Amazon, un nuovo centro di distribuzione in Italia: 900 assunzioni a tempo indeterminato in 3 anni

Amazon, un nuovo centro di distribuzione in Italia: 900 assunzioni a tempo indeterminato in 3 anni

Amazon ha annunciato l'apertura il prossimo autunno del suo primo centro di distribuzione in Lombardia a Cividate al Piano, in provincia di Bergamo. Si prevedono 900 posti di lavoro a tempo indeterminato entro tre anni.

di pubblicata il , alle 13:21 nel canale Mercato
Amazon
 

Dopo l'annuncio dello scorso gennaio sull'apertura di due nuovi centri logistici a Novara e Spilamberto (MO), Amazon continua ad espandere la sua rete per soddisfare la crescente domanda: l'azienda aprirà un nuovo centro di distribuzione a Cividate al Piano, in provincia di Bergamo, che sarà operativo dal prossimo autunno.

Amazon investirà oltre 120 milioni di euro e creerà 900 posti di lavoro a tempo indeterminato entro tre anni "garantendo salari competitivi e numerosi benefit sin dal primo giorno", assicura l'azienda di Jeff Bezos. La selezione degli operatori di magazzino avrà inizio in primavera. I dipendenti saranno assunti al quinto livello del Contratto Nazionale del Trasporto e della Logistica con un salario d'ingresso pari a 1.550 euro lordi.

La struttura avrà un impatto sostenibile e sarà alimentata attraverso pannelli solari e sistemi ad alto risparmio energetico in linea con il Climate Pledge, con cui Amazon si impegna a raggiungere zero emissioni di CO2 entro il 2040. L'ulteriore investimento di oltre 120 milioni di euro si aggiunge ai 5,8 miliardi di euro già investiti da Amazon in Italia negli ultimi dieci anni.

"Siamo orgogliosi ed entusiasti di espandere la nostra attività con il nostro primo centro di distribuzione in Lombardia", ha affermato Stefano Perego, VP Amazon EU Operations. "[...] Questo nuovo investimento rappresenta un'ulteriore prova del nostro impegno nei confronti delle persone e delle comunità in Italia e ci consentirà di creare 900 nuovi posti di lavoro a tempo indeterminato e di potenziare la nostra rete di consegne per raggiungere ancora più clienti in tutto il Paese. L'aggiunta di questi 900 lavoratori contribuirà ad aiutare Amazon a superare i 10.000 posti di lavoro a tempo indeterminato creati in Italia in poco più di 10 anni, un risultato di cui andiamo particolarmente fieri".

Amazon è in procinto di avviare il processo di selezione per varie posizioni presso il nuovo centro di distribuzione, dagli Operations manager agli ingegneri, ai ruoli nelle Risorse Umane e IT fino a coloro che si occuperanno della gestione degli ordini dei clienti. È già possibile candidarsi alle posizioni manageriali accedendo a questo indirizzo.

"Fin dal 2017 abbiamo avuto il primo contatto con Amazon per la realizzazione di questo innovativo centro di distribuzione. Ci siamo adoperati per conoscere in primis la natura di questo insediamento, chiedendo ed ottenendo che l'intero progetto fosse sviluppato nel rispetto dell'ambiente e dei diritti delle persone che ci avrebbero lavorato, addentrandoci nella conoscenza del codice etico di Amazon. [...] Si è chiesto e ottenuto di realizzare una pista ciclopedonale che colleghi il polo alla stazione ferroviaria di Cividate per chi utilizzerà il treno. Inoltre abbiamo raggiunto un accordo per la piantumazione di ben 5.500 alberi sul territorio per la mitigazione degli impatti del polo, sulle emissioni del traffico conseguente oltre che di tipo paesaggistico" ha dichiarato il sindaco di Cividate al Piano, Gianni Forlani.

111 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
euscar17 Marzo 2021, 15:01 #1
Ma "un salario d'ingresso pari a 1.550 euro lordi" equivale a quale netto?
Non ho idea di quanto venga tassato un tale stipendio.

Ultimamente l'amazzonia sta cercando di diventare sempre più green, ma questo non mi fa (farà cambiare idea sulle loro politiche commerciali.
phmk17 Marzo 2021, 15:11 #2
Tanto di cappello ad uno dei pochissimi che in questo periodo assume, con buona pace dei "no-a-tutto-e-chiudo-tutto-tanto-io-lo-stipendio-lo-prendo-lo-stesso".
BRAVI
E continuerò a comprare su Amazon, conosco gente licenziata da altri che se non fosse stato per Amazon sarebbe in giro "col piattino" ....
N.B. giovani e donne per di più , ovvero le categorie più fragili in questo periodo, che per lo meno ora possono contare su uno stipendio dignitoso oltre a tutti i contributi ...
(Vallo a dire all'aziendina in nero .... ) : D
SpyroTSK17 Marzo 2021, 16:03 #3
Originariamente inviato da: euscar
Ma "un salario d'ingresso pari a 1.550 euro lordi" equivale a quale netto?
Non ho idea di quanto venga tassato un tale stipendio.

Ultimamente l'amazzonia sta cercando di diventare sempre più green, ma questo non mi fa (farà cambiare idea sulle loro politiche commerciali.


Penso si aggiri attorno ai 1200-1300€ circa, ma non so dirti con precisione...
29Leonardo17 Marzo 2021, 16:15 #4
Originariamente inviato da: euscar
Ma "un salario d'ingresso pari a 1.550 euro lordi" equivale a quale netto?
Non ho idea di quanto venga tassato un tale stipendio.

Ultimamente l'amazzonia sta cercando di diventare sempre più green, ma questo non mi fa (farà cambiare idea sulle loro politiche commerciali.


Sarà circa 1000-1100€, calcola che con un contratto di tipo chimico da 1800 lordi netti ne percepisci circa 1300.
Gundam.7517 Marzo 2021, 16:40 #5
in abruzzo, precisamente a san salvo (ch) è previsto un nuovo plant che dovrebbe, a regime, occupare quasi 3500 dipendenti.Anche qui fra circa 3 anni
the_joe17 Marzo 2021, 17:25 #6
Il futuro sarà che lavoreremo tutti per Amazon per poter comprare le cose vendute da Amazon
Zurlo17 Marzo 2021, 18:05 #7
Originariamente inviato da: the_joe
Il futuro sarà che lavoreremo tutti per Amazon per poter comprare le cose vendute da Amazon


Che e' uno dei fondamenti dell'economia circolare ... Ford voleva che i suoi operai fossero in grado di comprare le automobili che producevano.
+Benito+17 Marzo 2021, 18:20 #8
Originariamente inviato da: euscar
Ma "un salario d'ingresso pari a 1.550 euro lordi" equivale a quale netto?


Se si parla di RAL e non di costi all'azienda (che sono più alti, comprendono TFR e inps a carico del datore), ipotizzando retribuzione su 13 mensilità (anche qui, non so e non ho tempo di vedere cosa prevede il CCNL) sono circa 21.500€ lordi l'anno.

L'irpef è:

3.850+0.27*6.500 = 5.600 circa

L'inps a carico del dipendente è il 9% circa quindi 1.900€ circa

Per cui netti sono 21.500-5.600-1.900 = 14.000 o se vuoi 1.075€ circa su 13 mensilità.
nickname8817 Marzo 2021, 18:35 #9
Prima tutti a lagnarsi delle condizioni di lavoro ( fonte = meme su facebook ) e mo la fila per farsi assumere ? Gente ridicola che sputa sul piatto dove mangia.
JuneFlower17 Marzo 2021, 18:42 #10
the_joe17 Marzo 2021, 17:25 #6
Il futuro sarà che lavoreremo tutti per Amazon per poter comprare le cose vendute da Amazon


\\\

Esattaemente solo che le imballeremo per i cinesi che abiteranno in Italia, perché noi non avremo lo stipendio per "vivere" in italia.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^