Micron: memorie a 68nm dal 2008

Micron: memorie a 68nm dal 2008

A partire dal prossimo anno Micron utilizzerà il processo produttivo sia per le memorie DDR2, sia per le memorie DDR3

di pubblicata il , alle 08:53 nel canale Memorie
 

Micron Technology ha annunciato l'intenzione di utilizzare il processo produttivo a 68 nanometri per la realizzazione dei chip di memoria DDR2 e DDR3: per i primi la produzione con questo processo sarà avviata già nel primo periodo del prossimo anno, mentre per i secondi bisognerà attendere fino alla seconda metà del 2008.

I primi chip ad essere prodotti con il processo a 68 nanometri saranno quelli DDR2 da 1Gbit anche se non è ancora nota quale sarà la frequenza operativa di questi moduli. I primi chip DDR3 ad essere prodotti nella seconda metà dell'anno, sempre con processo a 68 nanometri, saranno invece caratterizzati dalla frequenza operativa di 1600MHz. Il processo a 68 nanometri porterà ad una riduzione del consumo energetico dei chip equivalente al 20% circa rispetto ai prodotti realizzati con il processo produttivo di precedente generazione.

In virtù di quest'ultima caratteristica i chip DDR3 a 68 nanometri saranno destinati alla famiglia di prodotti Micron Aspen Memory, che sono specificatamente indirizzati ad applicazioni dove il contenimento del consumo energetico rappresenta un'esigenza primaria.

Fonte: Xbitlabs

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

6 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Paganetor21 Dicembre 2007, 09:05 #1
ero convinto (ignoranza mia) che le memorie seguissero il processo produttivo delle CPU, al massimo restando indietro di 1 generazione...

a parte questo, ben venga un po' di risparmio energetico anche su questo fronte!
nagual21 Dicembre 2007, 09:27 #2
Al contrario, le memorie sono di solito in un processo produttivo piu' avannzato perche' sono piu' semplici. Pochi transistor costituiscono una cella. Se una zona del silicio viene male in un microprocessore, devi buttare tutto il processore. Se invece stampi memorie puoi dichiarare fallata quella riga e tenere tutto buono tutto il resto del chip (basta stampare sempre qualche riga di memoria in piu')

zancle21 Dicembre 2007, 09:40 #3
Originariamente inviato da: nagual
Al contrario, le memorie sono di solito in un processo produttivo piu' avannzato perche' sono piu' semplici. Pochi transistor costituiscono una cella. Se una zona del silicio viene male in un microprocessore, devi buttare tutto il processore. Se invece stampi memorie puoi dichiarare fallata quella riga e tenere tutto buono tutto il resto del chip (basta stampare sempre qualche riga di memoria in piu')


Forse il dato corretto è 32 nm o 54nm visto che altri lo hanno già ragiunto

http://www.hwupgrade.it/news/memori...etri_23359.html
Crux_MM21 Dicembre 2007, 11:10 #4
Il risparmio è SEMPRE qualcosa di Auspicabile!
uvz21 Dicembre 2007, 22:14 #5
i chip DDR 1 ha quanti micron sono arrivati?
demonbl@ck28 Dicembre 2007, 02:07 #6
Piuttosto sarebbe il caso che si rivedesse il processo produttivo delle GPU....

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^