Philips e AOC: schermi widescreen per i professionisti e i gamers

Philips e AOC: schermi widescreen per i professionisti e i gamers

Philips e AOC propongono una completa gamma di schermi che si adattano al pubblico professionale e a quello consumer: l'innovazione passa attraverso diagonali e risoluzioni che aumentano, alla ricerca della miglior esperienza d'uso

di pubblicata il , alle 10:01 nel canale Periferiche
NVIDIAG-syncPhilipsAOC
 

I marchi Philips e AOC sono molto diffusi sul mercato, rispettivamente negli ambiti business e consumer, quali produttori di monitor che abbinano elevata qualità e soluzioni tecniche innovative. Pochi sanno che dietro a questi due brand ne troviamo un terzo, quello TPV: si tratta dell'azienda che detiene i due precedenti e che contribuisce alla produzione di circa il 36% del totale dei monitor a livello mondiale.

TPV è quindi il primo produttore di display a livello globale, con i marchi Philips e AOC che vengono utilizzati nel canale retail affiancando la produzione di TPV quale OEM per altre aziende. Philips è sempre più presente nel settore degli schermi per utilizzi professionali; per AOC il target di riferimento è invece il cliente consumer, con particolare attenzione al mondo dei gamers.

Al momento attuale i due brand, cumulati assieme, beneficiano di una quota di mercato consistente in Italia pari a circa il 25%. Nel corso degli ultimi trimestri tanto Philips come AOC sono stati capaci di registrare tassi di crescita trimestrali costanti, con una media di circa il +15% rispetto al corrispondente periodo dell'anno precedente.

L'innovazione di prodotto per Philips passa attraverso schermi dalla risoluzione elevata, capaci di spingersi anche oltre lo standard 4K, in abbinamento a formati 21:9 e 32:9. Un numero sempre più elevato di utenti professionali opta per schermi widescreen, con i quali sostituire setup a doppio schermo senza impatti in termini di produttività. L'utilizzo di pannelli IPS e l'integrazione di supporto all'HDR sono due altre caratteristiche che stanno prendendo sempre più piede: queste, assieme a frequenze di refresh di 144 Hz o superiori, permettono di assicurare una superiore qualità d'immagine complessiva.

Lo schermo 499P9H utilizza un formato 32:9 tra i lati, per una risoluzione di 5120x1440 pixel equivalente a quella di due schermi 2560x1440 affiancati. Non solo: il pannello è curvo, così da assicurare una esperienza d'uso più immersiva; integra alla base una docking station USB-C ed è dotato di una webcam che fuoriesce automaticamente dalla struttura permettendo di utilizzare il sistema di autenticazione Windows Hello.

L'attenzione al pubblico professionale passa anche attraverso l'offerta di prodotti particolari come il modello 242B9T. Si tratta di uno schermo da 23,8 pollici di diagonale, con pannello IPS e risoluzione di 1.920x1.080 pixel. La sua peculiarità è data dall'essere touch, con supporto ad uno stylus e certificato IP54. In generale Philips ha implementato nella propria gamma di display una serie di funzionalità miranti a ridurre il consumo complessivo, così da garantire la migliore certificazione energetica possibile.

Passando al mondo del gaming, i settori nei quali il mercato dei display cresce maggiormente sono quelli dei pannelli IPS, seguiti dagli schermi a più larga diagonale, dai pannelli con risoluzione QHD o UHD, da quelli con frequenza di refresh verticale pari o superiore a 144 Hz, senza trascurare i modelli con schermo curvo. Per questo motivo AOC ha investito nella propria gamma di prodotti portando nuovi modelli che sono sempre più caratterizzati dalla presenza di tali tecnologie.

Il modello AGON AG353UCG, di tipo curvo wide screen,, raccoglie tutte le principali innovazioni implementate da AOC nella famiglia di soluzioni per sistemi gaming diventandone la proposta di riferimento . Ha una diagonale di 35 pollici, con risoluzione WQHD pari a 3.440x1.440 pixel, con frequenza di refresh massima di 200 Hz e supporto alla tecnologia NVIDIA G-Sync; il pannello è inoltre di tipo HDR 1000,

La gamma di prodotti AOC vede anche modelli più indirizzati al design, come i due sviluppati in collaborazione con Studio F-A Porsche. Q27T1 ha diagonale di 27 pollici, con un pannello IPS da 2.560x1.440 pixel di risoluzione e refresh di 60 Hz; per il modello U32U1 troviamo invece una diagonale di 32 pollici con pannello IPS e risoluzione 4K.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^