Per Huawei il nuovo divieto della FCC è incostituzionale

Per Huawei il nuovo divieto della FCC è incostituzionale

Passa al contrattacco Huawei, dopo l'ultima pugnalata giunta dagli USA con il divieto dell'FCC emesso nelle scorse settimane. Per la società cinese ci sono gli estremi di incostituzionalità

di pubblicata il , alle 12:41 nel canale Mercato
Huawei
 

Huawei ha ufficialmente comunicato di aver avviato un iter legale nei confronti della Federal Communications Commission statunitense, richiedendo di annullare il divieto imposto agli operatori di rete sull'utilizzo di fondi federali per acquistare apparati da Huawei e ZTE.

Come avevamo già avuto modo di dettagliare in questa notizia, l'Universal Service Fund è un fondo del valore di 8,5 miliardi di dollari che supporta l'acquisto di apparati per la costruzione di infrastrutture di comunicazione, specialmente nelle aree rurali. Huawei chiede alla Corte d'Appello USA per il quinto circuito di sovvertire il divieto della FCC approvato lo scorso 22 novembre.

I principali compratori di apparati di rete Huawei e ZTE negli USA sono i piccoli operatori di rete, perché le due società cinesi offrono soluzioni economiche che si sono rivelate affidabili. Secondo quanto indica l'agenzia stampa Reuters, alcuni carrier hanno già considerato la possibilità di rivolgersi a Nokia e ad Ericsson per l'eventuale sostituzione degli apparati, ma le loro proposte sono prezzate in maniera meno competitiva rispetto a quelle di Huawei e ZTE.

In occasione di una conferenza stampa a Shenzhen, Glen Nager, principale rappresentante legale di Huawei nell'iter d'appello, ha affermato che il divieto sconfina oltre l'autorità della FFC e viola la costituzione. "L'ordine manca di dare a Huawei un giusto processo richiesto dalla costituzione prima di stigmatizzarlo come una minaccia alla sicurezza nazionale, così come l'opportunità di confutare supposte testimonianze e prove e un equo e neutro processo" ha dichiarato.

Il responsabile legale di Huawei, Song Liuping afferma che il presidente della FCC Ajit Pai e gli altri commissari non presentato prove a supporto delle accuse del fatto he Huawei sia una minaccia alla sicurezza: "E' una tendenza comune di questi giorni a Washington. Huaweei è una società cinese - questa è l'unica scusa" ha dichiarato Song. Il quale sottolinea inoltre che la FCC ha completamente ignorato i "commenti dettagliati" che Huawei ha inviato per spiegare come il divieto avrebbe messo in pericolo le attività in aree rurali e aggiungendo inoltre che la decisione, proprio come la famosa Entity List di maggio, è basata su questioni politiche e non di effettiva sicurezza.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

6 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Tedturb005 Dicembre 2019, 17:40 #1
Mi pare una ottima scusa.
Solo politici miopi o corrotti non bloccherebbero il mercato ad un competitor non solo partecipato e sovvenzionato da un governo totalitario e palesemente imperialista con un ottimo curriculum di spionaggio e furto di proprieta' intellettuale, ma nato e cresciuto grazie a spionaggio industriale e furto della proprieta' intellettuale (Canadese, ma vabbe').
leoben05 Dicembre 2019, 18:19 #2
Originariamente inviato da: Tedturb0
Mi pare una ottima scusa.
Solo politici miopi o corrotti non bloccherebbero il mercato ad un competitor non solo partecipato e sovvenzionato da un governo totalitario e palesemente imperialista con un ottimo curriculum di spionaggio e furto di proprieta' intellettuale, ma nato e cresciuto grazie a spionaggio industriale e furto della proprieta' intellettuale (Canadese, ma vabbe').


Non ho capito se ti riferisci alla Cina o agli USA...
canislupus05 Dicembre 2019, 18:35 #3
Originariamente inviato da: leoben
Non ho capito se ti riferisci alla Cina o agli USA...


Credo si riferisca alla Huawei...
Sostanzialmente sostiene che sia governata dal partito comunista cinese (esiste ancora??? ) e che venga utilizzato per lo spionaggio.
Quindi gli USA fanno bene a proibirne la diffusione.
La mia domanda è: "Siamo sicuri che solo i cinesi spiano gli altri? americani, russi, etc... tutti santarellini? "
leoben05 Dicembre 2019, 18:53 #4
Originariamente inviato da: canislupus
La mia domanda è: "Siamo sicuri che solo i cinesi spiano gli altri? americani, russi, etc... tutti santarellini? "


Era quello che intendevo io
thecatman05 Dicembre 2019, 23:05 #5
tutti spiano tutti. gli usa possono essere autonomi e chiudere le frontiere ma noi no grazie ai governi incapaci, specie quelli di sinistra.
si, il partito comunista esiste ancora in cina, solo che non sono dei pagliacci come in italia e hanno reso grande la cina. chissà cosa fanno là alle sardine.
frank808508 Dicembre 2019, 14:11 #6
Originariamente inviato da: canislupus
La mia domanda è: "Siamo sicuri che solo i cinesi spiano gli altri? americani, russi, etc... tutti santarellini? "


ma il 2013 l'avete dimenticato???
il caso Snowden...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^