Google e ASUS annunciano il secondo router OnHub da 1900Mbps e tredici antenne

Google e ASUS annunciano il secondo router OnHub da 1900Mbps e tredici antenne

La famiglia OnHub di Google si amplia con un nuovo modello di router caratterizzato da 13 antenne e velocità massima ddi 1900Mbps. Il nuovo OnHub è prodotto questa volta da ASUS

di pubblicata il , alle 14:31 nel canale Periferiche
GoogleASUS
 

Google aveva annunciato il primo router OnHub quest'estate con la promessa che avremmo avuto presto diversi dispositivi della stessa famiglia. Nelle scorse ore ne ha annunciato un secondo modello, questa volta di ASUS, dal prezzo di 219 dollari per il mercato statunitense. La società non ha specificato se questo modello raggiungerà altri mercati, laddove il primo modello prodotto in collaborazione con TP-Link è attualmente venduto solo negli USA e in Canada.

ASUS OnHub

ASUS OnHub è particolarmente distinguibile sul fronte del design, e molto simile alla variante già sul mercato di TP-Link. Anche in questo caso il form factor è cilindrico, con il diametro della base che va però a diminuire nella parte più alta. Il LED di stato è questa volta disposto nell'estremità inferiore (e non superiore come nel modello TP-Link), mentre le dimensioni crescono leggermente. La novità del nuovo modello è Wave Control, una funzionalità ottenuta attraverso l'integrazione di un sensore di prossimità.

Secondo la descrizione data da Google, la funzionalità permette di aumentare la velocità di connessione con un determinato dispositivo posizionando e muovendo la mano sopra la base del router. Quello che non è chiaro è il modo in cui ASUS OnHub riesce a individuare il dispositivo a cui dare maggiore priorità. Si tratta di una funzione che può comunque essere eseguita anche con il modello TP-Link attraverso l'applicazione di gestione, ma che con il modello ASUS diventa ancora più semplice ed intuitiva.

Sul fronte delle specifiche tecniche non troviamo molti stravolgimenti e le performance dovrebbero essere al top anche in questo caso. Il modello ASUS dovrebbe quindi integrare le 13 antenne disposte a 360° tipiche del precedente modello, in cui sei di queste agganceranno i segnali a 2,4GHz, altre sei i segnali a 5GHz e la restante gestirà la congestione tra i vari segnali. La velocità massima garantita è anche in questo caso di 1.900Mbps, e le procedure di aggiornamento verranno gestite attraverso una memoria flash da 4GB.

Google ha anche rilasciato un nuovo firmware software sul primo modello che integra un rinnovato algoritmo di gestione delle antenne che dovrebbe selezionare dinamicamente la migliore combinazione per offrire ad ogni singolo dispositivo il segnale più forte possibile. I modelli OnHub fanno della semplicità d'uso e di configurazione il loro punto forte, ed è per questo che l'aggiornamento verrà installato automaticamente sui router, senza alcuna interazione da parte dell'utente.

ASUS OnHub sarà disponibile in prevendita entro la fine della settimana a 219 dollari, mentre il precedente modello TP-Link senza Wave Control viene proposto al prezzo di 199 dollari.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
LMCH29 Ottobre 2015, 01:47 #1
Con tutte quelle antenne mi chiedo se si possa anche utilizzare come sensore e "visore RF".

Mi riferisco a questo:
http://rfcapture.csail.mit.edu/

Con 20 antenne Wifi hanno ottenuto l'equivalente di un
"Kinect che vede le persone attraverso i muri".

La configurazione delle antenne del router OnHub è ovviamente differente, ma mi chiedo se si possa ottenere qualcosa di simile tipo "sensore di presenza" per accendere automaticamente le luci o far scattare l'allarme di casa in base a come viene configurato.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^