Download illegale: il pirata è il miglior cliente

Download illegale: il pirata è il miglior cliente

Una recente indagine nel Regno Unito giunge ad una conclusione interessante: chi scarica maggiormente materiale illegale dalla rete è anche la persona con maggiore propensione all'acquisto legale

di pubblicata il , alle 08:46 nel canale Multimedia
 

CNet riporta una interessante notizia riguardante il dibattuto tema del download illegale di contenuti dalla rete. Una recente indagine nel Regno Unito, condotta da Ipsos Mori su richiesta di Demos, ha messo in mostra una realtà scomoda per legislatori e major discografiche: chi scarica illegalmente contenuti digitali dalla rete è anche il miglior cliente, stando almeno alle dichiarazioni raccolte nel corso dello studio.

Alla base del sondaggio circa 1000 persone con età compresa fra i 16 ed i 60 anni. Circa il 10% non si fa problemi ad ammettere di aver scaricato materiale musicale coperto da copyright in modo illegale dalla rete, ma sono proprio questi stessi utenti ad avere una maggiore propensione all'acquisto legale degli stessi contenuti. La passione per la musica, insomma, spinge i migliori clienti delle major discografiche sia a scaricare illegalmente i contenuti che ad acquistarli. In questo 10% infatti ricadono utenti che dichiarano una spesa media di circa 80 Sterline all'anno, contro i poco più di 30 di quelli che non scaricano illegalmente (o non lo dichiarano).

Il recente giro di vite contro i pirati della rete, a cui si assiste da qualche tempo in Europa e nel mondo ed ottenuto dal pressing delle major sui legislatori, potrebbe quindi di fatto andare a colpire i propri migliori clienti, andando a creare una situazione grottesca e imbarazzante.

Non è ovviamente nostra intenzione dilungarci in questa sede nell'analizzare il problema, estremamente complesso e spinoso. Quello che emerge dall'indagine non è una grossa sorpresa per gli appassionati di  tecnologia, ma lo è probabilmente per chi tende a vedere il mondo della discografia come cristallizzato ad una ventina di anni fa, con modelli di business completamente differenti ed ignorando una rivoluzione chiamata internet nel mezzo.

Resta ora da vedere se a questa indagine ne seguiranno altre, se verrà ignorata o se ne seguiranno commenti interessanti, soprattutto da parte di chi si è fatto paladino della difesa, legittima, dei diritti d'autore, utilizzando però armi molto spesso inadeguate o del tutto inutili.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

135 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Stigmata03 Novembre 2009, 09:04 #1
opssss
Chrno03 Novembre 2009, 09:13 #2
chi può provare cosa comprare...lo compra!
Bastoner03 Novembre 2009, 09:14 #3
Vale anche per il mondo dei videogames.
SpyroTSK03 Novembre 2009, 09:15 #4
Il recente giro di vite contro i pirati della rete, a cui si assiste da qualche tempo in Europa e nel mondo ed ottenuto dal pressing delle major sui legislatori, potrebbe quindi di fatto andare a colpire i propri migliori clienti, andando a creare una situazione grottesca e imbarazzante.


più che pressing, direi bustarelling
TheInvisible03 Novembre 2009, 09:16 #5
Ciao,
mah non sono pienamente convinto, perchè ormai tra un mp3 e l'originale la qualità musicale è pressochè identita togliendo gli audiofili più accaniti.

Poi se si mette il "gusto" di possedere la confezione originale allora sì....la si acquista, ma ne sono pochissimi.

Ciao e Buona giornata
Hikaro03 Novembre 2009, 09:16 #6
Articolo interessante pieno di giuste osservazioni... diciamo pure che da voce alle idee di milioni di utenti a volte oggetto di "linciaggio" mediatico da parte dei soliti paladini di un moralismo esasperato quanto inutile!
Attenzione però a non usarlo come scudo
gas7803 Novembre 2009, 09:17 #7
hanno scoperto l'acqua calda..
Samires03 Novembre 2009, 09:17 #8
Solita storia..come chi scarica TUTTI i giochi in uscita senza comprarne manco uno poi magari è proprio quello che spende 1000€ all'anno in upgrade informatici..mentre magari chi compra originale si sceglie con cura i giochi ecc.. e alla fine sgancia meno quattrini. O come le decine di pirati xbox con la doppia console, una per l'offline (magari bannata) e una da tenere per l'online(pagando il live). Alla fine il binomio pirata=quintali di guadagni mancati non è poi così realistico.
Paganetor03 Novembre 2009, 09:17 #9
ma infatti, spesso chi scarica un film, un album o un software lo fa perchè è fondamentalmente interessato a quel particolare prodotto. Poi magari scopre che non è quello che si aspettava (perchè spesso sono cose che si comprano a scatola chiusa e che non puoi restituire...) e lo cancella. Oppure vede che gli piace, o è utile, e magari lo compra per avere il manuale, o il libricino con i testi, o la scatoletta bella da mettere insieme alle altre scatolerre che ha in casa...

insomma, se devo vedere un film in base al trailer, o comprare un album in base a una canzone data alla radio (e in genere è la più orecchiabile, le altre si riducono spesso a 45 minuti di musica a 20 euro...) rischio di restare "fregato", e a botte di 20 euro (film o musica) o peggio (software) passa in fretta la voglia di acquistare!
kean3d03 Novembre 2009, 09:24 #10
..e finalmente iniziarono a capire..

da amante del suono di qualità posso dire che anche pur essendo buona la qualità di un mp3 (anche a 320kbps) la differenza con l'originale in wav e palese.. tutta un'altra profondità, altro che pressochè identica..
poi già se si ascolta musica dalle casse del supermercato..

c'è da dire che a volte magari quello che uno cerca non lo trova nel proprio paese (città o stato che sia), e magari arriva dopo mesi e mesi.. nel frattempo..

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^