Equo compenso: alcune decisioni rimandate in Europa, ma il decreto rimane anacronistico

Equo compenso: alcune decisioni rimandate in Europa, ma il decreto rimane anacronistico

Anitec e Confindustria Digitale felici, ma solo in parte, dell'ultima sentenza del Consiglio di Stato in cui si è stabilito di rimandare alla Corte di Giustizia europea alcune decisioni sull'equo compenso. Ma il Decreto Franceschini resta ancora ampiamente migliorabile

di pubblicata il , alle 15:20 nel canale Multimedia
 

Anitec e Confindustria Digitale si professano felici, ma non troppo, delle novità in ambito "equo compenso", ovvero quel controverso dazio sui dispositivi che possono essere utilizzati per la riproduzione di contenuti protetti da diritti d'autore. Possono essere utilizzati, ma non per forza lo saranno: una clausola che probabilmente non interessa a chi quel dazio lo vuole, prima fra tutti la SIAE, la stessa associazione che ha potere decisionale su eventuali esenzioni in ambito professionale, almeno prima delle future decisioni della Corte di Giustizia europea.

Infatti, in base all'ultima sentenza del Consiglio di Stato sarà proprio la Corte di Giustizia europea a decidere sull'applicabilità del compenso per copia privata per i dispositivi ad uso professionale, ovvero se il dazio possa essere di fatto applicato anche sui computer, smartphone, tablet che verranno utilizzati esclusivamente in ambito lavorativo. La Corte di Giustizia europea dovrà decidere, inoltre, se sia giusto che la SIAE debba essere coinvolta nella decisione di eventuali esenzioni dal pagamento, e nell'organizzazione dei programmi di rimborso.

Sentenza alla quale applaude Claudio Lamperti, vicepresidente Anitec, ma solo in parte: "Siamo lieti che con la recente sentenza del Consiglio di Stato si sia rimessa alla Corte di Giustizia l’importante valutazione sulla necessità di esentare dai compensi per copia privata apparati o supporti utilizzati per fini professionali e sulla opportunità che i casi di esenzione dal pagamento non siano decisi da un soggetto - la SIAE - che non offre alcuna garanzia di parità di trattamento tra SIAE e soggetti obbligati al versamento del compenso".

Ma Anitec e Confindustria Digitale sottolineano anche come la sentenza non offra soluzioni tangibili su alcuni elementi del Decreto Bondi sul compenso per copia privata del 2009, divenuto poi Decreto Franceschini. La nuova sentenza del Consiglio di Stato, nella fattispecie, non considera "i mutati scenari di fruizione delle opere da parte degli utenti tramite le nuove tecnologie", ovvero le nuove modalità di ascolto di musica, o di visione di film, che avviene spesso in streaming e pertanto senza la necessità di acquisto o di detenzione vera e propria di una copia privata.

"In realtà la sentenza del Consiglio di Stato non affronta le contraddizioni e le arretratezze insite nella legge sull'equo compenso", ha dichiarato Elio Catania, Presidente di Confindustria Digitale. "Rimangono, infatti, aspetti gravi e irrisolti, enormemente amplificati dal recente decreto Franceschini, il conflitto d'interesse sulla consulenza tecnica affidata a Siae, che invece è parte in causa, e l'assenza di una corretta valutazione degli impatti dell'innovazione tecnologica sulle modalità di fruizione dei contenuti digitali. Non credo si possa sfuggire, quindi, a una revisione profonda, in chiave Ue, della normativa sul diritto d'autore, datata 1942", conclude Catania.

Rimandando la decisione all'Europa, sottolineano le associazioni, si è "compiuto un primo importante passo" in materia. La nota rilasciata da Anitec pone anche l'attenzione sul particolare scenario venutosi a creare con il Decreto Franceschini: laddove nel 2009 il compenso sui telefonini era di 0,90€ e sui computer di 2,40€, oggi è divenuto di un massimo di 5,20€, cifra fissa sui computer e dispositivi ibridi. Un panorama anacronistico, se si considera la diffusione di Spotify, Deezer o Cubomusica, "che hanno oramai eroso quasi completamente l'eventuale potenziale mercato della copia privata".

La nota si conclude inoltre con alcuni dati statistici: la SIAE guadagna 67 milioni di euro in Italia, cifra pari a circa un terzo di quanto complessivamente raccolto in tutta Europa (204 milioni di euro). Secondo Anitec, alla luce di questi numeri non vanno ignorati i tentativi di alcuni Paesi Europei che, con l'obiettivo di "rivisitare ed armonizzare la Direttiva sul Diritto d'autore e la società dell'informazione", hanno di fatto abolito il sistema di copia privata introducendo un fondo gestito dal Governo in favore degli autori e degli aventi diritto.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

24 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
maxsy05 Marzo 2015, 18:43 #1
Originariamente inviato da: Articolo
la SIAE guadagna 67 milioni di euro in Italia, cifra pari a circa un terzo di quanto complessivamente raccolto in tutta Europa (204 milioni di euro)


e sono anche convinto che negli altri paesi non ci sono (qualora...) presidenti furbetti

Gylgalad05 Marzo 2015, 18:46 #2
avanti con i torrent
tanto paghiamo già!
Balthasar8505 Marzo 2015, 19:12 #3
Ed intanto GODO COME UN MUFLONE a saper Gino Paoli dimessosi da presidente della SIAE.

«Sono ferito e umiliato, non scherzateci su, potrei picchiare»
E chi scherza, se* ti spillano un po' di soldi per tasse non pagate e passi dei bei brutti quarti d'ora stappiamo gli spumanti qui alla faccia tua.


[SIZE="1"]*("SE", aspetto sempre indagini e quel che vien fuori dai tribunali)[/SIZE]


CIAWA
maxsy05 Marzo 2015, 20:30 #4
Originariamente inviato da: Balthasar85
Ed intanto GODO COME UN MUFLONE a saper Gino Paoli dimessosi da presidente della SIAE.

«Sono ferito e umiliato, non scherzateci su, potrei picchiare»
E chi scherza, se* ti spillano un po' di soldi per tasse non pagate e passi dei bei brutti quarti d'ora stappiamo gli spumanti qui alla faccia tua.


[SIZE="1"]*("SE", aspetto sempre indagini e quel che vien fuori dai tribunali)[/SIZE]


CIAWA


e speriamo che la cosa (''SE...'') non finisca coma al solito: all'italiana
Pier220405 Marzo 2015, 20:43 #5
Vedo che nonostante S.I.A.E. sia quella che "raccoglie" da sola un quarto di tutta l'Europa messa insieme è un carrozzone indebitato fino al collo
http://thefielder.net/10/10/2012/si...ndalo-infinito/

La vicenda Gino Paoli è solo una punta dell'Iceberg, a ritroso sarebbe da vedere cosa hanno fatto i vari politici in questa vicenda, a cominciare dal "poeta" da 4 soldi detto Bondi e del Franceschini di turno.

Prima la sopprimono meglio è per tutti.
djfix1305 Marzo 2015, 21:46 #6
In ogni caso sarebbe interessante capire a chi devo spiegare che il mio nuovo HD da 4 TB che ho comprato va montato su un PC di casa, su un PC professionale x lavoro o su una apparecchiatura come un Dvr x la sicurezza e che quindi devo o meno pagare la tassa.
TheQ.05 Marzo 2015, 22:28 #7
Ma poi il mio equo compenso finisce in diritti alle canzoni di Gino Paoli pagati per la trasmissione delle sue canzoni in radio che non ascolto, finendo in chissà quale banca svizzera?

Perchè a sto punto tanto valeva che pagassi l'HDD caro (prezzo produzione + guadagno + equo compenso), ma a favore di una fabbrica di produzione di HDD italiana con assunti italiani.

Perchè inizia a preoccuparmi l'emigrazione del denaro
^_^'''
maxsy06 Marzo 2015, 00:10 #8
Originariamente inviato da: Pier2204
Vedo che nonostante S.I.A.E. sia quella che "raccoglie" da sola un quarto di tutta l'Europa messa insieme è un carrozzone indebitato fino al collo
http://thefielder.net/10/10/2012/si...ndalo-infinito/

La vicenda Gino Paoli è solo una punta dell'Iceberg, a ritroso sarebbe da vedere cosa hanno fatto i vari politici in questa vicenda, a cominciare dal "poeta" da 4 soldi detto Bondi e del Franceschini di turno.

Prima la sopprimono meglio è per tutti.


ah ecco, appunto...mi sembrava che il cerchio non era completamente chiuso.
Eress06 Marzo 2015, 09:11 #9
L'Italia attuale è davvero un paese indecente.
Boscagoo06 Marzo 2015, 11:54 #10
L'Italia è governata da imbecilli.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^