Asus HC102: ecco com'è la realtà virtuale di Microsoft

Asus HC102: ecco com'è la realtà virtuale di Microsoft

Nel corso di un evento a Milano, abbiamo avuto modo di provare il nuovo visore di Asus basato su piattaforma Windows Mixed Reality. Realtà mista e realtà virtuale cominciano a fare i primi consistenti passi in avanti verso l'adozione di massa. Ecco perché Asus ha scelto la piattaforma Microsoft per la sua soluzione di realtà mista

di pubblicata il , alle 15:01 nel canale Periferiche
ASUSMicrosoftWindows Mixed Reality
 
[HWUVIDEO="2476"]Asus Windows Mixed Reality HC102[/HWUVIDEO]

Una soluzione ben più matura rispetto a quelle che abbiamo provato nei mesi scorsi, che trae beneficio dal continuo lavoro di ricerca e sviluppo fatto da Microsoft e dai suoi partner, che ha portato a rifinire diversi aspetti del tracciamento, delle modalità di interazione, della risoluzione di funzionamento e, complessivamente, della facilità d'uso.

La principale differenza delle soluzioni basate su Windows Mixed Reality, che ricordiamo essere la piattaforma Microsoft derivata da Windows Holographic e adattata a visori più economici e immediati rispetto a HoloLens, in confronto a dispositivi come Oculus Rift e HTC Vive consiste proprio nel fatto che non sono necessarie le torrette all'infrarosso per il tracciamento. La soluzione di tracciamento inverso alla prospettiva usata da Microsoft (sistema di tracking inside-out) è leggermente più imprecisa rispetto alle precedenti, ma offre il grande vantaggio di poter usare la realtà virtuale senza compromettere molto l'ambiente, risolvendo al contempo le incompatibilità con gli altri dispositivi che usano tecnologie all'infrarosso che possono incidere sulla qualità del tracciamento.

Il visore prende dei punti di rifermento nell'ambiente come la web cam del portatile, lo stesso schermo o gli angoli delle pareti e, sulla base degli spostamenti della testa dell'utente rispetto a questi punti di riferimento intercettati dalle due videocamere montate sul visore, individua il tipo di movimento effettuato dall'utente.

Asus Windows Mixed Reality HC102

Il setup del dispositivo si completa in 10 minuti e assomiglia a quelli delle piattaforme precedenti. L'utente deve tracciare lo spazio all'interno del quale può muoversi: come per i sistemi con tracciamento esteso all'intera stanza, anche con i dispositivi Windows Mixed Reality ci si può muovere all'interno di uno spazio di qualche metro quadrato e il corrispondente movimento che viene riprodotto nella virtualità. Le due telecamere frontali con tracciamento di tipo 6DoF (sei gradi di libertà) interagiscono con i 32 punti di luce a LED su ciascun controller e confermano lo sforzo di Asus di superare i problemi legati all'immediatezza per declinare la realtà virtuale all'implementazione senza torrette senza compromissione ai 6 gradi di libertà classici di questo tipo di visore.

Non sono necessarie le torrette all'infrarosso per il tracciamento
Asus Windows Mixed Reality HC102, così come tutti i visori basati sulla piattaforma Microsoft, restituisce un'esperienza di realtà virtuale molto simile a quella che si ha con Oculus Rift o HTC Vive. Consente infatti di usufruire di 20 mila app Windows e di oltre 2 mila titoli Steam VR. Si possono guardare video o film a 360°, o giocare in prima persona titoli come Minecraft o Superhot VR. Gli sviluppatori non devono fare alcun lavoro di conversione rispetto ai titoli creati per le piattaforme Oculus o Steam VR, al massimo devono assicurarsi che l'abbinamento dei pulsanti funzioni rispetto ai controller di Windows Mixed Reality. Se un gioco sviluppato per una delle piattaforme precedenti non funziona su un visore come HC102, quindi, è più per una questione "burocratica" che per un qualche limite tecnico. Inoltre, il tutto è predisposto per funzionare anche con Xbox One: quando Microsoft lo deciderà avrà quindi pronta la sua risposta a PlayStation VR.

I visori basati sulla piattaforma Microsoft consentono anche di navigare in Windows, rivoluzionando l'esperienza del sistema operativo o di navigazione su internet. Grazie alla risoluzione 3K (2880 x 1440) e a una frequenza di aggiornamento di 90Hz abbiamo immagini ben definite con colori brillanti che consentono di godere di un’esperienza estremamente interattiva e realmente coinvolgente. Finalmente la risoluzione è sufficiente per poter leggere con disinvoltura i testi e non affaticarsi anche dopo diversi minuti di utilizzo.

La soluzione di tracciamento inverso alla prospettiva usata da Microsoft offre il grande vantaggio di poter usare la realtà virtuale senza compromettere molto l'ambiente
I tecnici di Asus si sono innanzitutto assicurati che il prodotto sia immediato, risolvendo i problemi di gioventù delle altre piattaforme. Il visore pesa meno di 400 grammi e si caratterizza per uno speciale design a corona perfettamente bilanciato che concentra la maggior parte del peso sulla fronte e sul retro della testa, evitando di fare pressione su naso e viso eliminando qualsiasi segno. È, inoltre, sufficiente alzare il visore inclinandolo per interagire con il mondo reale e abbassarlo per tornare a immergersi immediatamente nel mondo virtuale. Asus parla anche di materiali di qualità superiore con rivestimento antibatterico e traspirante.

All'interno dei ragionamenti sulla maggiore immediatezza, poi, si deve tener conto di quanto sia trasportabile e immediatamente adattabile un dispositivo del genere rispetto a quelli con sensori fissi. Inoltre, i visori della famiglia Windows Mixed Reality hanno richieste hardware modeste, e riescono a fare girare molte app in VR anche sui portatili con scheda video Intel integrata.

Il visore Asus Windows Mixed Reality HC102 è adesso disponibile all'acquisto in Italia al prezzo di di Euro 449,00. Di seguito le specifiche tecniche complete.

  ASUS Windows Mixed Reality Headset HC102
Lenti HFoV 95° (un occhio), 105° (due occhi), lenti di Fresnel asferiche
Frequenza di refresh 90Hz
Display Risoluzione 1440 x 1440 per occhio (2880 x 1440 in totale)
Distanza focale 1,3 metri
Alloggiamento IPD Regolabile tramite SW (63mm+/- 8mm)
Distanza occhio-lenti 13 mm
Telecamere di tracciamento B+W & VGA
Sensori Giroscopio, accelerometro, magnetometro, sensore di prossimità
Architettura di tracciamento 6DoF
Formati audio Jack audio 3,5 mm
Accessori Due controller 6DoF
Connettività HDMI 2.0, USB 3.0, Bluetooth

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
ciocia16 Febbraio 2018, 19:40 #1
1440X1440 ad occhio, non male, un passo avanti verso il 2000x2000 che reputo necessario per godersi la vr come si deve, ma impossibile da gestire per i pc odierni.
Pesa 150gr meno del vive, bene, ma dovranno renderli ancora meno pesanti e ingombranti, e freschi.
Ma la frase "richieste hardware modeste" è ridicola..si, giusto per app, per giochini stile cellulare.
Perchè un gioco normale, con supersampling attivo, 2880 x 1440 a 90hz, voglio vederli fare con una gtx960 o simile...
RenatoT18 Febbraio 2018, 06:43 #2
Mio
io7819 Febbraio 2018, 08:48 #3
Ma esiste un posto dove poterli provare? Magari tutti e tre in modo da fare una scelta più giusta
CalegaR119 Febbraio 2018, 09:56 #4
Originariamente inviato da: io78
Ma esiste un posto dove poterli provare? Magari tutti e tre in modo da fare una scelta più giusta


Ciao, l'HC102 lo trovi in alcuni negozi Next in vendita e contestualmente anche in prova

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^