Anche Facebook aveva avanzato un'offerta per Fitbit

Anche Facebook aveva avanzato un'offerta per Fitbit

La società di Zuckerberg ha intrattenuto una trattativa con Fitbit, ma Google ha messo sul piatto un'offerta maggiore

di pubblicata il , alle 10:41 nel canale Mercato
FitbitGoogle
 

Non è ancora cosa fatta - manca l'approvazione di azionisti e garante del mercato - ma l'ufficialità dell'acquisizione di Fitbit da parte di Google è giunta la scorsa settimana. In una realtà parallela, però, le cose sarebbero potute andare anche diversamente: secondo quanto riportato nei giorni scorsi da The Information, anche Facebook ha infatti espresso il proprio interesse nei confrotni di Fitbit, ma a quanto pare Google è stata disposta ad offrire il doppio di quanto la società di Mark Zuckerberg ha messo sul piatto. Ricordiamo a tal proposito che l'accordo è stato chiuso con la valutazione di Fitbit a 2,1 miliardi di dollari, corrispondenti a 7,35 dollari per azione.

Facebook attualmente non vanta una particolare presenza nel mondo hardware, eccezion fatta per i caschetti Oculus per la realtà virtuale e gli smard display Portal. Il tentativo di acquisizione di Fitbit va letto in due sensi: da un lato la volontà di Facebook di espandere la propria offerta di dispositivi hardware, dall'altro - a fronte del mancato rilancio sull'offerta avanzata da Google - il fatto che comunque non avverta un'urgenza così xxx per entrare nel mercato di smartwatch e indossabili.

Vale la pena notare che Facebook si trova sotto pressione da parte dei legislatori che vorrebbero spezzettare la società: l'eventuale acquisizione di Fitbit, che virtualmente non ha nulla a che vedere con il settore in cui opera attualmente Facebook, avrebbe attirato ancora maggior disappunto.

E' comunque interessante considerare che l'acquisizione di una realtà come Fitbit, che nell'ultimo periodo ha concentrato maggiormente i propri sforzi per posizionare i propri prodotti più sul versante della salute che quello del semplice fitness, avrebbe consentito a Facebook di entrare in possesso di dati e informazioni maggiormente legate alla salute degli individui, permettendole di ampliare il bacino di informazioni di cui dispone per ciascuno dei suoi utenti. Del resto viviamo nell'era dell' information society, no?

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^