NVIDIA e arm, l'operazione al vaglio della Commissione europea da settembre

NVIDIA e arm, l'operazione al vaglio della Commissione europea da settembre

Dopo una prima indagine della CMA, a settembre potrebbe prendere il via un'analisi approfondita dell'operazione NVIDIA-arm da parte della Commissione europea. L'obiettivo è quello di verificare eventuali profili lesivi per la concorrenza e il mercato.

di pubblicata il , alle 09:21 nel canale Mercato
NVIDIAARM
 

L'acquisizione di arm da parte di NVIDIA sarà oggetto di un'indagine approfondita, dopo una prima analisi preliminare, da parte della Commissione europea a partire da settembre. Lo riportano alcune fonti a conoscenza dei fatti raccolte dal Financial Times. Per NVIDIA sembra si stagli quindi un nuovo ostacolo nella corsa alla chiusura dell'operazione, dopo le grandi perplessità sollevate dalla CMA inglese nei giorni scorsi e l'approfondimento delle indagini.

L'acquisizione del progettista britannico da parte della società statunitense ha sollevato grandi polemiche nel mondo dell'industria dei semiconduttori, visto il ruolo neutrale mantenuto da arm in tutti questi anni e gli accordi di licenza in essere con realtà come Apple, Qualcomm, Samsung e Google solo per citarne alcune. In molti ritengono infatti che NVIDIA si avvantaggerà in modo indebito di questa acquisizione, portando così a un'effettiva distorsione del mercato e della concorrenza.

NVIDIA e arm ovviamente la pensano in modo opposto e, oltre a garantire che il modello di business di arm non cambierà, assicurano che tutto il mercato beneficerà di questa unione: Broadcom, MediaTek e Marvell hanno pubblicamente espresso il sostegno all'operazione.

La richiesta da parte di NVIDIA alla Commissione Europea per l'approvazione dell'accordo (sarà presentata il 6 settembre secondo voci di corridoio) darà il via a una revisione preliminare della durata di 25 giorni lavorativi. "È improbabile che Nvidia offra concessioni durante questo periodo", scrive l'agenzia Reuters, "e questo richiederà quindi un'indagine UE su vasta scala di 90 giorni lavorativi". Si parla quindi di circa 4 mesi di indagine, in cui l'UE dovrà sentire le parti in causa e le altre realtà del settore, tra favorevoli e contrari all'operazione.

Sembra quindi prendere sempre più corpo uno slittamento dei tempi che NVIDIA e arm si erano date per chiudere l'intesa, ossia marzo 2022. Peraltro, anche il CEO di NVIDIA ha recentemente espresso seri dubbi sul rispetto delle tempistiche originarie.

Una possibile estensione opzionale sposta la data a settembre 2022, quindi a un anno da oggi e a due anni dall'annuncio dell'acquisizione, dopodiché le due realtà dovranno tirare le somme e capire se un percorso insieme è possibile o no.

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^