EMI: buone le vendite di musica senza DRM

EMI: buone le vendite di musica senza DRM

L'etichetta esprime ottimismo sul futuro delle vendite dei brani privi di protezione, dopo un avvio piuttosto interessante

di Andrea Bai pubblicata il , alle 11:06 nel canale Multimedia
 

Lauren Berkowitz, senior Vice President di EMI, ha recentemente rilasciato alcune dichiarazioni piuttosto positive riguardanti la vendita dei brani musicali privi di protezioni DRM. Ricordiamo infatti che EMI, appoggiandosi allo store elettronico iTunes di Apple, è la prima etichetta delle quattro grandi ad aver avviato la commercializzazione di musica senza DRM.

Berkowitz ha snocciolato alcuni dati: la settimana successiva al lancio di iTunes Plus (il servizio di vendita dei brani DRM-free) ha visto un incremento di vendite del 350% di un'opera come Dark Side of the Moon dei Pink Floyd, crescita che è comunque proseguita nelle settimane seguenti e si è assestata nell'ordine del 270% circa.

EMI dichiara di aver registrato nel periodo preso in considerazione una crescita del 17%, del 24% e del 115% nelle vendite di opere come Siamese Dream - Smashing Pumpkins, Come Away with Me - Norah Jones e A Rush of Blood to the Head - Coldplay. Parallelamente, dice l'etichetta, è stata registrata una flessione del 15%, 33% e 24% nelle vendite CD dei medesimi album.

Senza voler sminuire i risultati dell'etichetta, le dichiarazioni di EMI meritano comunque alcune considerazioni: innanzitutto non sono stati presentati dati in valore assoluto, ma solamente percentuali, i quali non permettono di avere un effettivo ordine di grandezza sul volume delle vendite degli album DRM-free ed in seconda battuta ci pare un po' forzata la correlazione tra le vendite degli album scaricati e di quelli su tradizionale CD. Vi è inoltre da considerare che al momento del lancio di iTunes Plus è stata messa a disposizione agli utenti la possibilità di "aggiornare" i brani già acquistati precedentemente con le "nuove versioni" senza DRM, fattore che potrebbe aver causato l'impennata nelle vendite.

Berkowitz ha inoltre confermato che anche Amazon avvierà a breve la commercializzazione dei brani DRM-free di EMI attraverso il nuovo music store annunciato nel corso dei mesi passati. L'etichetta sta inoltre stringendo accordi per la distribuzione dei brani liberi da protezioni anche con altri store di brani musicali.

Fonte: Arstechnica

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

12 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
mrcf21 Giugno 2007, 11:14 #1
bene, aspettiamo gli atri e spero facciano presto che mi devo comprare un album di Elton John
Truttle21 Giugno 2007, 11:15 #2
penso che fosse prevedibile... il drm è una palla al piede per tutti
Dias21 Giugno 2007, 11:24 #3
Vediamo se anche gli altri cominciano a muoversi verso una maggiore qualità audio, attualmente la scelta di iTunes Plus fa alquanto ridere.

Tra l'altro ultimamente la sezione Plus qui da non me non è nemmeno accessibile, dice che ci sono dei problemi di connessione, anche se ho provato sia a casa che al lavoro. Succede anche a voi?
ShinjiIkari21 Giugno 2007, 11:57 #4
Originariamente inviato da: Dias
Vediamo se anche gli altri cominciano a muoversi verso una maggiore qualità audio, attualmente la scelta di iTunes Plus fa alquanto ridere.


Mi sembrava strano che non avesse sbagliato anche qui Apple.. Come si fa, cavolo, ogni cosa che fa è sbagliata eh?
Se avessero messo gli MP3 a 320 qualcuno avrebbe detto che è un formato obsoleto, se avessero messo i FLAC qualcuno avrebbe detto che occupavano troppo... Scommetto che qualcuno avrebbe avuto da ridire anche se avessero messo MP3+AAC+WAVE+FLAC+CDAUDIO a scelta, che diamine perché dover scegliere: DAMMELI TUTTI QUANTI NO?!
Che mi combini Apple, che mi combini...
Trykx21 Giugno 2007, 11:58 #5
Bella strategia commerciale, prima ti vendono gli mp3 blindati ad un certo prezzo, quando gli utenti sono esasperati e saturi colgono l'attimo e ti rivendono lo stesso mp3 senza blndature, ma con un prezzo maggiore.... bah
Dias21 Giugno 2007, 12:02 #6
Originariamente inviato da: ShinjiIkari
Mi sembrava strano che non avesse sbagliato anche qui Apple.. Come si fa, cavolo, ogni cosa che fa è sbagliata eh?
Se avessero messo gli MP3 a 320 qualcuno avrebbe detto che è un formato obsoleto, se avessero messo i FLAC qualcuno avrebbe detto che occupavano troppo... Scommetto che qualcuno avrebbe avuto da ridire anche se avessero messo MP3+AAC+WAVE+FLAC+CDAUDIO a scelta, che diamine perché dover scegliere: DAMMELI TUTTI QUANTI NO?!
Che mi combini Apple, che mi combini...


Rileggi il messaggio, fallo un'altra volta e poi renditi conto che la tua risposta non c'entra assolutamente niente.
pingalep21 Giugno 2007, 12:11 #7

io comunque per n album intero...

trovo +conveniente comprarlo su amazon o ebay o altri. alla fiie con 10 euro spese di sped incluse trovi quasi sempre quello che cerchi.

ottimo segnale per le majors spero.
eric65421 Giugno 2007, 13:36 #8
beh se sono contenti loro, contenti tutti.
complimenti alla apple per aver dato la possibilità di aggiornare le tracce già acquistate. è stato un vero tocco di classe che compensa la figuraccia fatta con firefox alla presentazione di safari

cio non toglie che per me il cd preso in negozio sia in molti casi la scelta più conveniente
DevilsAdvocate21 Giugno 2007, 13:50 #9
Originariamente inviato da: Dias
Rileggi il messaggio, fallo un'altra volta e poi renditi conto che la tua risposta non c'entra assolutamente niente.

Veramente sembra pertinente, se con:
Originariamente inviato da: Dias
...muoversi verso una maggiore qualità audio, attualmente la scelta di iTunes Plus fa alquanto ridere

Intendevi dire che la scelta di titoli è molto limitata e non che la qualità audio
di iTunes Plus è ridicola, allora forse conveniva che specificassi meglio....
CuccCri21 Giugno 2007, 13:57 #10
Originariamente inviato da: Dias
Vediamo se anche gli altri cominciano a muoversi verso una maggiore qualità audio, attualmente la scelta di iTunes Plus fa alquanto ridere.

Tra l'altro ultimamente la sezione Plus qui da non me non è nemmeno accessibile, dice che ci sono dei problemi di connessione, anche se ho provato sia a casa che al lavoro. Succede anche a voi?


Guarda sto sclerando, sto aspettando di aggiornare un album da quando hanno introdotto sto iTunes Plus, sono riuscito ad accedere solo due volte, la prima non c'era nulla da aggiornare, la seconda volta c'era l'album in questione ma non avevo tempo, quindi mi son detto, quando arrivo a casa con comodo me lo aggiorno......da allora non va.

Sembra una cosa comune in italia comunque, ma al supporto Apple mi hanno detto di controllare la mia connessione... ....peccato che mi scrivesse penso dall'America....là sicuramente funziona....

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^