NVIDIA e arm: anche per Jensen Huang ci sarà un ritardo

NVIDIA e arm: anche per Jensen Huang ci sarà un ritardo

L'acquisizione di arm da parte di NVIDIA, un'operazione a 40 miliardi di dollari in controvalore, slitterà quasi sicuramente alla seconda metà del 2022: è il CEO di NVIDIA di fatto a confermarlo

di pubblicata il , alle 08:22 nel canale Mercato
ARMNVIDIA
 

Ne abbiamo parlato alcune settimane fa in questa notizia: l'intenzione di NVIDIA, annunciata ormai poco meno di 1 anno fa, di procedere con l'acquisizione di arm potrebbe incontrare più difficoltà di quanto inizialmente previsto e protrarsi per un periodo di tempo ancora lungo.

In un'intervista con il Financial Times, tenuta dopo la pubblicazione dei risultati finanziari trimestrali di NVIDIA, il CEO Jensen Huang ha confermato di attendersi uno slittamento in avanti nei tempi richiesti per completare la procedura di acquisizione di arm.

"Le nostre discussioni con i regolatori stanno richiedendo più tempo di quanto inizialmente pensato e questo sta facendo slittare in avanti il calendario. Non è un ritardo particolare, ma siamo fiduciosi nell'accordo, siamo fiduciosi che i regolatori dovrebbero riconoscere i vantaggi dell'acquisizione".

Il piano iniziale prevedeva un termine di 18 mesi, quindi marzo 2022, per completare l'accordo e vederlo approvato; una possibile estensione opzionale sposta questa data a 24 mesi, quindi al mese di settembre 2022. Dalle parole di Huang appare chiaro come non sarà possibile per NVIDIA rispettare quantomeno la prima scadenza.

nvidia-arm-deal_720.jpg

C'è ancora molto lavoro da fare, a partire dal fatto che gli enti regolatori che dovranno esprimere un parere favorevole all'acquisizione sono diversi e sparsi in varie nazioni. L'Unione Europea, complice la chiusura degli uffici del periodo estivo, è ancora in attesa di ricevere della documentazione da NVIDIA e poter così dare inizio alla propria fase di valutazione, operazione che richiederà vari mesi se non vi saranno intoppi o contestazioni.

Il rischio che i tempi non siano sufficienti e si possa non arrivare ad una decisione prima del mese di settembre 2022 è una eventualità concreta: non si tratterebbe del resto della prima volta nel caso di acquisizioni importanti di aziende del settore ICT.

Resta in ogni caso aperta la possibilità che NVIDIA non riceva le adeguate autorizzazioni dai vari enti regolatori nazionali e che quindi l'acquisizione di arm non possa venir completata. Se così fosse l'azienda inglese manterrà aperta la possibilità di procedere con un'offerta pubblica di acquisto delle proprie azioni, attraverso una collocazione sul mercato azionario.

4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
supertigrotto20 Agosto 2021, 11:03 #1
E in effetti l'acquisizione potrebbe sfumare,la cosa non sta a genio a tanti
turcone20 Agosto 2021, 11:28 #2
ormai l'azienda è sul mercato se non la compra nvidia adesso domani qualche gruppo finanziario la comprerà di sicuro e non è detto che si vada in meglio
nickname8820 Agosto 2021, 11:56 #3
Pensasse piuttosto ad aumentare gli slots di produzione in affitto presso Samsung o TSMC.
calabar20 Agosto 2021, 13:35 #4
e cosa dovrebbe farsene, dato che loro progettano architetture ma non producono processori?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^