Un paio di risposte alle parole di Steve Jobs sul DRM

Un paio di risposte alle parole di Steve Jobs sul DRM

Prime reazioni alle parole di Steve Jobs, che ha recentemente dichiarato di essere favorevole all'abolizione del DRM

di pubblicata il , alle 11:32 nel canale Multimedia
 

Come prevedibile, non sono mancate le prime risposte ed i primi commenti alle parole di Steve Jobs, riassunte in un focus pubblicato sulle nostre pagine. La prima è di una persona singola, che a molti non dirà nulla: Jon "DVD Jon" Johansen. Il peso delle sue parole è diverso rispetto a quello di molti, essendo di fatto la persona che ha aggirato le protezioni CSS e "aperto" il sistema di Apple FairPlay.

Diverse le critiche mosse a Steve Jobs, che meritano una menzione. In primis Jon fa notare come Steve Jobs non sia per nulla sincero, in quanto se volesse potrebbe benissimo vendere brani senza DRM. La prova? Molti dei brani presenti su Apple Music Store sono commercializzati anche dal sito eMusic, senza alcuna protezione. Essendo identiche le case discografiche detentrici dei diritti, appare chiaro come vi sia un concorso di interessi fra case discografiche e Apple ad adottare un sistema chiuso.

Johansen critica inoltre il modo di fare statistica di Steve Jobs, che fornirebbe solo alcuni dati e mai quelli importanti. Steve Jobs si vanta dicendo che esiste un utente che ha acquistato quasi 30.000 dollari in brani musicali, omettendo di dire quanti dei 90 milioni di iPod siano ancora in circolazione e soprattutto quale sia la media di brani per singolo iscritto all'Apple Music Store. Quella di 22 brani ad utente infatti tiene conto dei brani e degli iPod venduti da sempre. Esistono moltissimi utenti che non hanno mai fatto acquisti musicali, così come altri molto più portati all'acquisto on-line di materiale multimediale.

Sull'ipotesi che la concessione della licenza di FairPlay ne possa mettere a rischio la sicurezza (come se solo Apple fosse in grado di garantirla), fa notare come il sistema di protezione DRM di Microsoft sia concesso in licenza e vanti, ad oggi, lo stesso livello di sicurezza di FairPlay. Johansen pensa dunque che alla base ci sia più la scarsa volontà di Steve Jobs di concedere in licenza FairPlay in modo da legare a doppia mandata brani e prodotti Apple, piuttosto che altre motivazioni relative alla sicurezza.

Di tutt'altro tenore il parere della RIAA (Recording Industry Association of America), che dalle pagine del Los Angeles Times si dichiara entusiasta per l'apertura di Steve Jobs alla concessione in licenza di FairPlay ad altre aziende. La verità è però diversa, in quanto Steve Jobs ha elencato una serie di motivazioni che sono alla base della sua diffidenza nel concedere in licenza FairPlay ad altri. La RIAA, probabilmente presa dalla foga di dire la propria sul DRM, non ha probabilmente letto con attenzione quanto scritto da Steve Jobs.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

36 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Dahlar08 Febbraio 2007, 11:39 #1
In primis Jon fa notare come Steve Jobs non sia per nulla sincero, in quanto se volesse potrebbe benissimo vendere brani senza DRM. La prova? Molti dei brani presenti su Apple Music Store sono commercializzati anche dal sito eMusic, senza alcuna protezione. Essendo identiche le case discografiche detentrici dei diritti, appare chiaro come vi sia un concorso di interessi fra case discografiche e Apple ad adottare un sistema chiuso.


Ma no che pensate... sempre a pensar male.
Jobs? E' un santo, deve pure essere canonizzato a breve e concorrerà sicuramentre a diventare Santo Padre.
Sono tutte calunnie... solo cattiveria per chi non adora e non ha fede in Apple.

Se qualcuno pensasse che sono un po matto, magari può aver ragione, ma se qualcuno pensa che dica sul serio, e non stia facendo un po di ironia, allora il matto non sono io!

E proprio ieri ho detto quello che pensavo sulle dichiarazioni di Jobs...
era solo una mossa propagandistica per dare alla Apple una facciata più "umana" e meno commerciale, ma da questo punto di vista la Apple è, e resta, solo uno dei più grossi squali assetati di denaro.
GabrySP08 Febbraio 2007, 11:58 #2
....un utente che ha acquistato quasi 30.000 dollari in brani musicali....


Sarà OT, ma sono convinto che questa possa essere la persona più idiota del mondo (politici esclusi ).

Se uno ha 30000 $ da spendere in musica come si fa a sentire quelle zozzerie di mp3

Quel tizio con tutti i drm che si ritrova potrebbe riempirci un container
AndreaG.08 Febbraio 2007, 11:59 #3
Ho sempre pensato, a prescindere da questo discorso sul DRM, che Jobs fosse uno dei personaggi "arrivati", considerati dalle folle un "quasi onesto",uno dei più lerci..... e mi scuso per il termine lercio...ma non me ne viene un altro + adeguato al mio pensiero....

Le parole di Jon "DVD Jon" Johansen non sono che una conferma al mio personalissimo pensiero di sempre
EddieIng08 Febbraio 2007, 12:00 #4
Scusate l'OT, ma visto che si parla anche di RIAA non ho resistito a
postarvi questa notizia:

http://it.theinquirer.net/2007/02/s..._dovrebber.html

HBsoul08 Febbraio 2007, 12:03 #5
ma cosa dite!?!?

(blow) giobs è un personaggio ammirevole. tutto quello che fa, lo fa per il bene dei consumatori. siete veramente prevenuti! è solo bill il cattivo, stiv è un angelo mandato in terra da dio entertainment e da dio fashion.
AndreaG.08 Febbraio 2007, 12:05 #6
Originariamente inviato da: EddieIng
Scusate l'OT, ma visto che si parla anche di RIAA non ho resistito a
postarvi questa notizia:

http://it.theinquirer.net/2007/02/s..._dovrebber.html




l'ho letta stamattina!

Sono dei folli, è come dire che la benzina se prendo il prezzo del 1974 e la capitalizzo al tasso di inflazione medio del 3% medio annuo oggi costerebbe qualche decina di euro al litro!

come scritto li ovviamente i prezzi di produzione (in tutti i settori) calano col passare del tempo... non salgono....

Ma chi è che fa queste considerazioni? porca miseria che ingoranza..
DevilsAdvocate08 Febbraio 2007, 12:09 #7
Ehm.... penso pero' che sia anche possibile che Apple sia attualmente obbligata per contratto a vendere la musica di alcune etichette
soltanto coi drm dentro..... bisognerebbe investigare a fondo..
matcy08 Febbraio 2007, 12:10 #8
hai comprato l'ipod? ok adesso compri la musica su itunes.
hai regalato l'ipod anche alla tua tipa? te le ricompri.

e la apple fattura.

fine del discorso. le altre parole che gi girano intorno non contano un fico secco:
Originariamente inviato da: Steve Jobs
drm, licenze, sicurezza, blah, blah, RIAA, wireless, yada, yada, bluetooth, salamadonna, prestigiribirilizzazione, mago forrest, buco dell'ozono, buco dell'azoto, blah blah, fatima, yada, yada, quad core...


qui tra ipod e itunes si fa prima ad andare a zoccole
HBsoul08 Febbraio 2007, 12:13 #9
Originariamente inviato da: matcy
qui tra ipod e itunes si fa prima ad andare a zoccole

così alla zoccola non "devi" regalare l'ipod e ricomprare la canzone
A.L.M.08 Febbraio 2007, 12:27 #10
Originariamente inviato da Steve Jobs
drm, licenze, sicurezza, blah, blah, RIAA, wireless, yada, yada, bluetooth, salamadonna, prestigiribirilizzazione, mago forrest, buco dell'ozono, buco dell'azoto, blah blah, fatima, yada, yada, quad core...


Io aggiungerei anche "antani, tapioca, supercazzola con scappellamento a sinistra".

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^