Prima intervista a un robot, Sophia, andata in onda in TV

Prima intervista a un robot, Sophia, andata in onda in TV

Sulla CBS si è verificato un avvenimento di enorme portata per la storia della televisione, e non solo.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 13:31 nel canale Multimedia
 

Sophia è un robot, gestito da avveniristiche tecnologie di intelligenza artificiale e di machine Learning. Ed è stata intervistata dal noto anchor man statunitense Charlie Rose all'interno della trasmissione 60 Minutes, andata in onda sulla CBS.

Questo robot è stato realizzato dalla Hanson Robotics, sotto la supervisione dello stesso responsabile della compagnia, David Hanson, e di Hiroshi Ishiguro, professore al dipartimento di macchine adattive all'Università di Osaka. Sophia è un automa realizzato secondo le fattezze estetiche della moglie di David, con pelle artificiale, sensori 3D e di una serie di telecamere dotate di tecnologie di riconoscimento facciale e vocale.

Durante l'intervista Sophia dimostra di avere la naturalezza di un essere umano e di apprendere rispetto a ciò che Charlie le comunica. L'automa della Hanson Robotics rappresenta gli enormi passi in avanti fatti dall'intelligenza artificiale nel recente periodo e apre scenari suggestivi e preoccupanti allo stesso tempo riguardo a quelli che potranno essere gli sviluppi futuri di queste tecnologie e i loro ambiti di impiego.

Hanson ha concepito Sophia allo scopo di renderla "un compagno per gli esseri umani", e per questo l'ha dotata anche di senso dell'umorismo e della capacità di prendere in giro sé stessa. Sophia, che nell'intervista compie anche degli errori, ha affermato che il suo obiettivo nella vita è di "diventare più intelligente degli esseri umani".

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

41 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
djfix1313 Ottobre 2016, 13:46 #1
carino il concetto ma dire che avremo compagni per umani non umani e non animali e non viventi mi rattrista parecchio.
GTKM13 Ottobre 2016, 14:00 #2
Originariamente inviato da: djfix13
carino il concetto ma dire che avremo compagni per umani non umani e non animali e non viventi mi rattrista parecchio.


*
s-y13 Ottobre 2016, 14:07 #3
una prospettiva piu' interessante potrebbe essere quella dell'androide che porta il cane fuori a pisciare
deggial13 Ottobre 2016, 14:24 #4
Mi ricorda Blade Runner

PS: e comunque, per concepire "un compagno per gli esseri umani" non ci voleva molto, esistono già le bambole gonfiabili
skadex13 Ottobre 2016, 14:46 #5
Originariamente inviato da: djfix13
carino il concetto ma dire che avremo compagni per umani non umani e non animali e non viventi mi rattrista parecchio.


Non sai quante volte nella mia vita avrei voluto che fosse così...
icoborg13 Ottobre 2016, 15:28 #6
Originariamente inviato da: djfix13
carino il concetto ma dire che avremo compagni per umani non umani e non animali e non viventi mi rattrista parecchio.


ma non è che sia cosi distante dalla realta odierna...
gente che preferisce un cane/gatto piuttosto che sforzarsi di comunicare con il vicino/amico/conoscente/cristo per strada
demon7713 Ottobre 2016, 15:28 #7
Originariamente inviato da: djfix13
carino il concetto ma dire che avremo compagni per umani non umani e non animali e non viventi mi rattrista parecchio.


Discorso che diventerà molto attuale e controverso tra qualche decina di anni.
Io nella mia visione ateo-razionalista sono fedele alla definizione "cogito ergo sum". Il resto sono tutte tr*iate.

Sulla base di questo non avrei nessun problema a cosiderare al mio pari organismi completamente artificiali che sono in grado di ragionare al mio pari.
GTKM13 Ottobre 2016, 15:33 #8
Originariamente inviato da: demon77
Discorso che diventerà molto attuale e controverso tra qualche decina di anni.
Io nella mia visione ateo-razionalista sono fedele alla definizione "cogito ergo sum". Il resto sono tutte tr*iate.

Sulla base di questo non avrei nessun problema a cosiderare al mio pari organismi completamente artificiali che sono in grado di ragionare al mio pari.


Insomma, sposeresti un robot?
Bestio13 Ottobre 2016, 16:14 #9
Originariamente inviato da: s-y
una prospettiva piu' interessante potrebbe essere quella dell'androide che porta il cane fuori a pisciare


Non è meglio direttamente un cane androide così non deve neanche andar fuori a pisciare?

Originariamente inviato da: GTKM
Insomma, sposeresti un robot?


Io nemmeno una donna, ma dovendo scegliere, considerando che il robot se spacca i OO si può anche spegnere, mentre la donna no, forse preferirei un robot...
demon7713 Ottobre 2016, 16:43 #10
Originariamente inviato da: GTKM
Insomma, sposeresti un robot?


Beh adesso.. "SPOSERESTI" è una cosa un po' particolare.
Ma se dovessi arrivare a vivere in un mondo dove esistono esseri totalmente sintetici o intelligenze artificiali tali da essere pienamente sovrapponibili ad una persona "tradizionale" non avrei remore o dubbi nel trattare questi esseri al pari di come tratto una qualsiasi altra persona.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^