È ancora guerra contro gli utenti Popcorn Time: 16 denunciati per aver visto Survivor

È ancora guerra contro gli utenti Popcorn Time: 16 denunciati per aver visto Survivor

Accade ancora nello stato dell'Oregon, dove 16 utenti sono stati denunciati per aver visto contenuti su Popcorn Time

di Nino Grasso pubblicata il , alle 09:31 nel canale Multimedia
 

È ormai chiaro a tutti che le major cinematografiche abbiano preso di mira gli utenti di Popcorn Time, considerando soprattutto che negli Stati Uniti non è possibile bloccare i DNS come invece è successo in Italia. Nel Belpaese le autorità hanno bloccato l'accesso a tutti i siti legati ufficialmente al servizio, mentre in Norvegia e USA si sta cercando di prendere provvedimenti soprattutto contro gli stessi utenti che usano il servizio.

Negli scorsi giorni pare che un gruppo di 16 utenti Comcast residenti ancora una volta nell'Oregon siano stati denunciati per aver utilizzato l'applicazione per vedere il film Survivor con Pierce Brosnan. La produzione del film si aggiunge quindi a quella di The Cobbler, con una denuncia che appare per molti versi sostanzialmente identica a quella depositata (dallo stesso avvocato) per l'opinabile film con Adam Sandler.

Definito più volte come il Netflix pirata o il torrent per gli inesperti, Popcorn Time è un servizio di video streaming che fa uso delle reti torrent per gestire i movimenti di traffico. I video vengono quindi condivisi dagli stessi utenti, che possono navigare nell'enorme database di contenuti attraverso un'interfaccia bella e intuitiva. Insomma, con estrema facilità è possibile vedere un numero enorme di film in lingua originale senza attendere alcun periodo per il download.

È quindi chiaro il motivo per cui si cerca di oscurare il servizio in tutto il mondo, soprattutto rispondendo alle paure dell'industria cinematografica che ha finora assistito senza avere alcun potere in merito. Il team di Popcorn Time ha recentemente risposto alle accuse sostenendo che il successo dell'applicazione dipende soprattutto dalle risposte insoddisfacenti di Hollywood, incapace di offrire un servizio qualitativamente paragonabile.

Con l'obiettivo di "scoraggiare la violazione" dei diritti d'autore l'avvocato Carl Crowell ha dichiarato che la multa non sarà superiore ai 750$, come del resto previsto dalla legge statunitense. Parallelamente ai 16 utenti rei di aver utilizzato Popcorn Time, fra il 13 giugno e il 21 agosto Crowell ha denunciato altri 12 utenti che hanno utilizzato la tecnologia BitTorrent tradizionale per scaricare le proprie copie del film.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

31 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Muppolo03 Settembre 2015, 09:45 #1
Anche un cretino capisce che è stato un modo per far pubblicità ad un film orribile che non è piaciuto a nessuno.
demon7703 Settembre 2015, 09:46 #2
non mi è del tutto chiaro come faccia questo tizio ad avere le prove che uno ha visto un determinato film con popcorn time visto che fa uso di reti p2p torrent e quindi non c'è un server centrale a gestire la cosa ma una vasta rete di pc privati.. chiedo chiarimenti a chi ne sa di più.

A parte questo.. andare a multare utenti privati a campione vuol dire che non sanno davvero che persci pigliare.. è come punzecchiare con un ago un enorme sciame di api nel tentativo di infilzarne qualcuna..
In sostanza cercano di fare un minnimo di terrorismo ma sappiamo tutti quanto sia inutile.. lo fecero ai tempi anche con napster ed emule..
polli07903 Settembre 2015, 09:57 #3
Non saprei quanto sia inutile, se inizia a diventare una pratica comune è solo questione di tempo prima che si sparga la voce, diventa poi facile che la gente si sposti su altri lidi o smetta proprio.
djfix1303 Settembre 2015, 10:00 #4
la rete torrent è tracciabile uguale ad altri metodi, ora non mi dilungo ma anche se la connessione è p2p il lungo percorso fatto dal pacchetto dati lascia traccie evidenti su tutti i nodi Server di internet, se si volesse quindi tracciare i pacchetti di un preciso file o valore se ne vedrebbe il flusso scorrere da un client all'altro.

sicuramente usando un protocollo così è più difficile risalire e di certo non sono solo in 16 ad aver visto quel film ma è comunque un terno al lotto avventurarsi nella pirateria perchè su 1000 che lo fanno se ti capita di essere "visto" la prendi tu tutta la m...a che ti arriva. poi con 750$ quanti film si poteva comprare uno!?
demon7703 Settembre 2015, 10:18 #5
Originariamente inviato da: djfix13
comunque un terno al lotto avventurarsi nella pirateria perchè su 1000 che lo fanno se ti capita di essere "visto" la prendi tu tutta la m...a che ti arriva. poi con 750$ quanti film si poteva comprare uno!?



..non si può negare che 16 su chissaquantimila che usano popcorn time o torrent è una cifra talmente irrisoria che è più facile fare sei al superenalotto.
praticamente se ti beccano e ti multano i 750 dollari li hai già spesi dieci volte in film a scrocco.
E' un evidente goffo tentativo di fare un minimo di terrorismo..
Nui_Mg03 Settembre 2015, 10:28 #6
Originariamente inviato da: Muppolo
ad un film orribile che non è piaciuto a nessuno.

Ma ha veramente fatto così cacare a tutti?
aald21303 Settembre 2015, 10:43 #7
Originariamente inviato da: demon77
non mi è del tutto chiaro come faccia questo tizio ad avere le prove che uno ha visto un determinato film con popcorn time visto che fa uso di reti p2p torrent e quindi non c'è un server centrale a gestire la cosa ma una vasta rete di pc privati.. chiedo chiarimenti a chi ne sa di più.


Dunque, quando si scarica un torrent, allo stesso tempo si effettua l'upload delle parti scaricate ad altri utenti; questi ultimi sono quindi a conoscenza di chi (in termini di IP) lo sta scaricando.

In pratica: l'azienda che si occupa delle denunce, si connette al swarm (il gruppo di client che scarica/fa l'upload) di un torrent, e prendono nota dei client connessi, precisamente, degli IP e degli intervalli di tempo in cui facevano l'upload.
Poi vanno in corte, la corte gli concede l'ingiunzione per ottenere i dati personali dei titolari degli IP, vanno a ottenerli dall'ISP, dopodichè mandano un bel pacchetto di decine di pagine con l'esposto di una dozzina di avvocati di uno studio legale.

A quel punto, o il titolare/i titolari pagano, o si preparano a sganciare migliaia di $$$ per una battaglia legale generalmente persa.

A parte questo.. andare a multare utenti privati a campione vuol dire che non sanno davvero che persci pigliare.. è come punzecchiare con un ago un enorme sciame di api nel tentativo di infilzarne qualcuna..
In sostanza cercano di fare un minnimo di terrorismo ma sappiamo tutti quanto sia inutile.. lo fecero ai tempi anche con napster ed emule..


Beh, è un campo morale piuttosto difficile da valutare.
Le case di produzione fanno i loro porchi interessi, ma allo stesso tempo qualsiasi giustificazione di un utente è risibile, quando è possibile affittare un certo film (parlo in genere, non del caso particolare) a 1 € in videoteca.

Comunque Survivor è un film di melma, si spera che chi sia stato multato impari a scaricare film con meno marketing e piú sostanza :-D
Gylgalad03 Settembre 2015, 11:05 #8
Originariamente inviato da: aald213
Beh, è un campo morale piuttosto difficile da valutare.
Le case di produzione fanno i loro porchi interessi, ma allo stesso tempo qualsiasi giustificazione di un utente è risibile, quando è possibile affittare un certo film (parlo in genere, non del caso particolare) a 1 € in videoteca.


ma dove le vedi ancora le videoteche?
cippa lippa03 Settembre 2015, 11:46 #9

uhm

Mi pare tutto un pò fumoso.
Anche se risalissero al computer come fanno a dimostrare che lo hai visto tu? Il computer magari lo stava scaricando ma lo ha visto un amico, la mamma, un conoscente. Tu puoi dire tranquillamente che non eri nemmeno al computer in quel periodo di tempo.
Boh mi pare un pò assurdo. Ho visto di recente il film citizenfour e comunque il mi oschifo verso gli americani è salito ancora...questi tracciano tutto e qualsiasi cosa.
Premesso tutto ciò che io compro i film nemmeno li noleggio. Ho un proiettore da 3 X (un JVC DILA) e per me entrano soltanto i blu ray in casa mia...comprati. NE ho non so quanti. Quindi non sono proprio quello che guarda cose piratate (molti amici mi dicono, ma boh, mi pare uno spreco di soldi...certo se calcolo tutto avrò speso almeno 500 euro di film ma alla fine...chissene è una passione. Un conto è prendere il film,avere tutto, metterlo dentro il lettore e farlo partire sul dila un conto è vederlo piratato su 13 pollici...ma la mentalità in generale è quella. Ho un amico che pur di vederlo prima di tutti lo scarica in telesync in russo magari coi sottotitoli in inglese o senza addirittura...ma come gli spieghi che non è vederlo così?)
Biizzo03 Settembre 2015, 11:47 #10
ragazzi fatevi furbi. Anche in germania era successa una cosa simile, un mio amico è stato multato di 800€ per aver guardato divergent. In USA la cifra è simile...

10€ a bluray
5€ al cinema

media (per eccesso) 8€?
Guardatevi con PopCornTime almeno 100 film e salvatene la maggiorparte, e con la multa ci "andate in pari come aveste comprato tutti quei film"

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^