Computex 2020 slitta al 28 settembre, ufficiale il rinvio causa COVID-19

Computex 2020 slitta al 28 settembre, ufficiale il rinvio causa COVID-19

Il Computex 2020 slitta dal 2 al 6 giugno a fine settembre, precisamente tra il 28 e il 30 settembre. L'annuncio era nell'aria e la causa è la diffusione di COVID-19. Non solo un rinvio, ma la manifestazione perde due giorni.

di pubblicata il , alle 13:33 nel canale Mercato
 

L'annuncio era nell'aria da tempo e nelle scorse ore si era fatto praticamente certo: il Computex 2020 di Taipei non si terrà come da programma dal 2 al 6 giugno bensì dal 28 al 30 settembre, solo tre giorni e non cinque come programma ordinario. Bisognerà quindi capire l'effettiva portata della fiera, finora importantissima sia per le aziende locali (Asus, MSI, Gigabyte, ecc.) che realtà come AMD e Intel. La notizia è stata data con un annuncio sul sito ufficiale, dove si parla chiaramente della diffusione di COVID-19 come causa principale dello slittamento.

"Colpiti dalla grave epidemia di polmonite infettiva (COVID-19), a oggi oltre 300.000 persone sono state infettate in 167 paesi in tutto il mondo, il che ha avuto gravi ripercussioni sull'economia, il commercio, i trasporti, le fiere e il turismo e altre industrie. Il direttore dell'organizzatore del Computex "Taipei Computer Association", Du Quanchang, e il segretario generale dell'associazione per il commercio estero Ye Mingshui hanno annunciato congiuntamente che, con l'obiettivo di mantenere la salute e la sicurezza di espositori e visitatori, tenendo conto dei vantaggi della fiera e per preservare l'immagine del marchio Computex originariamente previsto per il 2-6 giugno di quest'anno, il Computex sarà rinviato dal 28 al 30 settembre presso il Taipei Nangang Exhibition Hall 2". Il fatto si parli solo del polo di Nangang lascia presagire un evento in tono minore, ma al momento è presto per tirare conclusioni.

Anche se a Taiwan i contagiati risultano al momento 215, è chiaro che un assembramento di persone a Taipei è sconsigliabile. Taiwan, tra l'altro, impedisce l'ingresso agli stranieri e richiede che tutti i residenti di ritorno sull'isola passino una quarantena di 14 giorni. Molti paesi, sia in Europa che negli Stati Uniti, non permettono inoltre di volare all'estero facilmente o affatto. Come scrivevamo solo poche ore fa, commentando le presunte pressioni delle aziende locali verso un rinvio, "esibitori stranieri, stampa e semplici visitatori si ritroverebbero verosimilmente impossibilitati a recarsi a Taiwan". Un Computex senza copertura da parte della stampa estera avrebbe un ritorno mediatico minore e soprattutto un impatto economico locale, diretto e indiretto, notevolmente inferiore.

Giusta quindi la scelta di prendere tempo. Speriamo che per fine settembre il COVID-19 sia stato sconfitto, ovunque.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^