Youtube vince la causa contro Viacom

Youtube vince la causa contro Viacom

Vittoria di Youtube su Viacom, che riteneva illegali centinaia di migliaia di video pubblicati sul noto sito per violazione di copyright

di Alessandro Bordin pubblicata il , alle 09:30 nel canale Multimedia
 

Nell'anno 2007 Viacom denunciò Youtube, ritenendola colpevole di aver violato per centinaia di migliaia di volte il copyright di contenuti consapevolmente provenienti da fonti illegali. Ne avevamo parlato a suo tempo a questa pagina. Enorme il risarcimento chiesto da Viacom, 1 miliardo di Dollari USA, calcolato in base al numero visite dei file incriminati.

Ricordiamo brevemente che Viacom ha nel proprio universo realtà come MTV, Paramount e DramWorks, veri e propri colossi dell'intrattenimento domestico e non. E' di questi giorni la notizia che vede Viacom uscire sconfitta dalla battaglia legale, nella forma di respingimento della causa, poiché il giudice ha ritenuto YouTube conforme alle direttive del Digital Millennium Copyright Act del 1998.

Cercando di capirci di più, YouTube si è adeguata fin da subito alle indicazioni del Digital Millennium Copyright Act, rimuovendo contenuti palesemente illegali e regolamentando i rimanenti. Da qui la decisione del giudice, che ha visto in YouTube l'impegno concreto ad adeguarsi, smontando uno dei cardini dell'accusa che riteneva youTube consapevolmente e volontariamente impegnata a pubblicare materiale illegale al fine di aumentare le visite.

La notizia è proprio di questi giorni, motivo per cui non è ancora chiaro se Viacom si dichiarerà vinta o sceglierà di riformulare l'accusa in modi differenti. Lo stringato comunicato stampa è apparso nel blog di Youtube, disponibile a questo indirizzo.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

8 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
StyleB24 Giugno 2010, 10:18 #1
mah... mi sembra giusto! da sempre il tubo o rimuove i video illecitamente caricati o rimuove la traccia audio rompendo i totani a chi carica files... (basta zappinare 10min tra i video per beccarne 1 o 2 senza traccia audio o rimossi)... ma dev'essere anche difficile star dietro alla moel di dati caricati ogni giorno e quindi diventa quasi impossibile (salvo assumere un centinaio e + persone con il compito di zappinare ed eliminare files protetti da c) quindi mi sembra alquanto insensata come causa...
cristo197624 Giugno 2010, 10:56 #2
Sbaglio o alcune multinazionali per uscire meglio dalla crisi si rifanno su altre multinazionali in forma per spillare quattrini con scuse idiote?
Special24 Giugno 2010, 11:25 #3
No cristo, non penso proprio visto i calibri che si sono affrontati questi conoscono tutto tranne che la crisi..
Più che altri mi fa ridere come in america battano un colosso simile e come in italia vengano schiacciati da dei quaquaraquà
Pikazul24 Giugno 2010, 11:40 #4
@cristo1976:
Sbagli, spendere milioni in una causa persa in partenza non è un modo per uscire dalla crisi, anzi. E anche se vincessero potrebbero chiedere che il tubo cambi modus operandi, non un risarcimento multimiliardario.
Queste cause sono sostanzialmente FUD, l'obbiettivo è rafforzare l'immagine che diffondere materiale senza autorizzazione è sbagliato e illegale.
Non che ci perdano chissà quante vendite se tizio pennello pubblica un video di se stesso che balla sulle note di waka waka, ma se si comportassero diversamente potrebbero dare l'idea che la pirateria per loro non è un problema e molte persone comincerebbero a scaricare impunemente "perchè a loro va bene". Questo non sarebbe sostenibile visto che ricchi o no, qualcuno la musica deve comprarla altrimenti il mercato collassa.

In altre parole, un certo numero di parassiti è fisiologico, ma bisogna assicurarsi che chi ha la possibilità di comprare non rinunci a farlo sottovalutando il problema.
Senryu_9124 Giugno 2010, 12:29 #5
Oltre a rimuovere video protetti da copyright è in atto una censura anche contro video scomodi (vedi attacchi a tankerenemy, stegalXX e molti altri..) questo nessuno lo dice, fanno schifo.
riuzasan25 Giugno 2010, 00:46 #6
E' sempre più ridicolo tentare di colpire i proprietari di un'autostrada inece degli automobilisti che trasportano droga, armi o altro.
ilmassa125 Giugno 2010, 05:02 #7
E' sempre più ridicolo tentare di colpire i proprietari di un'autostrada inece degli automobilisti che trasportano droga, armi o altro.


Quindi ThePirateBay era legale?
Perchè lo hanno filtrato?
In pratica funziona come youtube.

Chi vede le cose sul tubo, è come chi scarica roba illegalmente.
NWEvolution25 Giugno 2010, 11:06 #8
Originariamente inviato da: ilmassa1
Quindi ThePirateBay era legale?
Perchè lo hanno filtrato?
In pratica funziona come youtube.

Chi vede le cose sul tubo, è come chi scarica roba illegalmente.


Infatti filtrarlo era uno sbaglio... hanno accusato l'autostrada di traffico d'armi...

il problema con internet è che i trafficanti d'armi sono troppi e molto difficili da trovare... molto più semplice colpire il primo che vedi sul luogo del delitto.

Loro hanno dato un messaggio a tutti, in modo che la gente stessa diventi polizia e viva nel terrore di trovarsi in mezzo.
Questo forum ne è la prova... io stesso sono stato bannato per 3 giorni perchè ho detto con in moderni DLC si istigava alla pirateria, mi hanno detto che avrei dovuto leggere il regolamento prima di postare.. giuro che l'ho letto.. e non ho ancora trovato la clausola di cui parlano... è vietato postare materiale illegale... non commentare l'eventuale aumento di tale materiale su internet.

La caccia alle streghe nel medioevo ha avuto un'inizio simile.

tornando al tubo.... per quanto ho letto io, è stato assolto perchè ha provato che erano i dipendenti di Viacom a mettere materiale illegale su youtube, e non utenti casuali.

Molto furbo far mettere materiali illegali per poi dire "è stato lui"... questo dimostra solo che è una caccia alle streghe... fortuna che è Google a controllare Youtube e ha il potere di controbattere efficacemente..

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^