Iran: divieto di mining di Bitcoin fino a settembre. Ecco il motivo

Iran: divieto di mining di Bitcoin fino a settembre. Ecco il motivo

Il presidente Rouhani ha emesso un divieto per le attività di mining nel Paese: limitare il consumo in vista del picco estivo.

di pubblicata il , alle 16:21 nel canale Mercato
Bitcoin
 

Il presidente iraniano Hassan Rouhani ha disposto il divieto al mining di Bitcoin fino al mese di settembre: la decisione è stata comunicata con un discorso al Paese alla televisione di stato nel corso della giornata di ieri, con la motivazione di garantire l'accesso all'energia elettrica alle abitazioni in preparazione dei mesi estivi, che rappresentano i momenti di picco stagionale per la domanda di energia elettrica.

Lo scorso anno il Paese ha dato il via ad un processo di nazionalizzazione del settore dei miner di criptovalute dopo mesi di attività illegali secondo le leggi locali. Nel mese di gennaio 2020 il governo ha rilasciato 1000 licenze per il mining di criptovalute. Il presidente Rouhani ha affermato che una significativa maggioranza delle attività di mining in Iran è priva di licenza. Di recente le autorità hanno inasprito una campagnia di repressione nei confronti dei miner che fanno uso di energia elettrica destinata al consumo domestico.

"Il mining autorizzato di criptovalute non consuma molta energia elettrica e ha bisogno di circa 300 megawatt. Sono i miner non autorizzati che consumano molta elettricità, circa 2000 megawatt. Da oggi sarà vietato anche ai miner autorizzati il mining di criptovalute fino alla fine di settembre" ha dichiarato Rouhani.

Le attività di mining in Iran sono state recentemente collegate a frequenti episodi di blackout nel paese. Lo scorso mese di aprile un gruppo di investitori cinese ha ridato vita alla principale infrastruttura di mining iraniana, rimasta chiusa per quattro mesi in quanto ritenuta responsabile di una porzione significativa della fornitura di energia elettrica. L'intensa attività di mining nel Paese sarebbe inoltre collegata non solamente agli episodi di blackout ma anche al peggioramento della qualità dell'aria.

Attualmente le attività di mining di Bitcoin garantiscono al governo iraniano 1 miliardo di dollari di entrate annuali e parallelamente le criptovalute nel Paese hanno raccolto consensi tra il pubblico poiché sono viste come un mezzo per aggirare le onerose sanzioni economiche imposte dagli Stati Uniti.

18 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
TorettoMilano27 Maggio 2021, 16:22 #1
et voila la révolution
Gringo [ITF]27 Maggio 2021, 16:47 #2
E ti pareva, che mettevano davanti i blackout !
Perchè bloccare l'evoluzione che cambierà il pianeta !
coschizza27 Maggio 2021, 16:54 #3
Originariamente inviato da: Gringo [ITF]
E ti pareva, che mettevano davanti i blackout !
Perchè bloccare l'evoluzione che cambierà il pianeta !



perche questa l'evoluzione lo sta distruggendo
MikTaeTrioR27 Maggio 2021, 16:57 #4
e il POS si impennaaaaaaa

Mars9527 Maggio 2021, 18:46 #5
Originariamente inviato da: Gringo [ITF]
E ti pareva, che mettevano davanti i blackout !
Perchè bloccare l'evoluzione che cambierà il pianeta !


Che retrogradi, preferiscono avere l'aria condizionata, la luce e il frigo funzionanti che minare monete virtuali.
Dove andremo a finire.
fabio75i27 Maggio 2021, 23:05 #6
Speriamo che mettano avanti i blackout anche in Italia
Cappej28 Maggio 2021, 07:14 #7
Originariamente inviato da: MikTaeTrioR
e il POS si impennaaaaaaa



CANCARLO PRAVETTONI!
Cappej28 Maggio 2021, 07:17 #8
Originariamente inviato da: fabio75i
Speriamo che mettano avanti i blackout anche in Italia

sarebbe l'ora, ma purtroppo non sarà cosi, il problema è sottovalutato e soprattutto ora che la loro attenzione è tutta sulla spartizione del bottino del Recovery Plan ...
ma poi... sapranno che cos'è una CryptoValuta?

IMHO
biometallo28 Maggio 2021, 07:33 #9
Non per spezzare una lancia a favore delle crypto ma era successa una cosa simile a gennaio e l'articolo di allora mi pare avesse toni diversi:

[SIZE="4"]Blackout in Iran: per il governo la colpa è dei miner di Bitcoin[/SIZE] i Andrea Bai pubblicata il 26 Gennaio 2021, alle 19:41 nel canale APPLE

sostanzialmente si lasciava intendere che il blocco delle crypto fosse più che altro un capro espiatorio per nascondere il fatto che la rete elettrica iraniana sia un colabrodo inadeguato alle necessità del paese

Kaveh Madani, ex responsabile del Dipartimento dell'Ambiente iraniano, ha dichiarato all'Associated Press: "Bitcoin è stata una facile vittima qui", a fronte del fatto che secondo i dati raccolti da Associated Press il mining di Bitcoin rappresenterebbe meno del 2% del consumo energetico del Paese.


ma poi andando a scavare alla fonte saltava fuori un altro problema, il fatto che tutte queste "fattorie di bitcoin" sono sostanzialmente in mano ai cinesi cosa che pare abbia scatenato l'indignazione popolare.

Un altro aspetto che non viene ricordato è che l'Iran dipende troppo dalle crypto in quanto consente di aggirare le sanzioni imposte dagli USA

https://apnews.com/article/iran-med...0f94011259ec63e

"Per l'Iran, le transazioni online anonime effettuate in criptovalute consentono a individui e aziende di aggirare le sanzioni bancarie che hanno paralizzato l'economia. Bitcoin offre un'alternativa al denaro stampato da governi sovrani e banche centrali e, nel caso dell'Iran e di altri paesi soggetti a sanzioni come il Venezuela, un luogo più stabile per parcheggiare denaro rispetto alla valuta locale."
Gringo [ITF]28 Maggio 2021, 13:31 #10
"Per l'Iran, le transazioni online anonime effettuate in criptovalute consentono a individui e aziende di aggirare le sanzioni bancarie che hanno paralizzato l'economia. Bitcoin offre un'alternativa al denaro stampato da governi sovrani e banche centrali e, nel caso dell'Iran e di altri paesi soggetti a sanzioni come il Venezuela, un luogo più stabile per parcheggiare denaro rispetto alla valuta locale."


Quindi rivalutando la frase: (Stesso scritto sopra ma cambiando i soggetti)

"Per la mafia, le transazioni online anonime effettuate in criptovalute consentono a delinquenti e attività malavitose di aggirare i controlli bancari che hanno paralizzato i traffici. Bitcoin offre un'alternativa al denaro sporco controllato da governi sovrani e banche centrali e, nel caso dell'Italia e di altri paesi soggetti a controlli come svizzera e caiman, un luogo più stabile per parcheggiare denaro sporco rispetto alle banche e cassette."


NON LO VEDO SPEZZARE UNA LANCIA A FAVORE
Come se uno stato che mette in crisi l'equilibrio mondiale si comporta senza regole sia giustificato con l'aggirare le sanzioni, giusta o ingiusta una sanzione va pagata e dopo fatto i ricorsi di rito, e se i locali hanno problemi, dovrebbero pensare anche a quelle attività che una volta portavano a rovesciare un regime, non a minare l'oro degli stolti, e lo sò è fuori contesto e della geopolitica dell'area Iraniana non ne capisco una fava, per questo lo ho "Convertito" all'Italia più comprensibile alla massa.

Per quanto Lupin III sia simpatico.... va arrestato non lodato.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^