta sempre piu creando una bellissima sauna.
bartolino320017 Maggio 2006, 10:42 #5
Originariamente inviato da: mail9000it
>... proiettando la luce su un sottile flusso d'aria calda.

quindi in inverno per scaldare l'appartamento si puo' accendere la televisione al posto del camino o del termoventilatore.

Mah....
e' senza dubbio interessante come prototipo o come dimostrativo ma dubito che nella pratica sia molto utile, anche perche' l'aria calda dovra sempre essere piu' calda della temperatura ambiente (per creare un delta che possa essere utilizzato come schermo) che aumenta sempre piu creando una bellissima sauna.


soft_karma17 Maggio 2006, 10:43 #6
Che figata, speriamo che sviluppino la soluzione fino a livelli "consumer"
peonesnet17 Maggio 2006, 10:50 #7

x mail9000...

e non credi che come ci hai pensato tu la cosa sia gia' venuta in mente anche ai progettisti?
almeno che tu non sia l'unico genio incompreso al mondo...
dr-omega17 Maggio 2006, 10:57 #8
Come nel film Paycheck!!!
Fichissemooo!!!
Kal-El17 Maggio 2006, 11:02 #9
Scusate perchè nella testata dell'articolo l'autore dice: "un'immagine non olografica fluttuante a "mezz'aria", se, difatto, è un'immagine olografica a tutti gli effetti?
WILL17 Maggio 2006, 11:05 #10
qualcuno ne conosce il prezzo? 10000?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^