Da BeBop Sensors nuovi guanti tattili modulari per la realtà virtuale

Da BeBop Sensors nuovi guanti tattili modulari per la realtà virtuale

I nuovi Marcel Modular Data Gloves sono pensati per i dispositivi di realtà virtuale e aumentata di nuova generazione. Mantengono bassi i costi ma offrono tutte le caratteristiche più importanti per un sistema di controllo di questo tipo

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 13:41 nel canale Periferiche
 

HTC Vive Controller e Oculus Touch sono dei sistemi inadeguati per la Realtà Virtuale, semplicemente perché rompono il legame con la dimensione virtuale che il visore invece riesce a creare. Servono, insomma, dei sistemi di controllo che creino continuità e rendano l'esperienza coinvolgente in ogni suo aspetto. È per questo che i guanti dotati di sensori rischiano di diventare una periferica particolarmente ambita.

BeBop Sensors, Inc. a tal proposito ha appena annunciato Marcel Modular Data Gloves, indirizzati a tutte quelle aziende che stanno sperimentando o producendo soluzioni di realtà virtuale o aumentata. Gli OEM possono stabilire la dotazione di sensori, che può essere di 5, 10 e 14, a seconda della spesa sostenibile e della precisione richiesta.

I nuovi guanti restituiscono feedback aptico e si caratterizzano per 6 o 9 gradi di libertà a seconda della configurazione. Sono dotati di un modulo di tipo IMU (Inertial Measurement Unit) che misura accelerazione e velocità angolare. Il sensore fornisce una frequenza di aggiornamento di 120 Hz per controlli in tempo reale senza latenze.

La nuova soluzione VR/AR è stata progettata dal CEO di BeBop Sensors, Keith McMillen, particolarmente conosciuto nel campo dell'innovazione musicale, che ha dichiarato: "Non è pensabile avere sistemi del genere con latenze superiori ai 6/8 millesimi di secondo".

BeBop definisce la sua ultima tecnologia modulare perché i produttori possono inserire delle schede al circuito stampato per aggiungere funzionalità. Per esempio migliorare la rilevazione aptica in modo da trasmettere all'utente le proprietà dei materiali o le qualità delle superfici. Tramite un SDK, inoltre, gli sviluppatori potranno creare effetti aptici personalizzati. Altri dettagli si trovano qui.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^