Dove sono finiti i pirati musicali?

Dove sono finiti i pirati musicali?

Una indagine condotta da Envisional evidenzia la diffusione dei contenuti multimediali sulle reti P2P

di pubblicata il , alle 09:38 nel canale Multimedia
 

Agli albori del P2P il file sharing era incentrato principalmente sulla condivisione di file musicali: grazie al formato compresso è possibile avere un brano in poche MB, che ben si prestano ad essere condivise con altri utenti. Milioni di persone si sono così dedicate al download di brani, album e discografie, riempiendo hard disk su hard disk.

Questo fenomeno è esploso per un motivo in particolare: fino a quel momento la musica era stata diffusa solo attraverso i CD e mai in formato digitale. L'avvento dei lettori MP3 non ha fatto altro che spronare la diffusione dei brani musicali in formato compresso.

I tempi hanno portato sul mercato musicale nuove forme di distribuzione dei contenuti, con iTunes, Pandora e altri servizi similari. Con pochi centesimi è oggi possibile poter acquistare un solo brano in formato digitale: una valida alternativa alla rete P2P, senza però dover avere la spiacevole sensazione di essere "illegali".

L'avvento di questi nuovi servizi alternativi per la diffusione di contenuti musicali rappresenta, secondo una indagine recentemente condotta da Envisional, il principale deterrente della presenza di file musicale sulle reti P2P mondiali.

I ricercatori di Envisional si sono concentrati sull'analisi dei 10,000 file più popolari sulle reti P2P torrent, utilizzando appositi tracker: questo campione è stato utilizzato per stilare una statistica di diffusione dei contenuti, fornendo uno spaccato di come il file sharing sia utilizzato oggi. A seguire il grafico a torta che riporta le percentuali:

Statistiche torrent
Fonte: Arstechnica

Senza sorprese di sorta a rappresentare la maggior parte dei contenuti condivisi sulle reti P2P è la pornografia, seguita a ruota dai film e dalle serie televisive. I giochi per PC o per console e i software arrivano subito dopo: i contenuti musicali sono invece solo al quinto posto della statistica, con un 2,9% sul totale. Penultimi prima degli eBook.

I dati evidenziano una cosa su tutte: quanto l'impiego del file sharing, grazie anche alla diffusione su ampia scala della banda larga sia profondamente cambiato nell'ultimo decennio. I dati fanno ovviamente riferimento ad una particolare realtà torrent e, per quanto puramente indicativi, offrono una interessante vetrina su tale mondo.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

76 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Ketamine_Z04 Febbraio 2011, 09:39 #1
A cosa serve il p2p quando c'è mediafire?
Opteranium04 Febbraio 2011, 09:42 #2
io non ho mai scaricato musica. ooooooops
OutOfBounds04 Febbraio 2011, 09:46 #3
internet is for porn
Steven198704 Febbraio 2011, 09:48 #4
Originariamente inviato da: Ketamine_Z
A cosa serve il p2p quando c'è mediafire?


Infatti, ma anche megaupload o rapidshare...ora come ora credo che programmi come il mulo siano buoni solo per cercare file rari o di piccole dimensioni, per tutto il resto c'è mastercard....volevo dire i file hosters
Andrea deluxe04 Febbraio 2011, 09:50 #5
Mi chiedo quanti anni si dovra' aspettare per un portale del porno dove scaricare film e foto senza abbonamenti forzati con carta di credito....

ci vorrebbe un portale tipo itunes... e con contenuti di alta qualita'.....
IlCarletto04 Febbraio 2011, 09:50 #6
più porni che film
iorfader04 Febbraio 2011, 09:59 #7
Originariamente inviato da: Steven1987
Infatti, ma anche megaupload o rapidshare...ora come ora credo che programmi come il mulo siano buoni solo per cercare file rari o di piccole dimensioni, per tutto il resto c'è mastercard....volevo dire i file hosters


veramente emule lo si usa generalmente quando non si ha tempo per stare a scaricare come fai te da megaupload 100 parti e + per un gioco, mediafire è quasi l'unico per gli mp3.

ma chiaramente sono tutte cose che mi hanno detto i miei amici, io non ne so niente e non li ho mai usati
Critterix04 Febbraio 2011, 10:03 #8
Originariamente inviato da: iorfader
veramente emule lo si usa generalmente quando non si ha tempo per stare a scaricare come fai te da megaupload 100 parti e + per un gioco, mediafire è quasi l'unico per gli mp3.

ma chiaramente sono tutte cose che mi hanno detto i miei amici, io non ne so niente e non li ho mai usati


ehm.. esiste una cosa chiamata JDownloader..

e motori di ricerca tra i vari siti.. di certo non esiste solo mediafire..
ulk04 Febbraio 2011, 10:04 #9
Io ascolto direttamente da YouTube.
Cappej04 Febbraio 2011, 10:06 #10
Originariamente inviato da: ulk
Io ascolto direttamente da YouTube.


idem...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^