Popcorn Time: 'E' colpa di Hollywood se abbiamo successo'

Popcorn Time: 'E' colpa di Hollywood se abbiamo successo'

Il team alla base di Popcorn Time risponde ufficialmente alle molteplici accuse e denunce arrivate negli scorsi periodi. Il successo del team è dovuto, secondo il team, all'inadeguatezza delle soluzioni legali concorrenti

di pubblicata il , alle 10:21 nel canale Multimedia
 

Secondo quanto riportato dal team di Popcorn Time, il successo dell'applicazione è dovuto principalmente alla mancanza di soluzioni alternative legali di pari qualità. In sostanza Popcorn Time offre gratuitamente quello che altri servizi a pagamento non riescono a dare, ed è così che ha maturato nel corso del tempo un successo dirompente. Le affermazioni arrivano in un momento molto delicato per l'app di streaming in peer-to-peer.

Popcorn Time è un servizio che propone illegalmente un catalogo di film e show televisivi pescandoli direttamente dalle reti BitTorrent. Lo streaming dei file avviene in P2P, come sui client torrent più diffusi, e la qualità è spesso ai vertici della categoria (connessione permettendo). Il servizio è difficilmente attaccabile sul piano giuridico visto che nessun file illecito è contenuto nei server della società, tuttavia Hollywood e detentori di diritti d'autore non dormono di certo sogni tranquilli.

Nelle scorse settimane abbiamo visto un'ondata di accuse rivolta al servizio di streaming illecito, prima negli Stati Uniti e poi in Norvegia, dove si sta cercando di colpire direttamente gli utenti di PopCorn Time. La società ha inviato un comunicato al sito TorrentFreak, sfogandosi su questi ultimi avvenimenti e denunciando l'inabilità di Hollywood e dei concorrenti "legali" di offrire contenuti di livello paragonabile a Popcorn Time.

"La gente è disposta a pagare, ma molti utenti si rifiutano di pagare per un catalogo insignificante con restrizioni relative al proprio paese d'appartenenza", sono state le parole del team. "I prezzi troppo elevati potrebbero essere un altro ostacolo: 20 dollari al mese non sono la stessa cosa in Uganda e negli Stati Uniti. Ma ovviamente la questione più problematica è relativa alla totale assenza di disponibilità legale in alcuni paesi".

Se da una parte la qualità del servizio di Popcorn Time è ritenuta superiore, dall'altra un'eccessiva burocrazia starebbe facendo il gioco delle fonti illegali: "Perché la gente in Francia deve aspettare due anni per vedere un film che è già disponibile negli Stati Uniti, quando entrambi pagano più o meno lo stesso quantitativo di denaro?", continua il comunicato, "Internet avvicina gli utenti, i quali iniziano a non tollerare più certe cose".

"Al momento, la pirateria sta rispondendo alle richieste delle persone, perché l'industria fatica a portare a compimento il passaggio all'età moderna", ha concluso infine il team alla base del servizio illecito. Insomma, attaccando Popcorn Time non si risolve il problema di fondo che porta allo sfruttamento della pirateria, secondo il team, che è l'incapacità del settore di adeguarsi alle nuove tecnologie.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

25 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
yukon31 Agosto 2015, 10:30 #1
Il servizio è difficilmente attaccabile sul piano giuridico visto che nessun file illecito è contenuto nei server della società



mi chiedo allora perchè oscurare siti come piratebay, visto che nemmeno in questi è contenuto alcun file illecito.

qualcosa non mi torna
gd350turbo31 Agosto 2015, 10:39 #2
"La gente è disposta a pagare, ma molti utenti si rifiutano di pagare per un catalogo insignificante con restrizioni relative al proprio paese d'appartenenza",

QUOTO - CONFERMO - SOTTOSCRIVO

Datemi un servizio di streaming in h265, full hd, con un bitrate decente e di contenuti recenti, e ditemi solo dove devo firmare, del prezzo ne discutiamo in seguito !
IL_mante31 Agosto 2015, 10:51 #3
quando arriverà lo steam per i film saremo tutti più contenti
Pecio8431 Agosto 2015, 11:02 #4
Fate un servizio come Spotify per i film, con doppio uso:

1) Free: all'inizio ed ogni mezz'ora di film mi mandate 2 minuti di pubblicità, ho accesso a tutto il catalogo tranne i film usciti nell'ultimo anno

2)Premium: con 10€/mese non ho pubblicità e ho l'accesso alle ultime novità
MaxFabio9331 Agosto 2015, 11:40 #5
Difficile dargli torto, ormai il mondo del Cinema deve adeguarsi ai tempi, disponibile su tutti i fronti, ed essere più competitivi ma allo stesso tempo anche la qualità deve aumentare, non so se sia colpa della pirateria (ne dubito) ma la qualità dei film sta calando a ritmi vertiginosi, si vede ben poco di decente ultimamente sugli schermi internazionali.
Lanzus31 Agosto 2015, 11:47 #6
Le soluzioni legali hanno troppi paletti burocratici da rispettare. Tant'è che sono curioso di vedere come agirà Netflix in italia. Tra vincoli assurdi con diritti di prelazione, vincoli di messa in onda e caos totale sui diritti di trasmissione li voglio proprio vedere ...

Infinity di mediaset (nonostante ci sia Sivlio dietro) sta facendo una fatica ENORME ad affermarsi e il catalogo offerto è a dir poco RIDICOLO. O si taglia la burocrazia o contro Popcorn time e simili avranno gia perso in partenza.
Jammed_Death31 Agosto 2015, 11:48 #7
il problema che succederà con lo streaming legale è lo stesso che c'è attualmente con la pay tv. Ognuno si farà il suo catalogo in base ai diritti acquistati e alla gente toccherà farsi 4 abbonamenti per poter vedere le cose che interessano...

uno spotify film-serie tv-doc sarebbe bellissimo ma probabilmente si scatenerebbe la terza guerra mondiale...non avrei nessun problema a vedere pubblicità in un servizio free come quello di spotify...ma figuriamoci, se pensiamo che sky fa uno spot di 5 minuti ogni 15 sulle prime tv serie\doc (senza contare l'esplosione del volume )
MaxFabio9331 Agosto 2015, 11:49 #8
Originariamente inviato da: Lanzus
Le soluzioni legali hanno troppi paletti burocratici da rispettare. Tant'è che sono curioso di vedere come agirà Netflix in italia. Tra vincoli assurdi con diritti di prelazione, vincoli di messa in onda e caos totale sui diritti di trasmissione li voglio proprio vedere ...

Infinity di mediaset (nonostante ci sia Sivlio dietro) sta facendo una fatica ENORME ad affermarsi e il catalogo offerto è a dir poco RIDICOLO. O si taglia la burocrazia o contro Popcorn time e simili avranno gia perso in partenza.


Concordo, se poi pensiamo che ci sono anche traduzioni ed adattamenti da fare!
Gylgalad31 Agosto 2015, 12:09 #9
secondo me siamo ancora in troppo pochi che usano popcorntime e simili per impensierire veramente le major.
lo zoccolo duro è ancora fatto di gente che paga le sky e mediaset e che va al cinema comunque.
Marko#8831 Agosto 2015, 13:32 #10
Originariamente inviato da: Pecio84
Fate un servizio come Spotify per i film, con doppio uso:

1) Free: all'inizio ed ogni mezz'ora di film mi mandate 2 minuti di pubblicità, ho accesso a tutto il catalogo tranne i film usciti nell'ultimo anno

2)Premium: con 10€/mese non ho pubblicità e ho l'accesso alle ultime novità


Io firmerei domani ma la tua ipotesi di versione free è utopia pura... nessuno sottoscriverebbe la versione premium, troppa poca differenza.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^