Micron Technology interessata a Qimonda?

Micron Technology interessata a Qimonda?

Micron Technology potrebbe presto avanzare un'offerta di acquisto che la porterebbe ad accaparrarsi le quote di partecipazione di Infineon in Qimonda

di Andrea Bai pubblicata il , alle 14:40 nel canale Memorie
 

Micron Technology, uno dei principali produttori di memorie DRAM, avrebbe avviato le trattative con Infineon Technologies per acquistare tutte le quote di partecipazione di quest'ultima in Qimonda, anch'essa impegnata nella produzione di memorie DRAM. Infineon partecipa in Qimonda per un totale corrispondente al 77,5% delle quote.

Micron è da tempo alla ricerca di un'acquisizione, senza tuttavia essere ancora giunta ad un esito. Sembra però naturale ora che la scelta sia ricaduta su Qimonda, che nell'ultimo periodo è andata incontro a risultati non confortanti passando da un market share del 16% del 2006 all'8,9% del presente. Nel trimestre fiscale terminato il mese di giugno Qimonda ha registrato perdite nette per 401 milioni di Euro, con ricavi in flessione del 48% rispetto all'anno precedente.

L'occasione per Micron può essere quindi davvero interessante: la difficile situazione di Qimonda permetterebbe a Micron di poter affrontare un investimento meno oneroso rispetto a quanto necessario per l'acquisizione di altre realtà, e si porterebbe in casa le tecnologie e il know-how per la realizzazione di memorie GDDR ed XDR oltre alla possibilità di controllare il 20% circa del mercato delle memorie DRAM.

Fonte: Xbitlabs

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

2 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
MaxArt26 Agosto 2008, 15:22 #1
Da Infineon a Micron, all'utente finale in fondo non credo che faccia molta differenza...
xdaf26 Agosto 2008, 20:16 #2
Non nel breve termine... ma il fatto di passare da un'azienda tedesca ad una americana avrà inevitabili conseguenze. Dipenderà anche da quante attività verranno lasciate a Dresda... presumibilmente poche, specie visto l'attuale tasso di cambio tra euro e dollaro

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^