Primi test per le memorie 3D XPoint; in commercio non prima del 2017

Primi test per le memorie 3D XPoint; in commercio non prima del 2017

Intel e Micron continuano lo sviluppo delle memorie 3D XPoint, nuovo standard destinato a unire in un singolo prodotto i benefici delle tecnologie DRAM e NAND. Sample a breve, ma commercializzazione non prima di metà 2017

di pubblicata il , alle 10:41 nel canale Memorie
IntelMicron3D XPoint
 
18 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
tuttodigitale19 Gennaio 2016, 12:17 #11
Le prestazioni della 3d x point saranno lontanissime da quelle registrate dalle ram, la latenza sarà di 2-3 ordini di grandezza superiori in scrittura.
La durata non sarà certamente pari a quella della ram ma pari a 10milioni di cicli.
Le NAND MLC sembrerebbero più dense del 25-30% rispetto alle 3dxpoint. Sono più costose, ma non tantissimo (le ram hanno densità pari ad un decimo).

Io non ho dubbi che in ambito server sostituiranno alla grande gli SSD (vuoi vedere che scompariranno prima degli HDD ), ma ho qualche perplessità che la ram venga sostituita in toto, sempre se quest'ultima non venga sostituita dalle velocissime HBM.

Infine, non dimentichiamo che anche HP e Hynix,Sandisk, stanno lavorando sulle ReRam, il monopolio tecnologico Intel non è destinato a rimanere a lungo (cero che è sempre la prima...)
cdimauro19 Gennaio 2016, 17:41 #12
Originariamente inviato da: tuttodigitale
Le prestazioni della 3d x point saranno lontanissime da quelle registrate dalle ram, la latenza sarà di 2-3 ordini di grandezza superiori in scrittura.

Ci potrebbe anche stare, ma mi pare un valore troppo elevato. Da da dove hai preso questo dato? O è una tua deduzione?

Per la lettura, invece, hai qualche dato? Nella documentazione si parla di nanosecondi, e quindi dovrebbe essere comparabile con le memorie tradizionali (addirittura migliore?)
La durata non sarà certamente pari a quella della ram ma pari a 10milioni di cicli.

Già. Questo è un grosso limite per sostituire le RAM.
Le NAND MLC sembrerebbero più dense del 25-30% rispetto alle 3dxpoint.

Anche di questo non ho trovato informazioni.
Sono più costose, ma non tantissimo (le ram hanno densità pari ad un decimo).

Esattamente. Questo sarà un vantaggio notevole.
Io non ho dubbi che in ambito server sostituiranno alla grande gli SSD (vuoi vedere che scompariranno prima degli HDD ), ma ho qualche perplessità che la ram venga sostituita in toto, sempre se quest'ultima non venga sostituita dalle velocissime HBM.

Bisogna vedere quanta banda potranno offrire queste 3DXPoint.
Infine, non dimentichiamo che anche HP e Hynix,Sandisk, stanno lavorando sulle ReRam, il monopolio tecnologico Intel non è destinato a rimanere a lungo (cero che è sempre la prima...)

Intel e Micron.

Comunque chi arriva prima... brevetta anche prima. Quindi anche se gli altri ci stanno già lavorando, potrebbero non essere in grado di sfruttare questa tecnologia, o non allo stesso modo.
tuttodigitale19 Gennaio 2016, 21:16 #13
Originariamente inviato da: cdimauro
Anche di questo non ho trovato informazioni.

questa è la misura spannometrica di ANANDTECH ricavata dalla foto del wafer. Non so quanto sia precisa, ma rende comunque l'idea di quanto sia estremamente competitiva anche a livello di costi, senza dimenticare che le nandflash sono praticamente arrivate a capolinea.

Originariamente inviato da: cdimauro
Ci potrebbe anche stare, ma mi pare un valore troppo elevato. Da da dove hai preso questo dato? O è una tua deduzione?

Questa informazione risale a 4-5 anni fa, e quindi potrebbe non essere attendibile seppur la fonte sia di quelle attendibili (è La fonte).

Ci sono ReRam, che permettono prestazioni sulla carta superiori alle DRAM: -30% di latenza in scrittura rispetto alle DRAM, che si traducono, secondo gli studiosi in circa il 4% di ipc in più (il bench è specint06, non ricordo la piattaforma) e permettono di risparmiare il 45% di energia.
Ovviamente ReRAM di questo tipo (1T1R) non portano vantaggi di integrazione.

Latenze in scrittura dell'ordine di centinaia di nanosecondi, è una velocità notevole. Quello che non si dice delle ReRam, è che le prestazioni sono destinate a salire con i die shrink
Praticamente il buco tra nand flash e ReRam, è destinato ad ampliarsi ancora di più.

Originariamente inviato da: cdimauro
Già. Questo è un grosso limite per sostituire le RAM.


Ci sono studi, in cui hanno ipotizzato di affiancare alla ReRam, la SRAM, per estendere la vita utile delle ReRAM (5 anni 24 ore su 24), e in grado di sopperire anche alla maggior latenza in scrittura (qualora fosse ancora presente ovviamente). Viene da sé che diventa di fondamentale importanza la qualità degli algoritmi per estrarre il meglio dalla SRAM, che sarà limitata per motivi ovvi, ma chissà potrebbe superare a parità di GB/mmq le normali dram basate sulle memorie dinamiche.

Originariamente inviato da: cdimauro
Intel e Micron.


figurati se potrei dimenticare che dietro le ReRam c'è Micron.

Questo è tutto quello che so! Spero che sia stato utile (c'è sempre google per approfondire)

Originariamente inviato da: cdimauro
Comunque chi arriva prima... brevetta anche prima. Quindi anche se gli altri ci stanno già lavorando, potrebbero non essere in grado di sfruttare questa tecnologia, o non allo stesso modo.

Non necessariamente chi arriva prima con il prodotto commerciale brevetta prima (i brevetti vengono depositati nel corso della ricerca e sviluppo). Magari HP e Hynix, hanno brevettato, o hanno chiesto in anticipo un brevetto che al momento è in corso di validazione, prima di Micron e Intel. Non è da ieri che HP e Hynix sono a lavoro su questa tipologia di memorie.
Non appena avranno il successo che meritano le 3D xpoint, scatterà la classica querela per violazione di brevetti, che si concluderà con il classico accordo.
E' una storia già vista.

Il guadagno reale, che Intel non deve scontrarsi con nessuno, se non con le soluzioni nand SLC (e queste sicuramente offrono una densità di dati peggiore)- Giustamente potrà permettersi di avere margini più alti rispetto ad ogni altro produttore che utilizza soluzioni obsolete: gli SSD paragonati alle ReRam sono dei vecchi mircrodrive rispetto agli stessi SSD:

PS con il passaggio agli SSD, la latenza è passata da 10ms a 0.1ms, fattore prestazionale x100
con il passaggio alle ReRAM, passiamo da 0,1 ms a qualche decina di ns(ma facciamo 100ns) , ovvero 0,0001ms: x1000.
cdimauro19 Gennaio 2016, 21:53 #14
Assolutamente. Hai chiarito tutto, e non mi serve andare a cercare altro. Grazie!

EDIT: visto adesso l'ultimo pezzo aggiunto. Confido che nei 10 anni di R&D, Intel e Micron abbiano messo nel cassetto un bel po' di brevetti, in modo da potersi tutelare, eventualmente.
tuttodigitale19 Gennaio 2016, 22:13 #15
Originariamente inviato da: cdimauro
Assolutamente. Hai chiarito tutto, e non mi serve andare a cercare altro.


non c'è di che.
Ho trovato una slide di Intel sui tempi di accesso (non corrispondono da quanto me scritto nell'ultimo rigo, ma va bene lo stesso, chissene )

Link ad immagine (click per visualizzarla)
cdimauro19 Gennaio 2016, 22:18 #16
Mi sembra comunque un buon risultato, anche se le DRAM sono nettamente superiori.

Ho letto anche l'ultimo pezzo che hai aggiunto al precedente commento.

Che dire: speriamo che Intel capitalizzi prima possibile tutto questo ben di dio.
tuttodigitale19 Gennaio 2016, 22:31 #17
Originariamente inviato da: cdimauro
Mi sembra comunque un buon risultato, anche se le DRAM sono nettamente superiori.

Ho letto anche l'ultimo pezzo che hai aggiunto al precedente commento.

Che dire: speriamo che Intel capitalizzi prima possibile tutto questo ben di dio.

E' un ottimo risultato. Comunque ho trovato un testo che cade a pennello sulla discussione
https://books.google.it/books?id=k8...%22&f=false

in pratica, la latenza in scrittura (vedi grafico pagina 275) è di 100-500ns. Felice di non aver riempito un post di cazz@te.
cdimauro19 Gennaio 2016, 22:42 #18
Purtroppo è il suo tallone d'Achille, ma rimane un valore molto interessante e che, con l'ausilio di cache e code di scrittura, può comunque essere mitigato.

Ma la cosa che mi ha shockato è stata questa:

"In terms of speed, ReRam has comparable read speed to that of SRAM".

Impressionante!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^