Microsoft, voci su acquisizione di Nook Media per 1 miliardo di dollari

Microsoft, voci su acquisizione di Nook Media per 1 miliardo di dollari

L'asset per l'editoria digitale creato da Barnes & Noble, che prende il nome di Nook Media, potrebbe essere al centro delle attenzioni di Microsoft, al fine di portare i contenuti sui dispositivi Windows 8

di Alessandro Bordin pubblicata il , alle 10:31 nel canale Multimedia
MicrosoftWindows
 

Le informazioni sono poche e giungono tutte da un sito, Techcrunch, ma la notizia potrebbe avere un suo fondamento, nonché una certa importanza per quanto riguarda l'offerta dei futuri prodotti targati Microsoft. In base alle indiscrezioni, Microsoft avrebbe offerto circa un miliardo di Dollari per il controllo totale di Nook Media, di fatto il ponte digitale dei contenuti Barnes & Noble, il più grande venditore di libri al dettaglio degli USA. Ricordiamo brevemente che Nook è il nome con cui vengono indicati diversi e-book reader venduti a milioni in tutto il mondo.

Le indiscrezioni parlano di un possibile abbandono graduale da parte di Nook dei propri dispositivi Android, anche a fronte di uno sgonfiamento del mercato relativo agli e-book reader. In molti, infatti, complici i prezzi sempre più bassi di tablet tuttofare (specie con Android), decidono di preferire questi ai più limitati e-book reader.

Non sarebbe in ogni caso il primo accordo fra Microsoft e Nook Media: già lo scorso anno l'azienda di Redmond pagò circa 300 milioni di Dollari per acquisire il 16,8% delle azioni Nook Media, cercando probabilmente una via preferenziale per portare i contenuti editoriali in versione digitale sui propri sistemi Windows 8, tablet compresi.

Non esistono ad ora commenti ufficiali delle aziende interessate, ma cercheremo di saperne di più. La cifra di un miliardo di dollari, per quanto molto elevata, è inferiore a quella del valore totale di Nook Media: resta ora da capire se il declino di Nook Media sia così consistente da giustificare la vendita a un prezzo inferiore a quanto stimato dagli analisti, oppure se vi siano altre parti dell'eventuale accordo che ancora non si conoscono.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

22 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
alexdal09 Maggio 2013, 12:01 #1
NOn capisco.....

Non e' meglio fare un prodotto ex nuovo, perche' comprarlo.

Si fa una versione con un wp8 limitato ai reader o poco piu' e far leggere i vari formati.

calabar09 Maggio 2013, 12:30 #2
Perchè acquisendo un'azienda già affermata nel campo non ne acquisisci solo il know-how ma anche la clientela, e quella non è facile da far passare dalla tua parte.

C'era poi la questione dei brevetti Android che B&N non ha voluto pagare, che a quanto pare è finita a tarallucci e vino...
eaman09 Maggio 2013, 16:02 #3
Originariamente inviato da: calabar
C'era poi la questione dei brevetti Android che B&N non ha voluto pagare, che a quanto pare è finita a tarallucci e vino...


Fa te, invece che pagare il pizzo quando hanno dichiarato di voler andare in tribunale (a loro non gli frega niente delle licenze di wondows) gli hanno dato subito centinaia di milioni di dollari e una partnership!
maxmax8009 Maggio 2013, 17:03 #4
bah, MS secondo me in questo caso -se la voce sarà confermata- butta nel gabinetto 1 miliarduccio di dollari per attaccare amazon & android nel settore dei libri digitali, che l' anno scorso erano la novità del momento ed adesso già non sento più tanta gente che ne parla..

la gente compra sempre meno libri di prima, sia che essi siano cartacei, che digitali..

io avrei proprio lasciato perdere questo settore.
Willy_Pinguino09 Maggio 2013, 17:08 #5
il nook è probabilmente (in molte declinazioni dei suoi ebook-reader) il miglior produttore di e-reader, usa gli schermi migliori e il software non è così bloccato come i kindle, solo che il costo di questi prodotti è troppo elevato!
non è possibile che un tablet cinese con schermo da 7, wi-fi e a-gps costi meno di un e-reader! gli schermi e-ink dovevano essere di prezzo basso, tant'è vero che anche il progetto OLPC intendeva usare una tecnologia simile... ora qualcuno mi spiega come mai un lettore base costa ancora attorno ai 100€ e si dice che il kindle da 69€ venga venduto sottocosto?

A chi non stà bene la diffusione di questi prodotti? non credo certo siano gli editori del cartaceo che avversano gli ebook reader... non ne hanno il potere necessario... ma allora chi è?
Amazon che vuole abbattere la concorrenza?
Fino a che un lettore base non costerà quanto un libro di qualità e un lettore evoluto con internet e retroilluminazione non costerà sotto gli 80€, non avremo una reale diffusione degli e-reader... e di conseguenza resteremo bloccati nella carta, abbattendo alberi e spendendo oltre il 40% del prezzo di un libro di carta solo in costi di stockaggio e di copie invendute...

poi pensate ai libri scolastici... quanto spende lo stato italiano all'anno in cedolini per le scuole dell'obbligo e quanto spendono le famiglie per i libri delle superiori e dell'università? solo obbligando l'introduzione degli ebook per i libri di testo, lo stato potrebbe risparmiare milioni...
Eress09 Maggio 2013, 17:18 #6
Qualitativamente non potevano scegliere di meglio in campo ereader, ma bisogna vedere alla lunga se questa mossa porterà i frutti desiderati. Ci sarà da vedere le tendenze future del mercato di letture digitali.
LMCH09 Maggio 2013, 17:31 #7
Originariamente inviato da: calabar
Perchè acquisendo un'azienda già affermata nel campo non ne acquisisci solo il know-how ma anche la clientela, e quella non è facile da far passare dalla tua parte.


Stanno seguendo la stessa strategia che ha portato all'accordo con Nokia e si è visto come è andata a finire.
E' vero che questa volta c'e' la questione degli ebook e delle riviste legate al DRM B&N, quindi molti più clienti resteranno legati alla nuova piattaforma che Microsoft introdurrà in sostituizione dei tablet basati su Android, ma non stanno attenti rischiano di perderne più di quanti credono.
maxmax8009 Maggio 2013, 18:24 #8
Originariamente inviato da: Eress
Qualitativamente non potevano scegliere di meglio in campo ereader, ma bisogna vedere alla lunga se questa mossa porterà i frutti desiderati. Ci sarà da vedere le tendenze future del mercato di letture digitali.


ogni tanto la pensiamo allo stesso modo..

Originariamente inviato da: LMCH
Stanno seguendo la stessa strategia che ha portato all'accordo con Nokia e si è visto come è andata a finire..


guarda che con nokia mica è finita, anzi, piano piano i lumia rosicchiano quote di mercato..ci vogliono un paio di annetti per tirare i bilanci della partnership..
T_zi09 Maggio 2013, 18:43 #9
Il problema degli ebook è che i libri costano veramente troppo. Il costo del lettore non è proibitivo, e comunque anche l'ultimo degli ebook reader, come qualità dello schermo, che poi è la cosa più importante, non ha grandi differenze di qualità rispetto a prodotti più costosi; il resto delle features è del tutto accessorio: wi-fi, radio e lettore mp3 non hanno niente a che vedere con la lettura.
Finchè i libri in formato digitale non avranno un prezzo di 3 euro, difficilmente gli ebook soppianteranno il cartaceo.
Comunque fa bene microsoft ad entrare anche in questo mercato.
calabar09 Maggio 2013, 18:52 #10
Originariamente inviato da: Willy_Pinguino
non è possibile che un tablet cinese con schermo da 7, wi-fi e a-gps costi meno di un e-reader! gli schermi e-ink dovevano essere di prezzo basso, tant'è vero che anche il progetto OLPC intendeva usare una tecnologia simile... ora qualcuno mi spiega come mai un lettore base costa ancora attorno ai 100€ e si dice che il kindle da 69€ venga venduto sottocosto?

No, sempre che non ricordi male, gli OLPC avrebbero montato dei display PixelQI, che non sono e-ink ma degli LCD con base riflettente che possono essere usati anche senza retroilluminazione.
Ottimi prodotti, soprattutto in tema di risparmio energetico in luoghi dove l'energia non è così facile da avere.
Non sono però e-ink, il con tutti i vantaggi e gli svantaggi del caso.

Originariamente inviato da: LMCH
Stanno seguendo la stessa strategia che ha portato all'accordo con Nokia e si è visto come è andata a finire.

Ti giuro, questo parallelo non l'ho capito.
Posto che secondo me sarebbe meglio un B&N senza Microsoft, non vedo perchè l'acquisizione dovrebbe essere problematica in questo caso.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^