Anonymous si espone, obbiettivo: AgCom

Anonymous si espone, obbiettivo: AgCom

A distanza di poche ore dalla polemica per l'entrata in vigore del decreto che, a partire dal 6 di luglio, fornirà nuovi poteri ad AgCom, Anonymous attacca il sito dell'agenzia

di pubblicata il , alle 15:52 nel canale Multimedia
 

Nel corso della mattinata abbiamo riportato, con questa notizia, come AgCom e il popolo della rete si siano scontrati sul decreto che dovrebbe trovare la sua attuazione il 6 di luglio. A supportare la protesta ci pensa Anonymous, rete hacker internazionale, che chiama a raccolta per un attacco contro agcom.it, il sito dell'agenzia delle comunicazioni.

Secondo quanto riportato l'attacco sarebbe partito attorno alle 12 e in circa un'ora il sito target era difficilmente raggiungibile e in alcuni casi offline. Il motivo dell'attacco è chiaramente l'avvicinarsi del 6 luglio, data in cui entrerà in vigore il nuovo regolamento che permette ad AgCom di gestire in modo diretto non solo il controllo sui contenuti, ma anche eseguire la rimozione.

Aprendo il manifesto in cui Anonymous chiama a raccolta gli utenti, disponibile a questo indirizzo, si può leggere:

"L'AgCom vorrebbe istrituire una procedura veloce e puramente amministrativa di rimozione di contenuti online considerati in violazione della legge sul diritto d'autore. L'autorià potrebbe sia irroggare sanzioni pecuniare molto ingenti a chi non eseguisse gli ordini di rimozione, sia ordinare agli Internet Service Provider di filtrare determinati siti web in modo da renderli irraggiungibili dall'Italia. Il tutto senza alcun coinvolgimento del sistema giudiziario, che dovrebbe essere un passo indispensabile".

Lo scontro tra autorità e popolo della rete sembra quindi, ora dopo ora, farsi sempre più intenso: non rimane ora che attendere l'evoluzione.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

42 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
C++Ronaldo28 Giugno 2011, 15:55 #1
che cosa cambia mandando fuori uso il sito per un'ora?
a di là del trafiletto sul giornale, non penso abbia un risvolto pratico.
demon7728 Giugno 2011, 15:56 #2
Ma spero che glieli brucino proprio i server all'AGCOM!
SE LA FICCHINO SU PER IL *server* LA LORO CENSURA DEI CONTENUTI WEB!
dwfgerw28 Giugno 2011, 15:57 #3
che vergogna questa cosa non può passare
dwfgerw28 Giugno 2011, 15:59 #4
comunque la colpa è nostra, ci stiamo meritando tutto... sarebbe da andare fuori i PALAZZI a rendere la vita difficile a certi individui... Fosse per me dovrebbero girare con la scorta, dovrebbero avere il terrore vero di affacciarsi fuori o di uscire per andare a ""LAVORARE""
scipione28 Giugno 2011, 16:01 #5
Ci sono delle leggi, come le deve rispettare il comune cittadino , rispettatele anche voi "internauti" del cazzo. O voi pensate di essere una "razza" speciale da tutelare.
C++Ronaldo28 Giugno 2011, 16:02 #6
ragazzi la violenza non serve.

se vogliamo raccogliamo firme e si fa un referendum a novembre.
E ciao ciao, legge.
in fondo facebook è un buon modo per pubblicizzare un referendum
e far venire un po' di gente.

ma boh gli attacchini sui siti, non li vedo utilissimi.
Fanno parlare, ma solo quello.
Alekz28 Giugno 2011, 16:05 #7
Originariamente inviato da: scipione
Ci sono delle leggi, come le deve rispettare il comune cittadino , rispettatele anche voi "internauti" del cazzo. O voi pensate di essere una "razza" speciale da tutelare.


complimenti
litocat28 Giugno 2011, 16:14 #8
Originariamente inviato da: scipione
Ci sono delle leggi, come le deve rispettare il comune cittadino , rispettatele anche voi "internauti" del cazzo. O voi pensate di essere una "razza" speciale da tutelare.

Appunto. Le leggi da rispettare gia' ci sono. Non c'e' bisogno di introdurne di nuove per permettere a un'autorita' amministrativa di censurare l'informazione senza interpellare l'autorita' giudiziaria.
wizard8328 Giugno 2011, 16:15 #9
Originariamente inviato da: scipione
Ci sono delle leggi, come le deve rispettare il comune cittadino , rispettatele anche voi "internauti" del cazzo. O voi pensate di essere una "razza" speciale da tutelare.


prima di sparare certe cazzate, collega il cervello...
Kumalo28 Giugno 2011, 16:18 #10
Originariamente inviato da: C++Ronaldo
ragazzi la violenza non serve.

se vogliamo raccogliamo firme e si fa un referendum a novembre.
E ciao ciao, legge.
in fondo facebook è un buon modo per pubblicizzare un referendum
e far venire un po' di gente.

ma boh gli attacchini sui siti, non li vedo utilissimi.
Fanno parlare, ma solo quello.


Si come il referendum sull'acqua che e' passato ma le compagnie gia' private non intendono mollare e nei dintorni di Roma (ladispoli ecc) le bollette sono aumentate del 33% per non parlare di acqua latina che ha aumentato anche fino al 300%.

Mi spiace ma io sono sempre stato uno pacato, che spera che con la maggioranza in un paese democratico si puo' indirizzare il paese verso scelte di interesse collettivo, ma ora devo dare pienamente ragione a "dwfgerw", e' ora di prendere gli zaini mettersi fuori dai palazzi e fargli capire che con l'autocrazia, si perdono le gambe.....

Bye

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^