Korea del Sud: tutti i libri di testo in digitale entro il 2015

Korea del Sud: tutti i libri di testo in digitale entro il 2015

Il governo della Korea del Sud ha annunciato la digitalizzazione di tutti i libri di testo entro il 2014, con migrazione a libri totalmente digitali per l'anno 2015

di pubblicata il , alle 09:34 nel canale Multimedia
 

Si parla da tempo dell'ipotesi di passare dal tradizionale libro cartaceo a soluzioni digitali, almeno nell'ambito scolastico. Una questione che divide esperti e utilizzatori, in quanto esistono vantaggi e svantaggi per entrambi gli approcci. Se da una parte, con un dispositivo digitale, è possibile avere con sé migliaia di libri e funzionalità avanzate per la ricerca e l'approfondimento delle nozioni, sono in molti a ritenere superiore l'esperienza di apprendimento che si ottiene dall'approccio cartaceo.

Ben lontani dal poter dare una risposta certa all'annosa questione, esistono pin ogni caso realtà che puntano con estrema convinzione verso la migrazione digitale. Una su tutte il governo della Korea del Sud, che ha annunciato la completa digitalizzazione nel materiale didattico, dalle scuole inferiori alle università, entro il 2014. Nell'anno successivo, il 2015, i sudcoreani studieranno esclusivamente su tablet, notebook o smartphone, come riportato da Technology Review del MIT.

Tutto ancora da definire il parco macchine, verosimilmente standardizzato dal governo, sebbene esistano pochi dubbi che sarà Samsung a fornire i dispositivi agli studenti dell'intera nazione. Quello che si sa è che il governo spenderà circa 2,4 miliardi di Dollari USA per l'intera operazione (macchine più porting carta-digitale dei contenuti), procedendo diritta verso un futuro dell'educazione interamente digitale.

Diversi i vantaggi, secondo il governo della Korea del Sud: possibilità di seguire lezioni non per forza nelle aule, apprendimento dell'utilizzo del mezzo informatico già in tenera età,  grandissima disponibilità di fonti per lo studio, il tutto integrando quell'enorme bacino di sapere che può essere il web.

Una scelta coraggiosa, da un certo punto di vista. Eppure, dopo anni che si parla della delicata questione, un governo pende il coraggio a due mani e decide di buttarsi interamente in quest'avventura. Servirà tempo, molto tempo, per capire se sarà stata una scelta giusta.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

61 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
diabolik198104 Luglio 2011, 09:43 #1
Paesi che hanno un futuro...altro che italia (scritto appositamente in minuscolo)
peg198704 Luglio 2011, 09:43 #2
Per certi versi è davvero una gran cosa...tuttavia quando studiavo, per mè erano importantissimi i colori, cosa che con un tablet non si potrbbe avere. Seenza contare poi dell'evidenziatura e delle migliaia di note che dovevo prendere...quindi si riduciamo peso e uso della carta ma ci sono davvero molti svantaggi...c'è anche da vedere cosa avremo come reader nel 2015!
diabolik198104 Luglio 2011, 09:51 #3
Non hai i colori? Cos'è usi ancora uno schermo monocromatico? Tutto quello che dici può essere fatto su un tablet/notebook senza alcun bisogno di inquinare, con potenzialità impossibili per i colori reali.
DarthFeder04 Luglio 2011, 10:03 #4
Originariamente inviato da: diabolik1981
Non hai i colori? Cos'è usi ancora uno schermo monocromatico? Tutto quello che dici può essere fatto su un tablet/notebook senza alcun bisogno di inquinare, con potenzialità impossibili per i colori reali.


Gli e-Book reader si basano su tecnologia e-Ink, che per ora esiste SOLO in BIANCO E NERO uno può usare un tablet come e-reader, ma quest'ultimi sono molto più scomodi da usare (lo schermo retroilluminato dopo un po' ti frigge gli occhi) e hanno un'autonomia molto più scarsa.
E certo, puoi "evidenziare" e sottolineare e prendere note anche su uno schermo (anche se non tutti i programmi di e-reading/-e reader supportano le note e l'evidenziatore), ma è infinitamente più scomodo, lento e meno immediato rispetto a quello che faresti con carta e penna.

Io uso un kindle e devo dire che è comodissimo per lavoro: centinaia e centinaia di pagine di manuali e documenti vari infilati dentro un cosetto con svariate settimane di autonomia e leggerissimo da portare in giro. Certo che però, da amante della letteratura, trovo che il fascino della carta sia qualcosa di inimitabile (e infatti quando leggo i miei libri di sera a letto di certo non uso il kindle, ma carta vera)
lightwave3d04 Luglio 2011, 10:05 #5
Troppo avanti sti Coreani!
Asterion04 Luglio 2011, 10:09 #6
I libri possono essere digitalizzati con le tonalità di grigio e a colori, sono sicuro che tra qualche anno avremo display e-ink a colori.
Fatta eccezione per le scuole elementari e forse per le medie, al liceo si può stare benissimo anche con i toni di grigio.
Un risparmio di carta e di kilogrammi davvero notevole, spero che prima o poi facciano lo stesso anche qui in Italia.
berserkdan7804 Luglio 2011, 10:19 #7
mha... sono scettico sull'utilità di questa operazione... levatevi dalla testa che ci possa essere una giustificazione ecologica, nessuno spreco di carta giustifica l'inquinamento e lo spreco di risorse che comporta estrarre componenti per fare un notebook o qualsiasi componente elettronica. oltretutto la carta gettata NON INQUINA, di degrada molto velocemente, al massimo la carta e' sprecata se non si ricicla, questo si.
Sono scettico pure sul metodo di studio, per imparare non serve leggere e ripetere, serve manipolare i tuoi appunti, ti devi fare la tua esperienza per imparare, non basta leggere quella di altri. il futuro del libro elettronico e' secondo me quella tecnolgia che e' similare ad un foglio di carta su cui può essere scritto e cancellato elettronicamente.
p4ever04 Luglio 2011, 10:22 #8
Originariamente inviato da: diabolik1981
Paesi che hanno un futuro...altro che italia (scritto appositamente in minuscolo)


sarà...ma ogni Paese ha i suoi pro e i suoi contro, e non credo che il futuro o benessere di uno stato si misuri in base a quanti tablet hanno nelle scuole...
infatti poi sti coreani vengono in italia a farsi le ferie come cinesi e giapponesi, perchè qui da noi saremo obsoleti e immafiati, ma si sta meglio che non nella loro palude iper tecnologica dove per pranzo ti servono liofilizzato di alghe e gatti con pedigree
DarthFeder04 Luglio 2011, 10:31 #9
Originariamente inviato da: p4ever
sarà...ma ogni Paese ha i suoi pro e i suoi contro, e non credo che il futuro o benessere di uno stato si misuri in base a quanti tablet hanno nelle scuole...

concordo. Possono avere anche due tablet a studente ma credo che comunque il livello medio di istruzione italiano è sicuramente più alto del loro (anche se da qui a qualche anno la cosa poterebbe ribaltarsi, mi sa )
per pranzo ti servono [...] gatti con pedigree

quelli sono i Vicentini loro al massimo mangiano il tuo migliore amico abbaiante a quattro zampe
[Christian]04 Luglio 2011, 10:40 #10
Questa cosa dell'eliminazione del cartaceo la vedo come un progresso/regresso.. La praticità di un libro non potrà mai essere sostituita..

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^