3 utenti su 4 hanno problemi con i DRM

3 utenti su 4 hanno problemi con i DRM

Un sito tedesco esprime il proprio parere contro i DRM: inutili, limitanti ed anche dispendiosi per i rivenditori, per motivi poco trattati ma non trascurabili

di pubblicata il , alle 17:11 nel canale Multimedia
 

Musicload, il servizio di proprietà di Deutsche Telekom per la vendita online di brani musicali, ha preso posizione contro i DRM, spiegando quali siano (almeno dal suo punto di vista) gli effetti negativi dei dispositivi anticopia sugli utenti e sul mercato.

Musicload ha infatti dichiarato in una lettera pubblicata recentemente che numerosi utenti riscontrano notevoli problemi con i DRM: il 75% circa degli utenti del sito, infatti, contattano il supporto clienti per risolvere i propri frustranti inconvenienti che spesso impediscono di poter gestire in modo flessibile i brani acquistati. I costi del supporto post-vendita sono ovviamente a carico del rivenditore che deve già affrontare i non trascurabili dazi alle etichette musicali per avere a disposizione i cataloghi da mettere in vendita.

Secondo il sito tedesco l'utilizzo dei sistemi DRM rende la fruizione della musica piuttosto difficile ed ostacola lo sviluppo di un mercato di massa per i download legali di brani musicali. Le obiezioni mosse sono sempre le solite: la mancanza di interoperabilità è solamente a svantaggio del cliente e limita la pura competizione tra servizi che offrono brani musicali.

Musicload sta inoltre cercando di promuovere, con risultati iniziali abbastanza positivi, la vendita di opere di etichette indipendenti che vogliono commercializzare i propri cataloghi senza DRM. Secondo le analisi dei risultati, nel mese di dicembre si è assistito ad un incremento del 40% nelle vendite di opere i cui autori hanno deciso di non adottare sistemi anticopia.

Sul mercato si stanno inoltre affacciando altre realtà come Aime Street ed eMusic, che mettono a disposizione brani non coperti da DRM. Nel caso di Aime Street vi sono inoltre alcuni artisti che non hanno avuto modo di poter trovare un accordo con Apple e iTunes Store, nonostante la famosa lettera aperta di Steve Jobs contro l'impiego di sistemi DRM.

Fonte: Arstechnica

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

43 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Paganetor19 Marzo 2007, 17:12 #1
ma no, non è vero: i DRM garantiscono l'originalità dei brani e sono un servizio in più al cliente, che così si sente tutelato!

XSonic19 Marzo 2007, 17:23 #2
Mai avuto problemi con i DRM... ah, è vero, il mio computer non sa cosa sono i DRM...



nel mese di dicembre si è assistito ad un incremento del 40%
Speriamo che si muovano tutti in questa direzione, le protezioni fanno male solo a chi compra le canzoni, chi non paga non ha problemi
Micene.119 Marzo 2007, 17:31 #3
bah prima vogliono combattere lo scarico illegale e poi mettono una serie di paletti assurdi per lo scarico legale...ditemi voi se sono persone intelligenti
maxthewildcat19 Marzo 2007, 17:38 #4
"...........Speriamo che si muovino tutti in questa direzione........."


muovino.....????????

il tuo congiuntivo in che direzione si e' mosso....?????
Dreadnought19 Marzo 2007, 17:46 #5
Tanto per dire: ho registrato lo speciale TG1 di ieri sera, dall'HDD del registratore, l'ho portato su DVD... provo ad aprirlo con media player: non va. Mi dice che non ho i diritti per aprirlo :|

Mah...

Apro con VLC e funziona.
Dexther19 Marzo 2007, 18:10 #6
io ho continui problemi di DRM con Rossoalice
partite pagate e mai viste ......
SpyroTSK19 Marzo 2007, 18:45 #7
ora si che posso dire: alla faccia di chi ha votato si per i drm.
SpyroTSK19 Marzo 2007, 18:46 #8
dategli 1 anno di tempo e spariranno!
unwiredbrain19 Marzo 2007, 19:06 #9
"Sul mercato si stanno inoltre affacciando altre realtà come Aime Street ed eMusic, che mettono a disposizione brani non coperti da DRM"

E Jamendo? Non lo cita nessuno?
~Mr.PartyHut~19 Marzo 2007, 19:10 #10
Originariamente inviato da: Dreadnought
Tanto per dire: ho registrato lo speciale TG1 di ieri sera, dall'HDD del registratore, l'ho portato su DVD... provo ad aprirlo con media player: non va. Mi dice che non ho i diritti per aprirlo :|

Mah...

Apro con VLC e funziona.

ma straLOL, questo è il colmo

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^