Memorie GDDR5 a 7Gbps da Hynix

Memorie GDDR5 a 7Gbps da Hynix

Hynix annuncia la futura disponibilità di nuovi chip di memoria GDDR5 per schede grafiche della prossima generazione

di pubblicata il , alle 14:49 nel canale Memorie
 

Hynix Semiconductor ha annunciato nel corso della giornata di ieri la realizzazione di nuovi chip di memoria di tipo GDDR5 in grado di operare un transfer rate di 7 Gigabit al secondo. I nuovi chip, tuttavia, non entreranno nella fase di consegna fino al prossimo anno.

Si tratta di soluzioni GDDR5 da 1Gb, che possono vantare un incremento prestazionale del 40% rispetto ai chip da 5Gbps disponibili attualmente. I nuovi chip sono stati realizzati con processo produttivo a 54nm e contano su un consumo energetico di 1,35V. A titolo di confronto segnaliamo che le attuali soluzioni GDDR5 richiedono una tensione di 1,5V e possono operare ad una frequenza di 4,5GHz.

Hynix non ha tuttavia rivelato se i nuovi chip da 7Gbps siano già stati provati dai principali clienti come ATI e NVIDIA. Analizzando i dati di targa è possibile ricavare, con i nuovi chip di Hynix, una badwidth massima teorica di 224GB/s o 448GB/s a seconda che si impieghi un bus memoria a 256-bit o a 512-bit.

E' verosimile che le memorie Hynix GDDR5 a 7Gbps vengano impiegate per le schede ATI e NVIDIA di futura generazione ma che, vista la tendenza delle due realtà ad utilizzare frequenze piuttosto conservative per la memoria, siano impiegate con una frequenza inferiore rispetto a quella nominale.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

35 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
LZar25 Novembre 2008, 14:52 #1
Una frase come "Un consumo energetico di 1,35V" mi avrebbe fatto cacciare dall'aula a pedate in c#lo da almeno 10 sessioni di esame

ragugo25 Novembre 2008, 15:00 #2
"incremento prestazionale del 40% rispetto ai chip da 5Gbps"

I-N-C-R-E-D-I-B-I-L-E
E pensate che si avrà un incremento del 200% rispetto alle memorie a 3.5Gbps!!!
al13525 Novembre 2008, 15:07 #3
Originariamente inviato da: LZar
Una frase come "Un consumo energetico di 1,35V" mi avrebbe fatto cacciare dall'aula a pedate in c#lo da almeno 10 sessioni di esame


ahhahah vero
Severnaya25 Novembre 2008, 15:11 #4
e ma adesso dicci la soluzione!!!


come si esprime il concetto in realtà? ._.
gas7825 Novembre 2008, 15:13 #5
Originariamente inviato da: LZar
Una frase come "Un consumo energetico di 1,35V" mi avrebbe fatto cacciare dall'aula a pedate in c#lo da almeno 10 sessioni di esame


quoto

Originariamente inviato da: ragugo
"incremento prestazionale del 40% rispetto ai chip da 5Gbps"

I-N-C-R-E-D-I-B-I-L-E
E pensate che si avrà un incremento del 200% rispetto alle memorie a 3.5Gbps!!!


L'incremento sara' max del 100%...
Kurtferro25 Novembre 2008, 15:22 #6
Non è il consumo ma la tensione di alimentazione necessaria al funzionamento del chip, tutte le lampadine che monti a casa vanno a 220v ma non consumano tutte uguali, credo che si misuri in Wattora il consumo, ma non sono di certo un esperto di queste cose^^
maumau13825 Novembre 2008, 15:32 #7
La risposta esatta è una tensione di alimentazione di 1.35V, giusto? Il consumo si misura in Watt/ora
Ho vinto qualche cosa?

Comunque, potrebbero ridurre un poco i consumi delle schede high end, e comunque le prestazioni dovrebbero aumentare
Crowdp25 Novembre 2008, 15:36 #8
Originariamente inviato da: Kurtferro
Non è il consumo ma la tensione di alimentazione necessaria al funzionamento del chip, tutte le lampadine che monti a casa vanno a 220v ma non consumano tutte uguali, credo che si misuri in Wattora il consumo, ma non sono di certo un esperto di queste cose^^


Esatto, il consumo è una cosa e la tensione di alimentazione un altra
Comunque sembrano veramente buone queste memorie ...però costeranno un bel pò
zago25 Novembre 2008, 15:38 #9
Originariamente inviato da: Severnaya
e ma adesso dicci la soluzione!!!


come si esprime il concetto in realtà? ._.


il consumo dipende dai watt assorbiti ovvero dalla potenza assorbita ... di per se un "gingillo" che ha una tensione di alimentazione di 100V può tranquillamente assorbine meno potenza di un altro "gingillo" che ha un a tensione di alimentazione di 10V

la potenza assorbita rispetta la famosa legge P=V*I senza tirare in ballo i vari tipi di potenza

a questo punto nota la legge con cui varia la potenza nel tempo l'energia richiesta è data dall'integrale nel tempo della potenza
E= int(t0-t1) P*dt

in fin dei conti è più importante controllare la corrente assorbita piuttosto che la tensione di alimentazione
Danckan25 Novembre 2008, 16:05 #10
qoto zago... ma difficile che chi non ha fatto ingegneria possa capire...

quello che vuole dire è che il consumo effettivo è data dal prodotto di quei 1, 35V per l'intensità di corrente facendo poi la media su un intervallo di tempo (quest'ultimo passaggio dato che si parla di corrente alternata e non di corrente continua).

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^