Intel: la ristrutturazione parte dal comparto NOR

Intel: la ristrutturazione parte dal comparto NOR

La ristrutturazione di Intel, preannunciata da Paul Otellini, prende il via dal comparto maggiormente responsabile delle perdite nel bilancio: quello delle memorie NOR

di pubblicata il , alle 16:28 nel canale Memorie
Intel
 

Nei giorni scorsi, come riportato da Hardware Upgrade in questa news, Paul Otellini, CEO di Intel, ha annunciato un periodo di riorganizzazione della compagnia, conseguenza diretta del periodo non proprio sfavillante che il colosso di Santa Clara si è trovato ad attraversare.

Uno dei segmenti che sarà investito in pieno da questa fase di ristrutturazione è quello dedicato alla produzione delle memorie NOR Flash. Si tratta di un settore importante per la compagnia, dal momento che è quello che si occupa della realizzazione delle memorie utilizzate per i BIOS e per i chip firmware, si tratta anche di un settore che pesa nel bilancio di Intel dal momento che è stato responsabile, per il primo trimestre dell'anno, di una perdita di 108 milioni di dollari.

L'obiettivo di Intel, data l'importanza strategica di tale settore, è quello di ottimizzare la divisione NOR, fondendo nel gruppo principale tutti i vari comparti adibiti alla produzione, alla ricerca e sviluppo e al supporto. Nuovi centri per l'assemblaggio e il testing saranno realizzati in Cina e nelle Filippine e tre nuove fabbriche saranno inoltre costruite in Irlanda, Israele e a Santa Clara, in California.

Allen Holmes, direttore marketing del gruppo Intel NOR, ha dichiarato che l'obiettivo del piano di riorganizzazione è quello di "combinare la produzione e la forza lavoro relativa con i team al lavoro nei comparti di ricerca e progettazione". Secondo Holmes questo piano permetterà maggiore efficenza e produttività.

Da questa posizione di Intel emerge come la compagnia non abbia intenzione di sbarazzarsi di tale divisione, anche in vista di una crescita di tale settore del mercato prevista per il prossimo futuro. La domanda per questo tipo di memorie dovrebbe infatti incrementare in maniera considerevole nei prossimi mesi, grazie ad una forte richiesta di lettori MP3, dispositivi per il networking, televisori LCD: tutti prodotti che fanno uso di memorie NOR flash.

Fonte: Techreport

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

10 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
RedDrake08 Maggio 2006, 16:44 #1
NOR?
come NOT OR ?
Dreadnought08 Maggio 2006, 17:25 #2
Intel fa le memorie NOR, amd fa le NAND

A parte gli scherzi:

Flash comes in two varieties. NOR (which stands for "n or", a reference to how data is stored) is more reliable and is used to store applications and operating systems. NAND ("n and" is slightly more prone to data errors, but it's denser and less expensive. It gets used in memory cards to store songs and digital cameras.
LZar08 Maggio 2006, 18:26 #3
"ottimizzare la divisione ....", "fondere nel gruppo principale tutti i reparti ..." .

In pratica, stanno dicendo che un po' di californiani si ritroveranno senza lavoro. E la Cina ringrazia.



JohnPetrucci08 Maggio 2006, 19:41 #4
Originariamente inviato da: LZar
"ottimizzare la divisione ....", "fondere nel gruppo principale tutti i reparti ..." .

In pratica, stanno dicendo che un po' di californiani si ritroveranno senza lavoro. E la Cina ringrazia.

Purtroppo dietro parole soft come ristrutturazione aziendale spesso si nascondono drammi per i lavoratori che ne fanno le spese e le loro famiglie.
daedin8908 Maggio 2006, 20:07 #5
speriamo che nn sia come dite. sono di Terni e il fenomeno "Acciaierie" ha alzato un polverone considerevole senza parlare dei posti d lavoro che se ne vanno e della svalutazione della stessa città. E poi se ci serve un pezzo d'acciaio bisogna importarlo dall'estero. nn lo fanno neanche bene quanto noi tralaltro.
JohnPetrucci08 Maggio 2006, 20:20 #6
Originariamente inviato da: daedin89
speriamo che nn sia come dite. sono di Terni e il fenomeno "Acciaierie" ha alzato un polverone considerevole senza parlare dei posti d lavoro che se ne vanno e della svalutazione della stessa città. E poi se ci serve un pezzo d'acciaio bisogna importarlo dall'estero. nn lo fanno neanche bene quanto noi tralaltro.

Quoto.
E guarda caso oramai lo si acquista dalla Cina......
bollicina3108 Maggio 2006, 20:51 #7
Non ce nulla ora mai non sia prodotto in cina a noi costa 10 euro e la 1 tanto il prodotto porta sempre il marchio **** che la reso prestigioso nel tempo ma che ora e' prodotto con scarsa qualita' e dura meno { questo x essere generico }
daedin8908 Maggio 2006, 22:29 #8
Originariamente inviato da: JohnPetrucci
Quoto.
E guarda caso oramai lo si acquista dalla Cina......

Immagina quando si sentirà dire "...acciaio cinese genuino! la massima qualita sul mercato..." i miracol blade li faranno cn quella roba li...eccoci di fronte all'altra faccia della globalizzazione...
mjordan10 Maggio 2006, 16:42 #9
Originariamente inviato da: RedDrake
NOR?
come NOT OR ?


Esattamente. Nella logica booleana il NOR è esattamente la negazione dell'operatore logico OR.
mjordan10 Maggio 2006, 16:44 #10
Originariamente inviato da: LZar
"ottimizzare la divisione ....", "fondere nel gruppo principale tutti i reparti ..." .

In pratica, stanno dicendo che un po' di californiani si ritroveranno senza lavoro. E la Cina ringrazia.


Veramente in una precedente news, sempre su questo argomento, si era detto che Otellini non aveva nessuna intenzione di far schizzare via posti di lavoro. Anche se non ho capito bene in questa news che cosa si farà effettivamente per ristrutturazione. Si parla di apertura di nuove fabbriche

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^