Stallman: utilizzare il Cloud Computing è stupido

Stallman: utilizzare il Cloud Computing è stupido

Il padre del software libero Richard Stallman si scaglia senza mezze misure sul Cloud Computing

di pubblicata il , alle 15:16 nel canale Mercato
 

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

86 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
kliffoth01 Ottobre 2008, 16:21 #11
Anche io sono contro questa cosa...pero' ammetto anche di essere ignorante.

Dove lavoro usiamo Zimbra Mail, che ha un suo server (si sta per passare a Lotus notes, che ho usato quando ero a Vienna ed e' spettacolare!!!), e l'ufficio ha parecchi dati sensibili, visto che si occupa di corruzione e anti riciclaggio.

Quindi se loro si fidano...penso si possa farlo anche noi, pur se in questo caso si tratta di un servizio a pagamento (presumo anche caro) e destinato al mercato privato, mentre quando gli utenti saranno milioni non ci saranno piu' controlli e la guerra ai prezzi fara' saltare ogni protezione
Barra01 Ottobre 2008, 16:23 #12
Ha il look alla gesù cristo, parla come un estremista islamico, ed è grasso come il classico americano medio!

Non ho mai gradito + di tanto il personaggio. Amo l'opensource e ne faccio un utilizzo molto intenso ma cavolo non è facendosi nemico tutto il mondo che si aiuta lo sviluppo del software libero.

E poi: uso gmail, google calendar e in parte google docs. Non potrei farne a meno e cmq sempre la solita storia: che cavolo me ne frega che google dia un'occhiata? sarà ma per avere i loro servizi aggratis io ci sto.

Il futuro dei pc è quello, opporti a tutti i costi è imho stupido. Stallman dovrebbe badare a trovare un accordo con google e C x stabilire regole e avere un potere di controllo su tali sistemi.
ilterzo01 Ottobre 2008, 16:30 #13
una marea di cazz.....!!
Il cloud computing è una "tecnologia" per mettere a disposizione servizi, per l'utente finale non c'è nessuna differenza!
DanieleG01 Ottobre 2008, 16:38 #14
Un genio... Ci voleva lui a dirlo
Bongio201 Ottobre 2008, 16:44 #15
Veramente tutti i servizi di storage online/cloud computing danno la possibilità di cifrare tutto con algoritmi molto solidi e liberamente selezionabili dagli utenti....
Certo se poi uno usa la data di nascita come password.................
Dane01 Ottobre 2008, 16:53 #16
Originariamente inviato da: Barra
Ha il look alla gesù cristo, parla come un estremista islamico, ed è grasso come il classico americano medio!

Non ho mai gradito + di tanto il personaggio. Amo l'opensource e ne faccio un utilizzo molto intenso ma cavolo non è facendosi nemico tutto il mondo che si aiuta lo sviluppo del software libero.

E poi: uso gmail, google calendar e in parte google docs. Non potrei farne a meno e cmq sempre la solita storia: che cavolo me ne frega che google dia un'occhiata? sarà ma per avere i loro servizi aggratis io ci sto.

Il futuro dei pc è quello, opporti a tutti i costi è imho stupido. Stallman dovrebbe badare a trovare un accordo con google e C x stabilire regole e avere un potere di controllo su tali sistemi.



se il discorso è riferito a documenti che non hanno importanza il discorso non fa una grinza.

Mettiti però nella situazione che un amministrazione pubblica (o un altro privato) usi i servizi online di X mettendoci i tuoi dati. Non penso ti farebbe tanto piacere, visto che non è l'ente/privato stesso stesso che garantisce il trattamento dei tuoi dati, bensì X (che potrebbe avere interesse a vendere informazioni su di te).

Secondo me Stallman pensa male, ma ci vede lungo!
ilterzo01 Ottobre 2008, 16:55 #17
Guarda che il cloud computing non prevede il monopolio!!!
Invece di avere le Pubbliche Amministrazioni ognuna con il suo CED si ipotizza di averne uno unico che metta a disposizione tramite le tecnologie di virtualizzazione tutti i servizi, ma il CED principale è ovviamente sotto il controllo dello Stato...
!fazz01 Ottobre 2008, 16:57 #18
Originariamente inviato da: Dane
se il discorso è riferito a documenti che non hanno importanza il discorso non fa una grinza.

Mettiti però nella situazione che un amministrazione pubblica (o un altro privato) usi i servizi online di X mettendoci i tuoi dati. Non penso ti farebbe tanto piacere, visto che non è l'ente/privato stesso stesso che garantisce il trattamento dei tuoi dati, bensì X (che potrebbe avere interesse a vendere informazioni su di te).

Secondo me Stallman pensa male, ma ci vede lungo!


per qualsiasi informazione "critica" anche in un sistema isolato è buona norma usare una robusta soluzione di crittografia e controllo degli accessi, pure se il sistema non è in rete (il social engineering è cmq possibile) figuriamoci in un sistema di cloud computing.
leptone01 Ottobre 2008, 16:58 #19
Stallman ha dichiarato questa e mille altre cose anche nell'intervista dell'ultimo numero di linux&C (giornale italiano), dov'è la notizie, perchè citare una cosa dell'intervista, stallman rilascia interviste ogni giorno x mille rivistae di tutte le nazionalità e dice sempre le stesse cos, dov'è la notizia?
ste7801 Ottobre 2008, 17:11 #20
alcuni discorsi mi sembrano un po' paranoici...

capisco quali possano essere i dubbi di un'azienda, però in un modo o nell'altro bisogna trovare una soluzione. il futuro è comunque lavoro e connettività ovunque, è giusto che sia così, ce n'è sempre più la necessità.

certo non bisogna fidarsi troppo dei "regali" di certe aziende (anche se ad esempio la storia Google = furto di dati sensibili a scopi malevoli mi sembra esagerato!!direi piuttosto Google = pubblicità mirata) però bisogna che qualcuno lo faccia...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^