A Las Vegas per lavoro senza la reflex, solo smartphone - parte 3

A Las Vegas per lavoro senza la reflex, solo smartphone - parte 3

Eccoci alla prova dei fatti con le fotografie in occasione di conferenze e presentazioni prodotto. Ansia, problemi, punti di forza, ma anche alcuni stimoli che giungono dal doversi arrangiare con quello che si ha

di pubblicata il , alle 12:41 nel canale Multimedia
CES2020
 

Contenuti precedenti:

A Las Vegas per lavoro senza la reflex, solo smartphone - parte 1
A Las Vegas per lavoro senza la reflex, solo smartphone - parte 2

Le conferenze sono spesso situazioni difficili per il reportage, perché serve contemporaneamente scrivere, fotografare e ogni tanto girare qualche video, solitamente come copertura per servizi estesi. La situazione tipica è questa:

Le sedie sono solitamente agganciate una all'altra, c'è lo zaino da mettere davanti ai piedi, la borsa per smartphone, documenti ecc ecc e il PC sulle gambe. La reflex (APS-C), di solito, la tengo al collo con obiettivo 18-200mm, spesso schiacciato fra due persone che son lì per fare le stesse cose. Non proprio il massimo della comodità, insomma, spesso poi in situazioni di luce difficile (in foto no, doveva ancora iniziare, poi abbassano le luci per vedere meglio filmati e slide).

Alla prova dei fatti, con zoom 10X (quello ottico arriva fino a 5X), lo smartphone si è comportato veramente bene, oltre ogni aspettativa. Fondamentale la stabilizzazione ottica, sia chiaro, ma questo vale anche per la reflex. Il soggetto era a circa 20 metri, immagine non ritagliata. Guardando i dati EXIF lo smartphone ha scattato a 1/40s e ISO 200, davvero basso per la poca luce presente. Tendo a non usare praticamente mai il flash integrato (smartphone e reflex), sia per non disturbare, sia per avere una resa più naturale degli scatti. A quella distanza poi sarebbe inutile, a meno di utilizzarne uno "vero", da inserire nella slitta della macchina fotografica.


Particolare al 100%

Ecco un ritaglio per vedere la resa al 100%. Ricordo che c'è di mezzo anche lo zoom digitale, che di solito evito a tutti i costi ma volevo testarne la bontà, entro certi limiti. La reflex avrebbe restituito uno scatto migliore? Certo, senza dubbio. Mi serviva veramente? No. Ho sofferto, ma forse per scarsa abitudine, l'atto dello scattare la foto. Servono due mani (con un po' di esperienza o con live view ne basta una, con la reflex), così come vivo con un filo di ansia quel leggero ritardo allo scatto di cui tutti gli smartphone soffrono. Solitamente c'è un po' di tempo fra una slide e l'altra, però con la reflex sono più veloce. Forse però è qualcosa di psicologico, non ho perso nessuna slide o soggetto che volevo fotografare anche con lo smartphone.

La bella PR di ASUS, credetemi, non è immobile. Parla, muove il PC, si gira spesso verso le persone presenti disposte ad arco di fronte a lei. Con la reflex avrei impostato un tempo di almeno 1/125s, meglio 1/200s. Ho provato a fare un semplice "punta e scatta", ritenendomi soddisfatto del risultato.


Particolare al 100%

Anche qui, il particolare al 100%. Ovvio che la qualità non è quella della reflex, ma in questi casi ha vinto la praticità, anche perché quanto scattato è subito disponibile in cloud o a un click dalla condivisione o invio per mail (per l'occasione è stata acquistata una SIM USA della durata di 7 giorni, ma ho anche l'opzione di riserva Passport).

Si tende a non pensarci molto con lo smartphone, ma occorre tenere sempre pulite le lenti. Il risultato altrimenti è questo, veramente pessimo con quelle bande luminose che partono dalle fonti luminose.

Stessa foto ma lenti pulite con un panno in microfibra da passare molto spesso, contando che lo smartphone lo si prende in mano centinaia di volte al giorno e lo si butta in tasca o nella borsa senza troppi complimenti.

In situazioni "al volo", prendendoci un po' la mano, si riescono anche a catturare attimi interessanti, a patto però di tenere aperta la app della macchina fotografica sullo smartphone. Con una reflex al collo sono pronto in qualsiasi momento a scattare, con lo smartphone, qualora fosse in tasca o nella borsa, devo mettere in conto una 5-10 secondi fra l'idea di fare una foto e farla davvero. In certi casi potrebbero rivelarsi troppi, come ad esempio quando da un palco mostrano un prodotto appena presentato.

Fra una conferenza e uno stand, ci sono margini di giocare un po' anche con lo smartphone, una volta capiti i limiti. Decisamente interessante la funzione Pro che permette di impostare manualmente il tempo di esposizione. I margini sono di gran lunga inferiori a quelli di una macchina fotografica un po' seria, ma qualche soddisfazione riesce a darla anche lo smartphone, a patto di avere le idee abbastanza chiare sul risultato che si vuole ottenere.

Con un po' di attenzione vengono anche i panning, a patto però di farli in luoghi non troppo luminosi perché altrimenti si "brucia" molto facilmente buona parte della scena. Praticamente nessun margine di recuperare dettagli dalle zone sovraesposte.

Il test "lavoro", almeno sul piano fotografico, posso ritenerlo superato con una certa brillantezza. Soddisfazioni anche su foto più ricercate, impossibili anche da pensare su uno smartphone di qualche anno fa. Restano molti limiti, ma avremo modo di parlarne nel report conclusivo. A presto!

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

3 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Paganetor08 Gennaio 2020, 14:00 #1
ecco, una cosa alla quale non avevo pensato è la "prontezza" che occorre per fare certe foto. la macchina fotografica puoi appenderla al collo, è accesa, sempre pronta, mette a fuoco in una frazione di secondo e poi torni a guardare il PC.
Lo smartphone invece richiede una certa attenzione, devi concentrati di più, perdona di meno, impostare la modalità PRO richiede tempo e potresti "bucare" uno scatto (mentre con la fotocamera hai più margine).

La qualità complessiva è accettabile per uso on-line, sono curioso di vedere come se la cava con video e interviste e le tue impressioni sul fronte ergonomico (primo fra tutti l'assenza di svariati chili sulle spalle).

DAJE!
zoomx08 Gennaio 2020, 20:50 #2
Io ho usato delle compattine Canon che si accendevano in mezzo secondo.
Riuscivo ad accenderla e a scattare con una sola mano.
E ci riesco ancora.
Comunque alcuni smartphone (forse tutti) hanno delle scorciatoie per accedere alla camera dallo standby e qualcuno persino un pulsante di scatto fisico ma sono troppo piatti.
nick09108 Gennaio 2020, 21:22 #3
Seguo l'argomento con interesse ma questi tuoi articoli sono godibili già solo per la serietà con cui stai facendo il lavoro. Ti ringrazio.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^