Arriva il nuovo standard Embedded SD

Arriva il nuovo standard Embedded SD

La SD Card Association ha sancito le nuove specifiche dello standard Embedded SD, per la realizzazione di nuove soluzioni di storage per apparecchi compatti

di pubblicata il , alle 07:42 nel canale Multimedia
 

La SD Card Association ha annunciato nella giornata di oggi di essere pronta per poter far approdare sul mercato il nuovo standard Embedded SD per il prossimo mese di Novembre. Le nuove specifiche ratificate dall'Associazione permetteranno di portare l'interfaccia SD anche all'interno delle soluzioni embedded storage, incrementando le potenzialità di stoccaggio dati e semplificando la progettazione delle piattaforme di palmari e dispositivi CE in genere.

"I form factor miniSD e microSD sono al primo posto tra le soluzioni di storage su scheda per quanto concerne i dispositivi mobili e dovrebbero poter costituire il 90% di tutte le schede di espansione dei terminali mobili entro il 2010. Il nuovo standard Embedded SD è costruito sui principi che hanno portato alla realizzazione dello standard SD e si focalizza in modo particolare sul contenimento del consumo energetico e delle dimensioni, sulla gestione della memoria flash e sulle funzionalità di boot" ha dichiarato Nam Hyung Kim, analista per iSuppli Corporation.

Le specifiche Embedded SD stabiliscono il quadro, sia dal punto di vista meccanico, sia da quello elettrico, per la realizzazione delle schede nel nuovo formato. Di seguito alcuni punti fissati dal nuovo standard:

-Piena compatibilità con lo standard SD
-Alimentazione a 3,3V e a 1,8V
-Possibilità di boot da Embedded SD
-Sistema di partizionamento flessibile
-Sistema di protezione
-Salvaguardia dei dati

"La SD Card Association ha intenzione di ridurre considerevolmente la frammentazione sul mercato con la proposta di una soluzione dalla maggiore compatibilità per il mondo dello storage embedded, esattamente come è stato fatto nel mercato delle schede di memoria" ha commentato James Taylor, presidente dell'Associazione. "Continueremo a trainare l'espansione del mercato mantenendo la retrocompatibilità con le interfacce di futuro sviluppo".

Link al comunicato ufficiale.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

13 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
peppepz13 Settembre 2008, 09:14 #1

Ma di che si tratta esattamente?

Un nuovo form factor? Se è così non ci bastavano già micro & mini? Le caratteristiche citate non sono già soddisfatte dagli standard esistenti?
DKDIB13 Settembre 2008, 09:57 #2
Apparentmente saranno delle microSDHC con funzionalita' agiuntive (a livello di firmware) compatibili con dispositivi ad hoc: negli altri casi saranno usabili come delle normalissime micorSDHC.

Non penso che faranno un nuovo form factor, anche perche' per renderlo meccanicamente compatibile cone le microSD(HC) dovrebbero farlopiu' piccolo, il che sarebbe ridicolo (a patto che nel bundle non includano anche un paio delle pinze che si usano in microchirurgia).
MaxArt13 Settembre 2008, 09:58 #3
Non ho capito molto da questo comunicato. Mi sembra molta aria fritta e poco di concreto, a parte la possibilità di boot...

Avrei preferito qualcosa che annunciasse la possibilità di distribuzione di contenuti digitali su supporto SD, così che ci possiamo finalmente liberare dai dischi ottici. Una sorta di SD-ROM, per intenderci.
DKDIB13 Settembre 2008, 10:01 #4
Non si fara' mai per via dei costi (perche' abbia senso andrebbero usate le microSD) e della diffusione dei lettori (tutt'oggi la maggior parte dei player si poggia esclusivamente sulla USB per trasferire i dati).

Senza contare che contenuti cosi' piccoli da essere contenuti in memorie flash dal costo trascurabile e' piu' conveniente distribuirli via Internet.
peppepz13 Settembre 2008, 10:08 #5
Si può già bootare da una sd (provate con un BIOS compatibile e con Linux), è una caratteristica del software che la usa, non della card in sé. E le funzionalità di "sicurezza" per la distribuzione di contenuti a pagamento già ci sono (la "esse" in sd), anche se non ho mai visto un dispositivo che ne facesse uso finora.
MaxArt13 Settembre 2008, 11:06 #6
Originariamente inviato da: DKDIB
Non si fara' mai per via dei costi (perche' abbia senso andrebbero usate le microSD) e della diffusione dei lettori (tutt'oggi la maggior parte dei player si poggia esclusivamente sulla USB per trasferire i dati).

Senza contare che contenuti cosi' piccoli da essere contenuti in memorie flash dal costo trascurabile e' piu' conveniente distribuirli via Internet.
Forse... ma forse no. C'è gente che vorrà vedere un film come e quando vuole, e vorrà quindi averne una copia personale. Le connessioni a banda larga per sistemi TV ancora sono pochissime, le SD da 32 GB invece sono diffuse anche se costose (per ora).

Le MicroSD non hanno alcun senso in sostituzione dei DVD: sono troppo piccole per essere usate agevolmente. Le SD normali sono perfette. Si tratta da adottare non delle memorie flash ma delle memorie ROM, abbastanza veloci per un flusso HD, o al limite ibride con una piccola parte riscrivibile. Questo abbasserebbe ulteriormente i costi.
Forse non raggiungerà mai il costo al GB di un Blu-ray, ma in futuro una SD da 32 GB potrà costare abbastanza poco da essere una valida alternativa come supporto home-video. Già oggi si trovano delle SD da 8 GB sotto i 20 euro, un anno fa costavano il doppio.
l.fugaro13 Settembre 2008, 11:29 #7
Come dice giustamente peppepz la possibilità di utilizzare una SD per il boot è una caratteristica che riguarda il BIOS del PC non della memoria!
L'unico problema rimane la velocità di lettura e scrittura di questi formati di memoria... anche se già esistono, costando il doppio rispetto alle altre, SD con 20mbs di scritturra e 25mbs di lettura! Ne sono un felice possessore e vi dico che sono tutta un'altra cosa.

L'unica notizia rilevante di questo comunicato mi sembra il sistema di partizionamento... cosa che al momento non è supportato!

Per il resto nulla di nuovo!

A mio avviso concentrarsi sulle dimensioni mi sembra tempo sprecato... sono già piccole le pen-drive!
Concentratevi piuttosto sui chip SSD e rendeteli interni ed esterni!
Immaginate le potenzialità... hai il tuo picci sempre con te, sistema, dati, programmi, video, tutto... ovviamente i backup si lasciano a casa!

nexor13 Settembre 2008, 13:02 #8
EMBEDDED=INTEGRATE!
Cioè nell'articolo non si parla di schede rimovibili come le normali sd attuali, ma di chip saldati su apparecchi come cellulari e palmari, che rispetto a quelli attuali avranno una nuova interfaccia di comunicazione col sistema , "Embedded SD" appunto.
A noi utenti cambia solo che i prodotti potrebbero costare meno per una standardizzazione dei metodi produttivi, niente di immediato.

Credo che un esempio siano quei dispositivi come i cellulari nokia o gli ipod che usano una eeprom spacializzata per boot e sistema operativo ed un secondo supporto per lo storage, che ora potranno usare diverse partizioni di uno stesso chip, o no?
Lud von Pipper13 Settembre 2008, 13:28 #9
credo che il vantaggio principale sia nell'assorbimento minimo di energia!
A questo punto un progettista di cellulari e palmari, per esempio non deve sbattersi per comprare e progettare l'inserimento di memorie "semplici" sulla sua scheda, incluso tutto il firmware da scrivere ad hoc ma si limita a metterci una SD che comunque non gli fa perdere nulla in termini di spazio e consumi, rispetto a quelle che abbiamo oggi.
Pensate a quanti palamari ancora oggi hanno una propria memoria interna non standard! (htc Diamond, iPhone, Nokia N95 ed N96 per fare qualche nome...)

L'uovo di colombo!
frankie13 Settembre 2008, 13:39 #10
Originariamente inviato da: DKDIB
Non si fara' mai per via dei costi (perche' abbia senso andrebbero usate le microSD) e della diffusione dei lettori (tutt'oggi la maggior parte dei player si poggia esclusivamente sulla USB per trasferire i dati).

Senza contare che contenuti cosi' piccoli da essere contenuti in memorie flash dal costo trascurabile e' piu' conveniente distribuirli via Internet.


Certo 25GB di un BR o anche 8 di un DVD sono comodi da trasferire via DSL.
E non voglio delle ciofeche qualitative tipo youtube o altro. Tutti i siti di video non raggiungono nemmeno la qualità di un DVD.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^