Primi moduli wireless 802.11ac sui dispositivi

Primi moduli wireless 802.11ac sui dispositivi

Anche se l'iter di approvazione dello standard 802.11ac non è ancora terminato alcuni produttori iniziano a integrare moduli wireless che supportano tali specifiche. Senza addentrarci in un approfondimento eccessivo cerchiamo di capire le principali caratteristiche del nuovo standard e le possibilità offerte

di Fabio Boneschi pubblicata il , alle 12:27 nel canale Multimedia
 

Da un sito cinese apprendiamo che probabilmente sulla nuova generazione di portatili Mac - la fonte non specifica ulteriori dettagli sui modelli - verrà installato un modulo wireless con standard 802.11ac. Le immagini mostrano un componente Broadcom BCM94260CD con connessione PCI-E che integra su un unico PCB la circuiteria necessaria alla connessione con standard 802.11ac e Bluetooth 4.0.

La progettazione di dispositivi dotati di moduli Wi-Fi 802.11ac non è una novità assoluta: già dallo scorso anno vari produttori hanno iniziato a utilizzare i nuovi chipset e anche i recenti smartphone Samsung Galaxy S4 e HTC One/M7 integrano il modulo BCM4335. Il nuovo standard prenderà piede nei prossimi mesi con tempistiche difficilmente prevedibili, ma riteniamo sia il caso di approfondire meglio quali siano le caratteristiche e le possibilità offerte da 802.11ac.

Va specificato che il processo di approvazione dello standard è ancora in corso e dovrebbe terminare solo nel 2014 e per completezza segnaliamo la roadmap di approvazione prevista dall' IEEE (Institute of Electrical and Electronics Engineers) è disponibile a questo indirizzo. Al momento per lo sviluppo dei dispositivi ci si basa su specifiche Draft 5. Come già accaduto in passato, i produttori utilizzano in anticipo le specifiche non ancora ufficialmente ratificate, con la consapevolezza che giunti ormai alle fasi finali del processo di standardizzazione non possano verificarsi importanti stravolgimenti.

Lo standard IEEE 802.11ac dovrebbe utilizzare lo spettro di banda dei 5GHz le cui frequenze al momento sono ancora poco congestionate; è però prevista la retrocompatibilità con i dispositivi in standard 802.11n operanti anche a 2,4GHz.

Il nuovo standard in via di approvazione viene anche definito Gigabit wireless perché, a livello teorico e in condizioni ideali, due apparati che supportano le specifiche 802.11ac dovrebbero essere in gradi di realizzare un link con velocità pari a 1,3Gbps. L'attuale standard 802.11n in condizioni ideali e teoriche promette una velocità di trasferimento di 450Mbps.

Con il nuovo standard vengono riprese e migliorate alcune tecnologie già note come il MIMO (Multiple-Input e Multiple-Output) che prevede la trasmissione contemporanea degli stessi dati utilizzando più trasmettitori presenti sul dispositivo. Ovviamente anche lato client devono essere presenti più ricevitori con le varie possibilità previste. Per quanto visto fino ad oggi in ambito PC venivano gestiti al massimo 3 segnali contemporaneamente con la possibilità di raggiungere velocità teoriche di 450Mbps o di offrire una maggior copertura del segnale.

Tra le specifiche dell'802.11ac va evidenziata la possibilità di gestire fino a 8 stream e la capacità di utilizzare canali della larghezza di banda di 160MHz rispetto agli 80MHz previsti dagli standard in uso. Una caratteristica ulteriormente interessante è che questi canali possono essere adiacenti o meno, il che offre una maggior flessibilità in caso di spettro particolarmente congestionato. La retrocompatibilità con i precedenti standard impone all' 802.11ac di poter funzionare anche con canali da 80, 40 o 20MHz, ma in queste situazioni si avranno prestazioni inferiori.

Con il nuovo standard è previsto anche il supporto al multi-user MIMO che in termini estremamente pratici consiste nella possibilità offerta a una base station di comunicare con più utenti anche sul medesimo canale. Un access point potrebbe ad esempio trasmettere contemporaneamente pacchetti a più smartphone connessi sullo stesso canale. Le opportunità offerte da questa caratteristica sono elevate ma dovranno essere i produttori dei dispositivi di rete a trovare valide soluzioni di impiego.

Un ultimo elemento interessante relativo al nuovo 802.11ac riguarda la standardizzazione delle soluzioni di Beamforming per ottimizzare il collegamento tra trasmittente e client in base alla posizione di quest'ultimo, alla presenza di ostacoli o interferenze. Già oggi sono disponibili vari dispositivi che supportano queste tecnologie ma il fatto di farle rientrare in uno standard con precise specifiche è un sicuro passo avanti.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

8 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
!fazz22 Maggio 2013, 14:05 #1
@ pegamugh il tuo discorso è nettamente ot, sei pregato di rimanere it
WarSide22 Maggio 2013, 15:10 #2
Bene che abbiano standardizzato gli algoritmi di beamforming (col wireless già è standardizzato il 99% della roba e tra AP e STA spesso nascono incompatibilità...), bene i miglioramenti della tecnica MIMO, ma a livello di modulazione e frequenza scelta direi che non ci siamo... cavolo a 5GHz basta un muro e sei fregato.

Arrivi a quei throughput se sei in openspace ed hai le STA dove sono posizinate le antenne...
!fazz22 Maggio 2013, 15:56 #3
Non essere così drastico i 5 ghz , peraltro già usati nel wifi , non è che vengono fermati da un foglio di carta, si fanno trabquillamente un paio di piani ( con pavimenti in acciaio )
LASCO22 Maggio 2013, 16:55 #4
Originariamente inviato da: !fazz
Non essere così drastico i 5 ghz , peraltro già usati nel wifi , non è che vengono fermati da un foglio di carta, si fanno trabquillamente un paio di piani ( con pavimenti in acciaio )


a me è ancora poco chiaro come cambi l'efficienza di una rete wifi in funzione della struttura di un appartamento/edificio.
In alcuni casi riesco ad utilizzare reti da un piano all'altro, da una casa all'altra.
Mentre in certi casi neanche riesco ad usare una rete wifi all'interno di una casa spostandomi in alcune stanze che si trovano a 10 metri dal router e quasi senza mura che s'interpongano.
!fazz22 Maggio 2013, 17:03 #5
Dipende da tantissimi fattori, talmente interconnessi con l'ambiente per fare un discorso generalizzato (aka diverso ambiente conportamento molto diverso e spesso basata avere una porta aperta o chiusa per cambiare drasticamente il comportamento del sistema cmq ti assicuro che la frequenza é l'ultima cosa da guardare su queste distanze é molto più importante guardare l'ourput power il guadagno dell'antenna e il suo diagramma di radiazione e ultimo ma non per questo meno importante la sensibilità del ricevitore
Tasslehoff22 Maggio 2013, 17:27 #6
Riguardo ai 5GHz non mi pare che ci sia molta alternativa, il range dei 2.4GHz è talmente ridicolo che spesso si fa fatica a trovare lo spazio per un canale senza interferire con altre reti.

A me francamente questa corsa alla banda non sembra essere così prioritaria, preferirei un approccio tipo 802.11r ovvero concentrarsi sul roaming con un passaggio trasparente tra un AP e l'altro.
Questo è ancora più pressante considerando le criticità dei 5GHz in termini di propagazione (rispetto ai 2.4GHz chiaramente, non in termini assoluti).

Originariamente inviato da: LASCO
a me è ancora poco chiaro come cambi l'efficienza di una rete wifi in funzione della struttura di un appartamento/edificio.
In alcuni casi riesco ad utilizzare reti da un piano all'altro, da una casa all'altra.
Mentre in certi casi neanche riesco ad usare una rete wifi all'interno di una casa spostandomi in alcune stanze che si trovano a 10 metri dal router e quasi senza mura che s'interpongano.
Ci sono sempre troppe variabili in gioco per poter prevedere la propagazione del segnale wireless, non a caso una delle regole d'oro è sempre fare una site survey prima di attivare una rete per rendersi conto delle reti già esistenti, dei canali disponibili, dell'attenuazione dovuta alla struttura, delle interferenze di altri dispositivi (es telefoni cordless o forni a microonde), propagazione etc etc etc...

Se vuoi approfondire posso consigliarti questo testo che sto leggendo proprio in questi giorni.
demos8822 Maggio 2013, 21:25 #7
Mah... il WiFi 5Ghz del mio Asus u55n muore a 7 metri in linea d'aria attraversando un solaio, dove invece il 2,4Ghz (n) ha ancora 4 tacche su 5.
Tasslehoff23 Maggio 2013, 00:14 #8
Non voglio contraddire la tua esperienza ne mettere in dubbio la tua buona fede, però prendere un economico router adsl con access point integrato da utenza domestica (che è di gran lunga superiore come fascia di prezzo e features di quello che io uso a casa mia, sia chiaro) come esempio realistico sulle screditare i 5GHz mi pare un po' azzardato...

Se qualcuno avesse avuto questo problema con una rete wireless complessa, con access point di un certo tipo (chessò Ubiquiti o Aironet) magari con controller dedicati allora ci sarebbe da preoccuparsi...
Ma da un AP assemblato da un produttore che fa tutto e il contrario di tutto, che probabilmente monta componenti economici e antennine da 2 dBi di guadagno, dove magari l'utilizzo della banda a 5GHz è stato introdotto giusto come trovata da marketing... beh non è proprio un esempio significativo.
Ribadisco che è cmq un router infinitamente superiore alla infima baracca Netgear che sto usando a casa io stesso (in attesa di trovare un alimentatore sostitutivo per il mio adorato Cisco soho77).

A prescindere da ciò, come dicevo il passaggio dai 2.4 ai 5GHz tra poco non sarà più una scelta ma sarà un obbligo visto la saturazione totale di quelle frequenze e la disponibilità ridicola di canali.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^