Kingston, DDR3 mainstream solo nel 2010 e SSD a basso costo

Kingston, DDR3 mainstream solo nel 2010 e SSD a basso costo

Durante un incontro con la stampa la società Californiana offre il suo punto di vista del mercato, parlando anche delle opportunità di sviluppo future

di pubblicata il , alle 16:16 nel canale Memorie
Kingston
 

Il mercato delle memorie, come buona parte dei segmenti che compongono la realtà informatica, nel corso dell'ultimo anno ha sofferto molto: i volumi di vendita hanno subito forti contrazioni e l'introduzione di prodotti innovativi come le unità SSD non fanno ancora da traino per la ripresa del settore.

In un momento come questo Kingston decide di fare il punto della situazione, analizzare la propria offerta prodotto e soprattutto cercare di delineare quelle che saranno le linee di sviluppo future. Le vendite della società rimangono stabili rispetto all'anno passato, attendendo ora i segnali di ripresa post-crisi: all'interno di questo scenario a rappresentare il prodotto di punta ci sono le memorie HyperX che, sull'anno, fanno registrare un aumento delle vendite di circa il 34%.

Interessante notare come, sul mercato italiano, i modelli di memoria più venduti siano i moduli DDR2 da 800 e 1066MHz, attualmente le soluzioni migliori nel rapporto qualità prezzo. L'arrivo di P55 nei mesi di Settembre e Ottobre e anche il passaggio alle DDR3 da parte di AMD renderanno lo standard DDR3 vera soluzione per il grande mercato solo dopo la metà del 2010.

Kingston SSDNow V

Grande interesse anche per le soluzioni SSD: viene confermata infatti la joint venture con Intel, una delle aziene più attive nel settore, ma la società intende esplorare anche altre strade. Emerge così che il modello SSDNow serie V (come Value) già visto nei mesi scorsi, destinato alla fascia mainstream del mercato, arriverà quanto prima in Italia: sviluppato su controller JMicron consente di raggiungere 100MB/sec in lettura e 80MB/sec in scrittura. Purtroppo al momento mancano informazioni precise circa il tipo di controller JMicron utilizzato nello specifico, ma ci sono buone possibilità che si tratte dell'ultimo uscito, mostrato in occasione dell'ultimo Computex. Per ulteriori dettagli rimandiamo alla pagina ufficiale del produttore. Le soluzioni, in arrivo forse dal prossimo mese, saranno caratterizzate da un costo approssimativo di 109 euro per la versione da 64GB e 199 per la soluzione da 128GB.

Nonostante i modelli della serie V non siano in grado di garantire prestazioni comparabili con i modelli M ed E, sviluppati da Intel, Kingston confida nella scelta di offrire una soluzione alternativa e basso costo che, soprattutto con l'arrivo di Windows 7, possa garantire, sotto diversi punti di vista, un consistente incremento prestazionale.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

27 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Consiglio29 Giugno 2009, 16:30 #1
199€ per il 128gb non sono tanti ma bisogna vedere realmente le prestazioni! comunque io resterò ancora per un bel po con il velociraptor!
wizard199329 Giugno 2009, 16:35 #2
se il controller è il 612 ci possiamo anche pensare; altrimenti rimane sullo scaffale
rollo8229 Giugno 2009, 16:41 #3
ma io non capisco per quale cavolo di motivo stanno spingendo sti inutili dischi!!!! costano UNA FOLLIA (200€ per 128GB!! quando un 250GB normale ne costa 30€!!!), le versioni economiche probabilmente non danno neanche un vantaggio prestazionali, ma soprattutto col passare del tempo (POCO) le prestazioni in scrittura si dimezzano o anche di più... e dopo un po' diventa pure inutilizzabile....

qualkuno mi spiega il vantaggio di un SSD per gli utenti umani???
atomo3729 Giugno 2009, 16:42 #4
io 200 € per un 128gb ma veramente performante, inizierei anche a spenderle
Luca6929 Giugno 2009, 17:07 #5
I vantaggi sono per i portatili in quanto il divario di prezzo rispetto ad un HD tradizionale é inferiore e le prestazioni sono migliori, per non parlare poi dei consumi.
Per i desktop, secondo me non vale ancora la pena pensare a questi SSD economici e quelli piú performanti costano un botto
Mantis-8929 Giugno 2009, 17:10 #6
Originariamente inviato da: rollo82
ma io non capisco per quale cavolo di motivo stanno spingendo sti inutili dischi!!!! costano UNA FOLLIA (200€ per 128GB!! quando un 250GB normale ne costa 30€!!!), le versioni economiche probabilmente non danno neanche un vantaggio prestazionali, ma soprattutto col passare del tempo (POCO) le prestazioni in scrittura si dimezzano o anche di più... e dopo un po' diventa pure inutilizzabile....

qualkuno mi spiega il vantaggio di un SSD per gli utenti umani???


Zero rumore(ok non sono più i dischi di 10 anni fa..)?
Minori consumi(pensa ai portatili)?
Minor calore?
No problemi derivanti dalla frammentazione?

So che sono vantaggi che non giustificano la differenza di prezzo rispetto ai dischi tradizionali ma lascia che questa tecnologia si evolva con calma e vedrai. Il fatto che le prestazioni calino con il tempo e che la vita media non sia eccezzionale(cosa su cui penso si possa già discutere) sono cose risolvibili in poco tempo.

Quello che invece non capisco è perchè ad ogni notizia ci sia sempre qualcuno che si lamenta per la presunta inutilità della cosa, pare di essere ai tempi del medioevo. Nessuno ti obbliga a predere un disco SSD.
Mantis-8929 Giugno 2009, 17:12 #7
Originariamente inviato da: Luca69
I vantaggi sono per i portatili in quanto il divario di prezzo rispetto ad un HD tradizionale é inferiore e le prestazioni sono migliori, per non parlare poi dei consumi.
Per i desktop, secondo me non vale ancora la pena pensare a questi SSD economici e quelli piú performanti costano un botto


Quoto di brutto.. C'è gente che non si fida di questo tipo di memorie, ma voi vi fidate a muovere a destra e sinistra un portatile acceso?
rollo8229 Giugno 2009, 17:30 #8
Originariamente inviato da: Mantis-89
Zero rumore(ok non sono più i dischi di 10 anni fa..)?
Minori consumi(pensa ai portatili)?
Minor calore?
No problemi derivanti dalla frammentazione?

So che sono vantaggi che non giustificano la differenza di prezzo rispetto ai dischi tradizionali ma lascia che questa tecnologia si evolva con calma e vedrai. Il fatto che le prestazioni calino con il tempo e che la vita media non sia eccezzionale(cosa su cui penso si possa già discutere) sono cose risolvibili in poco tempo.

Quello che invece non capisco è perchè ad ogni notizia ci sia sempre qualcuno che si lamenta per la presunta inutilità della cosa, pare di essere ai tempi del medioevo. Nessuno ti obbliga a predere un disco SSD.


si ok ma la notizia dice:

[I]Il mercato delle memorie, come buona parte dei segmenti che compongono la realtà informatica, nel corso dell'ultimo anno ha sofferto molto: i volumi di vendita hanno subito forti contrazioni e l'introduzione di prodotti innovativi come le unità SSD non fanno ancora da traino per la ripresa del settore.[/I]

mi sembra ASSURDO pensare che le unità SSD possano far da traino a una ripresa! soprattutto perchè a me il problema del calo di prestazioni dopo pochi mesi mi sembra molto rilevante per unità di questo costo!
Arnalde29 Giugno 2009, 17:48 #9
non capisco come facciano le aziende a mantenere i costi di produzione e di ricerca degli ssd, viste le vendite probabilmente ridicole di questi ultimi. Anche in prospettiva futura non mi sembra che ci sia un decollo in vista per queste unità...costano ancora troppo e i prezzi non accennano a diventare umani(almeno, non rispetto alle soluzioni tradizionali)
que va je faire29 Giugno 2009, 17:55 #10
bè i costi di produzione e ricerca non mi sembrano granchè, pijano i chip di memoria flash e ci accoppiano un controller jmicron

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^