nanoCoolers: non più metallo liquido ma pellicole termoelettriche

nanoCoolers: non più metallo liquido ma pellicole termoelettriche

La compagnia ha deciso di mettere in secondo piano lo sviluppo di sistemi di raffreddamento con metallo liquido e di dedicarsi allo sviluppo di pellicole che sfruttino l'effetto Peltier

di Andrea Bai pubblicata il , alle 16:35 nel canale Modding
 

nanoCoolers, giovane compagnia nata nel 2002 e specializzata nello sviluppo di soluzioni di raffreddamento avanzate, ha dichiarato di non voler mettere in commercio alcun sistema di raffreddamento basato su metallo liquido. I lettori più attenti ricorderanno che nel corso dell'edizione 2005 dell'E3 di Los Angeles, Sapphire Technology ha presentato una scheda video equipaggiata con prototipo realizzato proprio da nanoCoolers.

La compagnia ha dichiarato di voler indirizzare i propri sforzi e la propria attenzione in direzione delle pellicole termoelettriche (Thin Film Thermoelectrics - TF TEC) e di attribuire bassa priorità ai lavori attorno alle soluzioni di raffreddamento a metallo liquido.

nanoCoolers ha dichiarato: "Il prototipo a metallo liquido ha raggiunto gli obiettivi prefissati che hanno soddisfatto sia il mercato sia i nostri partner. Dal momento che attualmente la ricerca del business per questo tipo di prodotti non è nelle nostre priorità, abbiamo rimosso tutte le informazioni riguardo al raffreddamento con metallo liquido dal nostro sito web".

Le pellicole termoelettriche funzionano secondo l'effetto Peltier, del quale la compagnia, sul proprio sito web, da una spiegazione piuttosto esauriente:

I dispositivi termoelettrici sono basati su materiali semiconduttori che possono raffreddarsi grazie all'effetto Peltier. La maggior parte dei dispositivi termoelettrici sono basati su semiconduttori di Bismuto-Tellurio drogati-p e drogati-n. Quando la corrente scorre dal materiale drogato-n al materiale drogato-p, il calore viene assorbito, mentre quando la corrente scorre in direzione opposta, il calore è dissipato. Diventa quindi possibile costruire un dispositivo che da un lato assorba calore mentre dal lato opposto lo dissipi quando viene applicata la stessa corrente.

L'obiettivo di nanoCoolers è ovviamente quello di poter ridurre le dimensioni dei dispositivi per poter conseguire anche una maggiore densità di raffreddamento. Per questo motivo la compagnia ha sviluppato un processo produttivo proprietario che permette di realizzare dispositivi termoelettrici utilizzando delle pellicole adeguate.

Per informazioni sul raffreddamento a metallo liquido rimandiamo alla lettura di questa news, mentre il sito ufficiale di nanoCoolers può fornire altre informazioni riguardanti i dispositivi termoelettrici a pellicola.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

56 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
rpor07 Novembre 2005, 16:46 #1
Forse forse era troppo efficiente ed economico?
rutto07 Novembre 2005, 16:47 #2
e' una gran bella tecnologia, sono delle specie di "diodi" per la temperatura...
2 inconvenienti:
1) vanno alimentate (e non assorbono poco);
2) chi raffredda poi la parte calda della cella di peltier? considerando che che la celletta scalda essa stessa un po' io non capisco quale sia la loro utilita'... sposta semplicemente qualche mm piu' in alto l'area da raffreddare. boh!
skara07 Novembre 2005, 16:48 #3
Originariamente inviato da: Redazione di Hardware Upg
Link alla notizia: http://www.hwupgrade.it/news/modding/15740.html

La compagnia ha deciso di mettere in secondo piano lo sviluppo di sistemi di raffreddamento con metallo liquido e di dedicarsi allo sviluppo di pellicole che sfruttino l'effetto Peltier

Click sul link per visualizzare la notizia.



che bella scoperta ....

la pelt l'hanno scoperta qualke tempo fa ....

bhe ... si puo' dire che hanno scoperto l'acqua calda ...
cionci07 Novembre 2005, 16:59 #4
Originariamente inviato da: skara
la pelt l'hanno scoperta qualke tempo fa ....

Però una di queste da 70 Watt è grande 0.5 cm^2 !!!
Fx07 Novembre 2005, 17:09 #5
Originariamente inviato da: rutto
e' una gran bella tecnologia, sono delle specie di "diodi" per la temperatura...
2 inconvenienti:
1) vanno alimentate (e non assorbono poco);
2) chi raffredda poi la parte calda della cella di peltier? considerando che che la celletta scalda essa stessa un po' io non capisco quale sia la loro utilita'... sposta semplicemente qualche mm piu' in alto l'area da raffreddare. boh!


ecco vorrei capire anch'io bene questi due aspetti, poi dico "figo" =)
freeeak07 Novembre 2005, 17:13 #6
magari è piu una questione di praticita,sai come io il mercurio non è che me lo terrei tanto volentieri nel pc.

Aqua Calda 2.0... hanno migliorato l'efficenza.
NoX8307 Novembre 2005, 17:17 #7
Specialmente la versione 2.0 priva della "c" - aQua calda 2.0
Genesio07 Novembre 2005, 17:19 #8
E vai, altra elettricità nel mio pc!
Guardate che le celle di peltier non consumano poco...
Attila1688107 Novembre 2005, 17:20 #9
il sistema a metallo liquido è un sistema di raffreddamento, la peltier no, sposta la superficie da raffreddare non sul chip ma sul lato "caldo" della cella, novita della scoperta? (a parte l'innovazione delle dimensioni) sopra cmq ci andra un raffreddamento a liquido almeno (poi non so quanto possa essere efficiente su una superficie cosi piccola), per non parlare della coibentazione
JL_Picard07 Novembre 2005, 17:29 #10
Diciamo che il vero progresso, sarà dato dall'introduzione su larga scala di CPU a basso consumo...

Che volendo non sono così lontane (vedi CPU per portatili)...

basterebbe voler introdurre tali tecnologie nel mondo desktop...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^