VIA annuncia il controller di seconda generazione Envy24-II

VIA annuncia il controller di seconda generazione Envy24-II

VIA Technologies durante un incontro con la stampa presenta il nuovo controller audio Envy24-II, memore dell'entusiasmo del pubblico per il chip di precedente generazione

di pubblicata il , alle 10:30 nel canale Multimedia
 

Interessanti novità da VIA Technologies nel campo dei chip di controllo audio e non solo, direttamente per voce di Steve Chen, assistente esecutivo del CEO di VIA. Il successo fra il pubblico del chip Envy24, adottato per esempio sulle schede audio Terratec, cerca una conferma nei successori del fortunato prodotto.

VIA ha infatti presentato la roadmap per il futuro molto prossimo riguardante l'evoluzione dell'Envy24, ora denominata Envy24-II. VIA ha inoltre colto l'occasione di mostrare come le proprie soluzioni siano state scelte anche da aziende non direttamente legate al mondo informatico e comunque non solo all'ambito desktop.

La slide mostra le due linee di controller dotate di interfaccia sia PCI che Mini-PCI. Per quanto riguarda il primo tipo possiamo vedere il noto chip VT1724, la cui immagine è riportata all'inizio dell'articolo, che viene utilizzato sulle schede Terratec Aureon 7.1 Space e Terratec Aureon 7.1 Universe. Il target di utilizzo di questi prodotti è per lo più rappresentato dall'utenza consumer con particolare riferimento all'assemblaggio di sistemi multimediali per la visione di film DVD, per il gioco o anche per la produzione di musica a livello amatoriale e semiprofessionale.

Per il mercato notebook invece possiamo notare i modelli Envy24 MT e GT, differenziati per il supporto ad un numero maggiore di canali per il secondo modello.

Envy24-II

Il nuovo controller prende il nome di Envy24-II, che si distingue dal chip di precedente generazione per il supporto agli 8 canali stereo in entrata ed uscita, mantenendo la risoluzione di 24 bit e 192 kHz sia in digitale che in analogico tanto cara a VIA Technologies. Ricordiamo, infatti, che il colosso produttore di chipset è il primo sostenitore della VIA True 24 Initiative, un'iniziativa il cui scopo è quello di diffondere l'audio alla risoluzione di 24 bit e 192 kHz non solo a livello di codec, ma in tutto il percorso di elaborazione del suono.

Si può notare il supporto a due porte MIDI, contro la singola porta della versione precedente, mentre è previsto un mixer digitale in hardware lavorante a 32 bit da 36 canali.

Per quanto riguarda i codec spicca il modello VT1708, 8 canali in output e risoluzione di 24 bit e 192 kHz, compatibile con lo standard Intel High Definition. Naturalmente tale soluzione è l'ideale per la realizzazione di schede audio o per l'integrazione su schede madri e notebook dei DSP della famiglia Envy24 in quanto è in grado di sfruttarne appieno le qualità tecniche di calcolo ad elevata precisione.

Prova sul campo

La conferenza è stata anche l'occasione per vedere all'opera il chip di VIA, nella nuova versione V1712. Pur esulando dalle competenze e dai temi normalmente trattati da Hardware Upgrade, segnaliamo un prodotto della Lionstracs che ha scelto proprio il chip VIA per una delle proprie soluzioni professionali al di fuori dell'ambito strettamente informatico.


Il cuore della audio-midi-video workstation x-76

 

La workstation di Lionstracs si basa su sistema operativo Linux Red Hat 9 e sfrutta un hardware derivato dal mondo dell'informatica. Il processore Athlon XP nella versione 2000+ (o 2400+, a seconda della versione di tastiera) trova alloggiamento su una comune motherboard, in modo da poter essere sostituito in seguito. Anche gli altri componenti hardware sono quelli tipici del mondo informatico, con hard disk EIDE, scheda GeForce 4 MX, masterizzatore DVD e quant'altro.

Il tutto viene pilotato attraverso un monitor di tipo touch screen da 8,4 pollici con risoluzione 800x600; il software di gestione della tastiera è sviluppato da Lionstracs, soggetto ad aggiornamenti ogni circa 10 giorni riguardanti sia il sistema stesso, sia i banchi dei suoni, il tutto attraverso una comune connessione ad internet.

Non è questa la sede per spiegare quali potenzialità un sistema del genere, basato su sistema operativo open source e software sviluppato ad hoc, possa avere; ciò che VIA ha voluto sottolineare è la completa gestibilità e potenza del chip anche per soluzioni professionali.

Ringrazio Raffaele Fanizzi per l'aiuto nella stesura della notizia.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

25 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
velociraptor6812 Novembre 2004, 10:57 #1
No comment.
Non vedo come un trabiccolo come questo possa interessare ad un musicista live dove basta un portatile e un modulo esterno firewire.
I programmi sotto windows ce ne sono a bizzeffe, non capisco cosa ci possa fare un musicista con linux.
Solita sperimentazione del piffero.
Alessandro Bordin12 Novembre 2004, 11:03 #2
"Il programma ha eseguito un'operazione non valida" ti dice qualcosa?

Magari nel bel mezzo di un'esecuzione live?

La parola open-source e di conseguenza un buona disponibilità di tool e software gratis fa schifo?

Sai quanto costa Pro Tools, per esempio?



Si può condividere o meno l'idea, ma magari ad altri può anche interessare.
ErPazzo7412 Novembre 2004, 11:16 #3
Scusa ma si parla di una tastiera o di un SO?
Che c'entrano i programmi io sulla GEM nn ho i programmi che dici te!
Ciao
benotto12 Novembre 2004, 11:20 #4
Credo che al musicista di Linux non gliene freghi niente.
Quella è una tastiera; che poi il SO sia un linux +o- customizzato o un SO proprietario di Yamaha al tastierista frega poco.
E' + che probabile che suddetto tastierista la collegherebbe al sui portatile windows...
Alessandro Bordin12 Novembre 2004, 11:33 #5
Originariamente inviato da ErPazzo74
Scusa ma si parla di una tastiera o di un SO?
Che c'entrano i programmi io sulla GEM nn ho i programmi che dici te!
Ciao



Di tutti e due.

Il SO fa da supporto alla gestione della tastiera, che quindi è sia tastiera che PC, con i benefici del caso, come regstrazione in diretta di più canali, masterizzazione su CD o DVD diretta, editing di quanto suonato, programmabilità di una serie praticamente infinita di cose, aggiornabilità, campionatore praticamente illimitato nelle memorie e nelle funzionalità ecc ecc.

E' difficile da speigare a parole comunque, è da vedere. Se non l'avessi vista andare avrei gli stessi dubbi
dwfgerw12 Novembre 2004, 11:39 #6
scusate ma dentro non c'e' winzzoz ma linux ;-)
fuztec2512 Novembre 2004, 11:45 #7

Ragazzi...

I chip audio della ICEnsemble, sono de facto standard per la produzione musicale di medio-basso livello, pur rappresentando comunque un esempio di come si possa produrre ottimo hardware a costi davvero ragionevolissimi!

Il fatto che, un'azienda professionale come LionsTracs produca una workstation assolutamente professionale, come quella evidenziata, è sintomatico della tendenza che vanno via via assumendo le architetture di sintesi e produzione musicale "aperte", contro la sintesi chiusa delle workstation che abbiamo utilizzato fino ad ora, basate esclusivamente sul ROM playing...

In buona sostanza e con buona pace di tutti, posso altresì assicurarvi che "quel genere di mostro riportato", è comunque in buona sostanza un "qualcosa" di cui l'ingegnere del suono sentiva la mancanza, ovvero un sistema "all-in-one" su cui fare affidamento, specie nelle problematiche di generazione audio...

Poi possiamo discutere o meno sul fatto che "ci piaccia o no"... Sappiate che ai professionisti, è molto più gradita una cosa come questa anzichè 3-4 synth/campionatori/ROMplers noleggiati al momento (e su cui costruire i suoni).

Fatto è che l'ultimo album di Mark Knopfler, è stato registrato/modificato/mixato/masterizzato con una workstation "O...L..." basata su un Dual Opteron, anch'essa "all-in-one" e questo è solo l'inizio... Altri ne verranno (ed anche a contendere il dominio del ProTools).

...Giusto per finire il discorso, l'altro tastierista della mia band (siamo in 2) utilizza un bel sistema di riproduzione audio: un portatile con una scheda audio FireWire (M-Audio), Cubase SX 2, Reason e FM7 (sotto WinXP). Devo dire che il sistema è ottimo e suona davvero benissimo... Se non fosse che, ognitanto, il tutto si comporta in modo anomalo (sparizione del pedale di sustain e totale "menefreghismo" dei pedali di espressione... Il tutto quando si suona dal vivo ).

...E vi garantisco che non è contento...

Io invece, come da sponsorizzazione oramai quindicennale , utilizzo sempre e solo i campionatori della E-mu (ora suono con due Emulator 4: ne avevo presi 2 perchè uno lo tenevo di backup ma, in tanti anni, mai avuto il benchè minimo problema... Pertanto li utilizzo congiuntamente).

Detto questo... Lode alla LionsTracs per aver creduto e realizzato uno strumento imponente... E non solo come dimensioni! Credo che lo strumento in questione possa davvero competere, dal punto di vista musicale, con le produzioni americane.

Buona giornata a tutti, Fuz!
ErPazzo7412 Novembre 2004, 11:56 #8
x alessandro bordin:
grazie della risp. la mia era una critica a velociraptor che parlava di portatile+winzozz, stiamo parlando di una tastiera il paragone si deve fare con le altre tastiere. E mi sembra che 1 os stabile, veloce ,affidabile e soprattutto flessibile come linux potrebbe fare di questa tastiera 1 oggetto molto interessante.
Magari avremo la prima tastiera musicale-router
Cia'.
Alessandro Bordin12 Novembre 2004, 12:03 #9
Originariamente inviato da ErPazzo74
Magari avremo la prima tastiera musicale-router


Tu scherzi.. ma può fare anche quello

Ha una porta 10/100 e slot PCI liberi per aggiungere ulteriori schede di rete e quant'altro... quindi....
frankie12 Novembre 2004, 12:57 #10
Beh almeno non devi PAGARE in più tot euri per il sistema operativo...

Vediamo anche questo di lato

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^