Sino a 4.000 MHz con le memorie DDR4 di G.Skill

Sino a 4.000 MHz con le memorie DDR4 di G.Skill

L'azienda taiwanese si prepara al debutto dei processori Intel della famiglia Skylake annunciando due nuove serie di memorie, Trident Z e Ripjaws V, con versioni capaci di operare stabilmente a ben 4 GHz di clock

di pubblicata il , alle 08:31 nel canale Memorie
G.SkillIntelCore
 

Si avvicina il debutto dei processori Intel della famiglia Skylake, nome in codice che identifica l'architettura di prossima generazione dell'azienda americana adottata per le CPU della famiglia Core, e con essa iniziano gli annunci dei produttori impegnati a proporre soluzioni per questa nuova piattaforma.

La taiwanese G.Skill ha annunciato i primi due kit specificamente pensati per l'abbinamento con i processori Skylake, sviluppati nell'ottica degli appassionati di overclock. Si tratta dei kit DDR4 delle serie Trident Z e Ripjaws V, certificati dall'azienda per raggiungere una frequenza di clock di ben 4.000 MHz utilizzando piattaforme basate sul nuovo chipset Intel Z170 e ovviamente una delle CPU della famiglia Skylake.

gskill_ddr4_4000_1.jpg (52833 bytes)

La famiglia Ripjaws V parte da una frequenza di clock di default di 2.133 MHz, raggiungendo come massimo il valore di 3.733 MHz. Le memorie vengono proposte in kit da 8, 16, 32 e 64 Gbytes complessivi con declinazioni a 2 oppure 4 moduli a seconda della capacità complessiva.

gskill_ddr4_4000_2.jpg (47123 bytes)

Per le memorie Trident Z la frequenza di clock di partenza è pari a 2.800 MHz, raggiungendo il picco di 4.000 MHz con la declinazione da 8 Gbytes composta da due moduli da 4 Gbytes ciascuno. A questa frequenza di clock i moduli richiedono una tensione compresa tra 1,35V e 1,4V, contro unv alore di default che è pari a 1,2V per lo standard DDR4.

E' interessante segnalare come le piattaforme basate su memoria DDR4 permettano di raggiungere una frequenza di clock massima di 2.133 MHz secondo le specifiche JEDEC, dato che a titolo di confronto era pari a 1.600 MHz per lo standard DDR3 in abbinamento alle piattaforme Intel. Una frequenza di clock finale di 4.000 MHz rappresenta quindi un tangibile aumento rispetto al valore di default, capace di impatti diretti sia in termini di bandwidth della memoria sia di superiori prestazioni velocistiche con quelle applicazioni che sono maggiormente dipendenti dalla bandwidth di questo componente. Sono attesi per i prossimi giorni, in concomitanza con il debutto delle nuove piattaforme Intel, i primi prezzi dei nuovi moduli memoria DDR4 oltre alle tempistiche per la disponibilità sul mercato.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

11 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Mparlav30 Luglio 2015, 09:16 #1
I kit Ripjaws da 2x8GB dai 2666 ai 3200 saranno quelli col prezzo più interessante, tra i 130 ed i 160 euro.

Ma sono curioso di vedere anche i prezzi dei kit 2x16GB
(penso tra i 350 ed i 600 euro prendendo a confronto i kit Geil Super Luce 4x16GB).

Un'acquisto rimandabile di almeno un'annetto
AleLinuxBSD30 Luglio 2015, 10:11 #2
Press release ufficiale
Sarei curioso di conoscere l'altezza massima dei moduli Trident Z dato che dalle immagini sembrano risultare meno alti rispetto le Ripjaws V.
Inoltre sarebbe da capire, visto che la loro massima altezza si trova solo in una parte, rispetto alla loro lunghezza complessiva, se questo tipo di conformazione risulta sufficiente ad evitare problemi di assemblaggio con dissipatori ad aria consistenti.
piefab30 Luglio 2015, 10:52 #3
Sarei curioso di vedere la differenza di prestazioni di un sistema con memorie a 1600/1866 e uno con ram a 4000 e CL a 453...
nn02030 Luglio 2015, 13:02 #4
Queste memorie DDR4 a 4Ghz funzionano con timing a 19-25-25-45

Se prendessimo delle DDR 400Mhz (PC3200) con timing a 3-3-3 quale risulterebbe essere la più veloce?

Quello che non capisco è proprio perchè continuare a salire di frequenza sei poi aumentano ogni volta i tempi? e soprattutto perchè aumentano?


thx
Ale199230 Luglio 2015, 13:24 #5
Originariamente inviato da: nn020
Queste memorie DDR4 a 4Ghz funzionano con timing a 19-25-25-45

Se prendessimo delle DDR 400Mhz (PC3200) con timing a 3-3-3 quale risulterebbe essere la più veloce?

Quello che non capisco è proprio perchè continuare a salire di frequenza sei poi aumentano ogni volta i tempi? e soprattutto perchè aumentano?


thx


Latenza piu alta, ma piu "velocità di calcolo" quindi in teoria pareggi. Ma non essendo io un esperto in materia vado a logica.
devilred30 Luglio 2015, 14:06 #6
evvaiii!! e' cominciata la guerra del ce l'ho piu' grosso anche nel settore memorie, fantastico!!!
Ale199230 Luglio 2015, 15:30 #7
Originariamente inviato da: devilred
evvaiii!! e' cominciata la guerra del ce l'ho piu' grosso anche nel settore memorie, fantastico!!!


C'è gia da un pò.
macellatore30 Luglio 2015, 15:31 #8
Originariamente inviato da: devilred
evvaiii!! e' cominciata la guerra del ce l'ho piu' grosso anche nel settore memorie, fantastico!!!


Fantastiche queste memorie per piattaforme Intel.
calabar31 Luglio 2015, 00:26 #9
Originariamente inviato da: nn020
Quello che non capisco è proprio perchè continuare a salire di frequenza sei poi aumentano ogni volta i tempi? e soprattutto perchè aumentano?

I timing sono legati alla frequenza, perchè sono espressi in cicli di clock e non in tempi assoluti.
Per quanto motivo avere timing elevati non è un grosso problema se è elevata anche al frequenza.
fra88802 Agosto 2015, 20:02 #10
Più che altro che utilità hanno queste memorie quando i processori di alto livello hanno cache enormi che minimizzano l'utilizzo della ram e quindi le differenze all'atto pratico non ce ne sono, se non in una cerchia ristrettissima di programmi?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^