Intel lavora sulla tecnologia Robson

Intel lavora sulla tecnologia Robson

Il colosso dei processori sta sviluppando una tecnologia che permetterebbe di ridurre drasticamente i tempi di boot e i tempi di reazione del sistema

di Andrea Bai pubblicata il , alle 17:08 nel canale Memorie
Intel
 

Nel corso dell'Intel Developer Forum di Taiwan il colosso di Santa Clara ha presentato una nuova tecnologia, attualmente in fase di sviluppo, chiamata Robson. Si tratta di una tecnologia che si prefigge di accelerare il tempo di bootstrap, di incrementare la durata delle batterie e, più generalmente, di aumentare la reattività del sistema.

Robson è una tecnologia che prevede l'impiego di memoria non volatile, presumibilmente di tipo flash-NAND, nella quale possono essere conservate informazioni e dati utili per incrementare la velocità di reazione del sistema dal momento che le memorie a stato solido sono caratterizzate da tempi di accesso sensibilmente inferiori rispetto alle memorie di massa. Semplificando: si può vedere Robson come una sorta di memoria cache ad alta velocità e di elevate dimensioni.

Grazie ad una tecnologia di questo tipo, è possibile ridurre il tempo di operatività di un disco fisso e, conseguentemente, ridurre l'apporto energetico necessario a farlo funzionare. In questo modo, quando tale tecnologia viene impiegata in un sistema notebook, è possibile incrementare l'autonomia operativa della batteria del notebook stesso.

Dal momento che Robson è ancora in fase di sviluppo, non sono stati forniti dettagli indicativi sull'effettivo vantaggio che tale tecnologia riesce a conseguire. Intel ha comunque dichiarato che una scheda Robson può contenere dai 64MB ai 4GB di memoria flash; ovviamente maggiore sarà la dotazione di memoria, minori saranno i tempi di risposta del sistema.

Non è ancora dato sapere quando lo sviluppo di Robson sarà ultimato quando la nuova tecnologia sarà disponibile per essere implementata nei prodotti commerciali.

Fonte: Digitimes

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

33 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
kalle7818 Ottobre 2005, 17:13 #1
L'idea sulla carta sembra buona...
Ma questa flash sarebbe integrata in qualche chip o "plug-in" tipo le memorie RAM?
gatecrasher18 Ottobre 2005, 17:14 #2
Non ho ben capito di cosa si tratta. Se è memoria NON volatile non mi sembra molto adeguato paragonarla ad una grossa cache. Da quanto mi pare di aver capito è più che altro un inzio dell'approccio allo storage dei dati su memorie statiche anzichè su dischi rigidi. Sbaglio? Sembra una buona idea ma l'archiviazione di massa ha proprio la caratteristica di richiedere grosse dimensioni. Conseguentemente servono costi bassi: avranno mai delle memorie statiche costi tali da permettere una transizione simile?

Chiaritemi forse non ho capito una mazza!
ripper7118 Ottobre 2005, 17:21 #3
credo sia definibile come "cache non volatile"... anche se forse stona come concetto, direi che è l'obiettivo di questa tecnologia

per cache ovviamente si intende una memoria contenente dati di frequente utilizzo (in questo caso i dati a cui il sistema attinge al boot) che permette un accesso rapido ai dati stessi, quindi sempre per restare in tema, i dati di boot sono più velocemente accessibili e quindi il boot è più rapido..
DjLode18 Ottobre 2005, 17:21 #4
Da quanto ho capito è una cache per informazioni sensibili, che quindi non saranno più lette sul disco rigido ma su questa memoria, molto più veloce. Il conseguente minor utilizzo del disco fisso porterebbe anche ad un minore consumo di batterie.
lucio6818 Ottobre 2005, 17:25 #5
Originariamente inviato da: gatecrasher
Non ho ben capito di cosa si tratta. Se è memoria NON volatile non mi sembra molto adeguato paragonarla ad una grossa cache. Da quanto mi pare di aver capito è più che altro un inzio dell'approccio allo storage dei dati su memorie statiche anzichè su dischi rigidi. Sbaglio? Sembra una buona idea ma l'archiviazione di massa ha proprio la caratteristica di richiedere grosse dimensioni. Conseguentemente servono costi bassi: avranno mai delle memorie statiche costi tali da permettere una transizione simile?

Chiaritemi forse non ho capito una mazza!

Ci stanno lavorando su diversi fronti.
C'era un articolo qualche giorno fa su memorie statiche che mantengono l'informazione anche se non alimentate.
Siamo ancora indietro, ma prima o poi forse riusciremo davvero a liberarci dai dischi.
Fx18 Ottobre 2005, 17:29 #6
sbaglio o si diceva che Vista avrebbe supportato questo tipo di tecnologia? mi sembra di aver già letto qualcosa a riguardo
DjLode18 Ottobre 2005, 17:34 #7
Originariamente inviato da: Fx
sbaglio o si diceva che Vista avrebbe supportato questo tipo di tecnologia? mi sembra di aver già letto qualcosa a riguardo


Bhè in teoria pure XP la supporta, basterebbe fare la sospensione su questa memoria flash anzichè su disco fisso. Ma questo beneficierebbe solo l'avvio di windows.
H@L900118 Ottobre 2005, 17:46 #8

Sì, se ne parlava...

Se ne parlava riguardo una cache di tipo non volatile integrata negli HD (ed i primi in sperimentazione, sempre se ricordo bene, erano Samsung). Vista li avrebbe supportati ed avrebbe avuto un deciso aumento delle performance!
homero18 Ottobre 2005, 18:02 #9
l'ennesima invenzione inutile...
per i portatili non serve fisto che c'e' lo sleep mode...ossiai il tempo di caricare il dump ram dall'harddisk.
per i computer fissi non penso proprio sia utile, visto che generalmente il bootstrap lo si fa' 1 volta al giorno.

novità sempre e a tutti i costi....
WarDuck18 Ottobre 2005, 18:29 #10
homero prima di giudicare un'invenzione "inutile" io ci penserei molto, ma soprattutto ci comincierei a pensare dal momento che si renda accessibile alla maggior parte del mercato e effettivamente si costati la sua utilità nel campo in cui è stata ideata (perché è difficile stabilire se una cosa è utile o meno altrimenti).

Ora ne io, ne tu possiamo giudicare a priori questo progetto.

Per quanto riguarda Vista, si vocifera del boot in 2-3 secondi

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^