La libertà della rete è in pericolo, parola di Sergey Brin

La libertà della rete è in pericolo, parola di Sergey Brin

Il cofondatore di Google esprime la sua preoccupazione in merito a molte delle azioni che sono volte ad imbrigliare la libertà della rete. Nel mirino delle invettive, oltre i governi di alcuni Paesi, anche Apple e Facebook

di pubblicata il , alle 15:06 nel canale Mercato
AppleGoogle
 

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

12 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
maxmax8018 Aprile 2012, 01:40 #11
il binomio facebook-apple mette i brividi, ma anche google e tutto il suo universo non è da meno..

che i contenuti vengano blindati nel nome della privacy è comunque un bene, che si tratti di facebook o di qualsiasi altro social network...

fondata è pure la preoccupazione circa la insicura sicurezza deò cloud in generale e, nel caso dell' articolo, del cloud sui server di google per la ragione che è facilmente accessibili dalle autorità americane.

nei prossimi anni avremo la censura da una parte e la violazione dei dati sensibili se il cloud si diffonderà:
fantastica prospettiva da perfetti utenti impotenti..
Pier220418 Aprile 2012, 08:49 #12
A molti sfugge il fatto che AGCOM sta tornando alla carica? proprio in questi giorni è comparso un testo a matrice governativa che consentirebbe all'autorità PIENI POTERI di azione? .. sarebbe meglio che il signor Sergey Brin venisse in Italia perchè siamo messi male...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^