Apple, brevetto per il download di contenuti multimediali?

Apple, brevetto per il download di contenuti multimediali?

Stando ad alcune fonti on-line, Apple potrebbe chiedere royalties ad ogni azienda che contempli nei propri servizi il download dalla rete di materiale multimediale a pagamento

di Alessandro Bordin pubblicata il , alle 11:53 nel canale Multimedia
Apple
 

Un inventore di nome David Contois, proprietario di Contois Music & Technology, ha realizzato in tempi passati un'interfaccia molto simile ad iTunes, per di più con le medesime finalità di ascolto musica e spostamento di contenuti di materiale multimediale da un dispositivo all'altro. Michael Starkweather, il suo legale, fa sapere che, sulla base di questa tecnologia brevettata, ci potrebbero essere i margini per Apple di chiedere royalties ad aziende che vendano contenuti multimediali on-line.

Cosa c'entra Apple? Semplice: David Contois ha portato in tribunale Apple e ha visto riconosciuti parte dei propri diritti e giungendo ad un accordo con Apple stessa, che si è garantita tutti i diritti sulla tecnologia. Secondo il legale di Contois dunque, Apple potrebbe trovarsi nella condizione di chiedere royalties alle aziende che forniscono e forniranno files multimediali a pagamento sulla rete, ma anche a tutte quelle che permetteranno di spostare files multimediali da un dispositivo all'altro.

Su Playfuls inoltre è possibile trovare l'autocompiacimento del redattore del brevetto, sempre Mr. Michael Starkweather, che ammette candidamente come lo scrivere un brevetto sia un'arte, più che una scienza esatta, e richieda creatività.

Business miliardario a parte, è facile notare come molte aziende del campo stiano scivolando nel ridicolo, cercando di brevettare azioni ed idee che meriterebbero una minore superficialità da parte dell'ufficio brevetti USA in fase di approvazione. Dopo il brevetto della navigazione a menù di Creative dunque, ecco il brevetto per il donwload di Apple, che potrebbe costringere a pagare royalties per il semplice gesto di cliccare su un link, spostare files da un dispositivo all'altro, acquistare on-line qualsiasi file multimediale.

Non resta che attendere gli eventuali sviluppi della vicenda, approfondibile su Macity.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

37 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Dias04 Dicembre 2006, 11:59 #1
Originariamente inviato da: Redazione di Hardware Upg

Business miliardario a parte, è facile notare come molte aziende del campo stiano scivolando nel ridicolo


*
Paganetor04 Dicembre 2006, 12:00 #2
mi sembra eccessivo... si può brevettare una tecnologia, non una azione (come copiare o scaricare file)
giopro04 Dicembre 2006, 12:00 #3
Continuando di questo passo metteranno anche il brevetto sul tasto di accensione dei computers.

Ciao
51204 Dicembre 2006, 12:03 #4
non si vergognano?
Laertes04 Dicembre 2006, 12:09 #5
Brevetto ridicolo, come ormai lamaggior parte dei brevetti, che negli USA si diano una regolata!

Per fortuna per ora è solo una speculazione, speriamo che Apple non si metta veramente a chiedere royalties sul download dei file a pagamento.
MOSCA04 Dicembre 2006, 12:12 #6

brevetto

adesso brevetto il concetto stetto di brevetto cosi me li fumo tutti di un colpo... alla Apple ma non solo alla Apple sono arrivati decisamente alla canna del gas....
kalle7804 Dicembre 2006, 12:13 #7
Non ho parole....

Poi un giorno qualcuno chiederà delle royalties alla Apple brevettando il "download" di qualunque file?!??!!?!??!?
CicCiuZzO.o04 Dicembre 2006, 12:13 #8
ma stanno scherzando? ma gliele fanno pure brevettare ste cose?

mamma mia, non ci voglio credere
ilsensine04 Dicembre 2006, 12:13 #9
Originariamente inviato da: Laertes
Per fortuna per ora è solo una speculazione, speriamo che Apple non si metta veramente a chiedere royalties sul download dei file a pagamento.

Speriamo di sì, invece. Più aziende si mettono a trolleggiare pretendendo i diritti che le leggi sui brevetti (americane) garantiscono loro (in vie assolutamente _legali_), più facile sarà sensibilizzare le masse al problema.
Possibilmente evitando che simili sciagure si abbattano anche in Europa, cosa che tentano di fare continuamente nel disinteresse generale.
siburbane04 Dicembre 2006, 12:17 #10
Originariamente inviato da: ilsensine
Speriamo di sì, invece. Più aziende si mettono a trolleggiare pretendendo i diritti che le leggi sui brevetti (americane) garantiscono loro (in vie assolutamente _legali_), più facile sarà sensibilizzare le masse al problema.
Possibilmente evitando che simili sciagure si abbattano anche in Europa, cosa che tentano di fare continuamente nel disinteresse generale.


...speriamo che sia come dici tu, per me invece si limitano ad aumentare i prezzi.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^