Netflix, modalità offline in arrivo entro fine anno?

Netflix, modalità offline in arrivo entro fine anno?

Netflix è attualmente al lavoro sull'introduzione di una modalità per vedere alcuni contenuti anche offline. A dirlo sono alcuni insider del settore

di Nino Grasso pubblicata il , alle 09:06 nel canale Multimedia
Netflix
 

Nei mesi scorsi il CEO di Netflix Reed Hastings ha dichiarato che la società non avrebbe chiuso le porte ad una modalità di riproduzione offline a priori. Ed è proprio su questo argomento che un report di giovedì di LightReading si sofferma: per mezzo delle parole di un insider del settore, Dan Taitz, la pubblicazione sostiene infatti che la società stia già sviluppando la modalità offline in previsione di un rilascio al pubblico che dovrebbe avvenire entro la fine dell'anno.

Netflix

"Sappiamo grazie alle nostre fonti interne che Netflix sta per lanciare questo nuovo prodotto", ha dichiarato Taitz, COO di Penthera. "Mi aspetto che Netflix lancerà il 'download-to-go' entro la fine dell'anno come opzione aggiuntiva per i propri clienti". Conferma la dichiarazione di Taitz anche Dan Rayburn, Principal Analyst di Frost & Sullivan: "Sentiamo da mesi ormai che stanno preparando la distribuzione di qualcosa di grosso che arriverà presto", sono state le parole dell'analista.

Netflix non conferma né smentisce: "Sebbene il nostro focus rimanga consegnare una grande esperienza di streaming, continuiamo ad esplorare continuamente nuovi modi per rendere il servizio sempre migliore", ha commentato Anne Marie Squeo, portavoce della società leader dello streaming online. "Non abbiamo altro da aggiungere al momento".

Il download dei contenuti per la visualizzazione in un secondo momento è un metodo molto meno comune rispetto allo streaming, ma al tempo stesso una possibilità aggiuntiva che diventerà molto importante anche per i servizi che si basano principalmente sullo streaming. A dirlo è lo stesso Dan Taitz, e di certo non ci sorprendiamo di questa affermazione: Penthera, la società per cui lavora, si occupa nella fattispecie di tecnologie per il download di video.

"Vedo ancora oggi il download come qualcosa che sta emergendo nella coscienza dei consumatori", sono state le parole di Taitz. "Ne conoscono i vantaggi perché prima c'erano servizi di streaming in cui la gente scaricava i film e i video, ma non la ricercano come caratteristica principale del servizio". Ad oggi non mancano servizi che supportano questa possibilità (Amazon Video, iTunes, Google Play), tuttavia non sappiamo al momento quando la modalità offline arriverà anche su Netflix.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

14 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Hoolman27 Giugno 2016, 09:19 #1
Questo in Italia potrebbe fare la differenza IMHO.. sono in tanti attaccati a DSLAM saturi o in digital divide, poter scaricare un pò di notte e usare la (poca) banda per navigare quando serve....
In ottica 4K poi, potrebbero usufruirne anche quelli fuori dalla rete in fibra. Speriamo lo implementino bene, se cominci a avere un pò di film in 4k in locale serve un bel pò di spazio....
ziobepi27 Giugno 2016, 09:29 #2
La conferma che stanno alla frutta

Scaricare files strapieni di drm, visibili solo con il client NetFlix,
non funzionanti in alcun modo sotto Linux, non è di particolare interesse secondo me.
[?]27 Giugno 2016, 09:37 #3
Originariamente inviato da: ziobepi
La conferma che stanno alla frutta

Scaricare files strapieni di drm, visibili solo con il client NetFlix,
non funzionanti in alcun modo sotto Linux, non è di particolare interesse secondo me.


Alla frutta?
Guarda che quelli alla frutta sono Mediaset (che si è venduta anche il culo per non chiudere dopo aver speso soldi che non aveva sulla Champions) e Sky che spara offerte a 19€ ai propri abbonati che fanno disdetta.
A chi utilizza Netflix e PAGA non interessa di utilizzare quei file in altri modi, quello è il classico pensiero da italiano medio e se quella è la base tanto vale accendere il Torrent e lasciare perdere i servizi a pagamento e legali.
MarklendersXY27 Giugno 2016, 09:59 #4
Per fortuna ho una buona connessione quindi non ne sento il bisogno ma magari in alcune situazioni potrebbe tornare utile.
Domenik7327 Giugno 2016, 10:34 #5
Originariamente inviato da: ziobepi
La conferma che stanno alla frutta

Scaricare files strapieni di drm, visibili solo con il client NetFlix,
non funzionanti in alcun modo sotto Linux, non è di particolare interesse secondo me.


Eh si... proprio alla frutta.
Poi effettivamente non funzionando su un s.o. così diffuso tra gli italiani come Linux, si sono tirati la zappa sui piedi.

Tornando nel mondo reale, sarebbe una cosa ottima per chi ha connessioni lente (ancora in troppi in italia). A me personalmente non serve (per fortuna), ma 2/3 settimane l'anno quando sto in vacanza (e non ho la possibilità di avere la fibra che ho a casa) potrebbe tornarmi utile
marcellinobono27 Giugno 2016, 10:49 #6
abilitate il 4K da browseeeeerrr >:/
Marko#8827 Giugno 2016, 10:58 #7
Originariamente inviato da: ziobepi
La conferma che stanno alla frutta

Scaricare files strapieni di drm, visibili solo con il client NetFlix,
non funzionanti in alcun modo sotto Linux, non è di particolare interesse secondo me.


Ma le stronzate che scrivi le rileggi anche?
coschizza27 Giugno 2016, 11:09 #8
penso che sarebbe un opzione comunque inutile per il 99% degli utilizzatori visto che per vedere un film in 1080P perfettamente basta una 6Mb. Solo nei casi di vacanze all'estero potrebbe teoricametne venir usato, anche se poi bisogna vedere quanto dura la possibilita di vederlo offline e che client si possono utilizzare.
Per ora di titti i servizi di streming che ho usato netflix vince a mani basse è sono molto soddistfatto dell'abbonamento.
Hoolman27 Giugno 2016, 11:19 #9
Puirtroppo una 6 Mb, in certi orari, in Italia non è lo standard, di sicuro non per il 99% degli italiani. Sui forum è pieno di utenti che di sera vanno a 2 Mb, quando va bene. E i film di solito si guardano di sera....
Comunque concordo sul fatto che Netflix usa algoritmi ottimi per adattare lo streaming anche su connessioni lente. Apprezzo lo sforzo per allargare la base di utenza, pensando anche a chi vive in zone difficili (e comunque, provato personalmente, per il 1080p la 7 mb è proprio il minimo minimo, per il 4k ci vuole una adsl a 20Mb piena, non tutti ce l'hanno, molti si fermano a 10-15 mb..)
recoil27 Giugno 2016, 11:52 #10
Originariamente inviato da: coschizza
penso che sarebbe un opzione comunque inutile per il 99% degli utilizzatori visto che per vedere un film in 1080P perfettamente basta una 6Mb. Solo nei casi di vacanze all'estero potrebbe teoricametne venir usato, anche se poi bisogna vedere quanto dura la possibilita di vederlo offline e che client si possono utilizzare.
Per ora di titti i servizi di streming che ho usato netflix vince a mani basse è sono molto soddistfatto dell'abbonamento.


quando vai in treno ti può capitare di passare in zone dove prende poco e lo streaming te lo sogni, oppure vai in vacanza in Italia ma non hai una di quelle opzioni degli operatori telefonici che escludono netflix dal traffico dati quindi devi avere i contenuti offline

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^