Facebook e Twitter, parole vietate per tv e radio francesi

Facebook e Twitter, parole vietate per tv e radio francesi

Il consiglio superiore degli audiovisivi francese decide che nominare Facebook e Twitter può essere considerata pubblicità clandestina: per questo motivo queste parole non dovranno più essere nominate, se non in notizie, da TV e Radio

di pubblicata il , alle 14:40 nel canale Multimedia
Twitter
 

I cugini d'Oltralpe non sono mai stati famosi per l'apertura nei confronti dei termini anglofoni: da disc dur a ordinateur, gli esempi possono essere centinaia. La questione odierna, riguarda invece Facebook e Twitter: in Francia infatti, sarà vietato citare i nomi dei popolari servizi di social network in televisione e in radio. Secondo quanto riportato dal Consiglio superiore degli audiovisivi (Conseil Superieur de l'Audioviseul -CSA), infatti richiamando un decreto del 1992, si tratterebbe di pubblicità "clandestina".

I termini "Twitter" e "Facebook" potranno essere utilizzati qualora vengano trattati all'interno di una notizia, ma non come fonte per divulgare contenuti: a seguito di un telegiornale, riportiamo a mero titolo di esempio, non sarà pertanto possibile concludere con un "per eventuali aggiornamenti potete seguirci sulla nostra pagina Twitter".

Il decreto, rilasciato il 27 Marzo del 1992, può essere consultato nella sua forma originale a questo indirizzo. A tentare di dare una spiegazione è Christine Kelly portavoce del CSA e, ironicamente, nata come commentatrice televisiva: "perchè scegliere Facebook e Twitter quando ci sono molte altre alternative?" ha commentato, aggiungendo "Si tratterebbe di una concorrenza sleale".

La decisione portata avanti dall'organo Francese ha fatto e farà sicuramente discutere, tuttavia non è stata eccessivamente criticata dalle emittenti soggette alla regolamentazione.

Una spiegazione più articolata e maliziosa viene offerta da Businessinsider, a questo indirizzo. Secondo l'autore, infatti, parte della motivazione cha ha portato il CSA a prendere questa decisione sarebbe legata al fatto che Facebook e Twitter, in quanto aziende americane, rappresentino un chiaro segno della dominazione Anglo-sassone.

A seguire la testuale "bizzarra" spiegazione:

" [...] But there is another, more plausible, explanation. Facebook and Twitter are, of course, American social networks. In France, they are regarded — at least implicitly — as symbols of Anglo-Saxon global dominance — along with Apple, MTV, McDonald’s, Hollywood, Disneyland, and other cultural juggernauts. That there is a deeply-rooted animosity in the French psyche towards Anglo-Saxon cultural domination cannot be disputed; indeed, it has been documented and analysed for decades. Sometimes this cultural resentment finds expression in French regulations and laws, frequently described, and often denounced, by foreigners as protectionism"

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

30 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
loripod07 Giugno 2011, 14:46 #1

"bizzarra" spiegazione?

per me sembra una genialata...
ieri in tutte le conferenze dell' E3 mi hanno rimbabito di facebook e twitter and social mamma mia...pure i videogiochi hanno rovinato sti social...
Giaccomatto07 Giugno 2011, 14:48 #2

x i cugini

livre des visages e gazouiller
Suonano proprio bene!!!
HAHAHA
GianL07 Giugno 2011, 14:53 #3
Confesso di essere d'accordo con loro: oramai TV, radio e Internet sono media concorrenti:
quindi trovo stupido fare pubblicità gratuita a concorrenti conclamati.
Benna8007 Giugno 2011, 15:03 #4
Mi fanno scappare da ridere. Allora stando a quanto dichiarato

""perchè scegliere Facebook e Twitter quando ci sono molte altre alternative?" ha commentato, aggiungendo "Si tratterebbe di una concorrenza sleale"."

non dovranno più menzionare nessuna casa automobilistica tedesca, giapponese o americana, sarebbe concorrenza sleale.

E poi che gli frega a loro della "dominazione anglo-sassone"? Giocano a chi ce l'ha più grosso?
Saver 6907 Giugno 2011, 15:09 #5
qualche Stato sovrano e' rimasto dopo la seconda guerra mondiale
SaggioFedeMantova07 Giugno 2011, 15:12 #6
lievemente patetico
Tedturb007 Giugno 2011, 15:17 #7
qui si parla di menzionare i suddetti marchi in un contesto non a loro specifico.

In pratica:
notizia "Facebook è crashato" ok
notizia "Gheddafi è stato preso, se ne parla anche su facebook" no ok

e penso che sia giustissimo. Non mi pare sia attualmente consentito di fare questo tipo di pubblicita occulta a marchi automobilistici, del tipo

"Traffico pericoloso sulla firenze-bologna, anche le audi hanno problemi"
Dumah Brazorf07 Giugno 2011, 15:18 #8
Trovo sicuramente più patetico Studio Aperto che riporta praticamente ogni giorno, tra un gossip e la presentazione di un calendario tette&culi, una stronzata qualunque proveniente da fb.
utentenonvalido07 Giugno 2011, 15:40 #9
io vivo in francia da ormai 2 anni e vi garantisco che hanno una loro interpretazione di molte cose riguardo l'informatica. A cominciare dai siti internet che secondo me sono veramente fatti coi piedi. Impaginazioni caotiche, miriadi di funzioni frammentate all'interno degli e-shop dove non ci si capsice un ca.. ..insomma il concetto di pulizia e leggibilità dei portali sembra che qui non sia ancora arrivato. La cosa strana è che sono molto affezionati a apple e difficilmente incontri sulla metro qualcuno senza iphone.

Per il discorso FB e Twitter sono le solito trovate di qualche bizzarro politico che no sa come passare il tempo. Un po' come da noi chi si era inventato quelle assurde restrizioni sui collegamenti wifi pubblici ...
Pier220407 Giugno 2011, 15:48 #10
Originariamente inviato da: Saver 69
qualche Stato sovrano e' rimasto dopo la seconda guerra mondiale


Era una domanda o un augurio?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^