Intel e STM consegnano le prime memorie a cambiamento di fase

Intel e STM consegnano le prime memorie a cambiamento di fase

Le due aziende inviano i primi prototipi per la valutazione ai propri partner, il passo che segnerà la commercializzazione di queste memorie in tempi abbastanza brevi

di pubblicata il , alle 10:55 nel canale Memorie
Intel
 

Intel Corporation e STMicroelectronics hanno annunciato di avere avviato le consegne dei primo prototipo di chip di memoria basato sulla tecnologia Phase Change, della quale Hardware Upgrade ha avuto modo di parlare più volte.

Il chip, conosciuto con il nome in codice di Alverstone, è una soluzione da 128 megabit ed è stata realizzata con processo a 90 nanometri. Si tratta dei primi prototipi pienamente operativi inviati ai clienti per la valutazione: in questo modo Intel ed STM hanno compiuto il primo passo che permetterà la prossima commercializzazione di queste soluzioni.

Le memorie a cambiamento di fase (PCM - Phase Change Memory) sono caratterizzate dall'impiego di una lega di Germanio, Antimonio e Tellurio che a seconda della temperatura alla quale è sottoposta può organizzarsi in stato cristallino oppure in stato amorfo. I due stati sono caratterizzati da una resistività elettrica differente, caratteristica sulla quale si basa la conservazione dei dati nelle memorie PCM (ma anche nei supporti riscrivibili): alla fase cristallina, caratterizzata da bassa resistività, viene assegnato il valore 0, mentre alla fase amorfa che presenta elevata resistività, viene assegnato il valore 1.

Nelle memorie PCM il cambiamento di stato del materiale calcogenuro avviene utilizzando energia elettrica anziché un laser come succede nei supporti ottici. Il piccolo strato di vetro calcogenuro viene quindi modificato tramite l'impiego di transistor che consentono di immagazzinare dati in uno spazio molto più ridotto e consentono di eseguire le operazioni di lettura e scrittura in maniera molto più rapida rispetto ai dischi riscrivibili.

La produzione di memorie PCM è inoltre più vantaggiosa rispetto a quella di memorie basate su altre tecnologie: i costi sono più contenuti (grazie anche ad una maggiore rapidità di realizzazione) vi sono meno probabilità di realizzare esemplari difettosi ed in generale vi è una maggiore flessibilità di produzione. Le memorie PCM sono inoltre non-volatili, ovvero l'informazione viene mantenuta all'interno di esse anche in assenza di energia, e non necessitano di una cancellazione dei dati prima di una nuova riscrittura.

"Si tratta del più importante progresso nel campo delle memorie non volatili degli ultimi 40 anni" ha dichiarato Ed Dollar, CTO di Numonyx, il nome della nuova azienda partecipata da STM e Intel. "Vi sono stati molti tentativi per trovare e sviluppare nuove tecnologie per memorie non volatili e la tecnologia PCM offre la soluzione più convincente, e Intel e STM stanno ora consegnando queste soluzioni nelle mani dei consumatori. Si tratta di un importante traguardo per l'intera industria e per le nostre compagnie".

Fonte: PR Intel

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

33 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Paganetor07 Febbraio 2008, 10:58 #1
scusate, non ho capito quali possono essere le potenziali applicazioni di queste nuove memorie.

Immagino non siano adatte a sostituire le classiche Ram, mentre invece possono andare bene (??) negli SSD, nelle memorie tipo SD, CF ecc.

oppure servono per realizzare un nuovo tipo di supporto rimovibile?
LZar07 Febbraio 2008, 11:15 #2
Stando a quanto ho letto qui:

http://en.wikipedia.org/wiki/Phase_change_memory

queste memorie sono un'alternativa alle flash, offrono una velocità di cambiamento di fase molto maggiore ma hanno il brutto difetto di degradare rapidamente, ossia di avere un numero di cicli di riscrittura molto più basso. Non mi è chiaro dalla notizia se questa nuova tecnologia abbia risolto questo aspetto.
diabolik198107 Febbraio 2008, 11:17 #3
Originariamente inviato da: Paganetor
scusate, non ho capito quali possono essere le potenziali applicazioni di queste nuove memorie.

Immagino non siano adatte a sostituire le classiche Ram, mentre invece possono andare bene (??) negli SSD, nelle memorie tipo SD, CF ecc.

oppure servono per realizzare un nuovo tipo di supporto rimovibile?


a quanto mi sembra di capire sono i sostituti dei dischi ottici...finalmente.
R3GM4ST3R07 Febbraio 2008, 11:19 #4
beh visto che è "non volatile" la RAM mi sentirei di escluderla...
Non ci sono info su tempi di scrittura/lettura...
adario7307 Febbraio 2008, 11:21 #5
FORZA NUMONYX !!!!
OverCLord07 Febbraio 2008, 11:21 #6
Si capisce anche dalla capienza che non sono per dispositivi di memorizzazione:
128mbit = 16MByte!
AnonimoVeneziano07 Febbraio 2008, 11:46 #7
Originariamente inviato da: OverCLord
Si capisce anche dalla capienza che non sono per dispositivi di memorizzazione:
128mbit = 16MByte!


E' solo un primo prototipo, ce c'entra la dimensione.

E poi se non viene usato per quello allora non avrà altri usi

Ciao
nucce07 Febbraio 2008, 11:53 #8
Originariamente inviato da: OverCLord
Si capisce anche dalla capienza che non sono per dispositivi di memorizzazione:
128mbit = 16MByte!


oltre ad essere un prototipo si parla di un singolo chip...si possono sempre mettere + chip (celle) insieme per aumentare la capacità!
Xeno66507 Febbraio 2008, 11:53 #9
Non dimentichiamoci che l'ST è italo-francese!
Ben più italiana penso!
Quindi grande traguardo anche per la tecnologia di casa nostra!
palmy07 Febbraio 2008, 11:59 #10
Originariamente inviato da: Xeno665
Non dimentichiamoci che l'ST è italo-francese!
Ben più italiana penso!
Quindi grande traguardo anche per la tecnologia di casa nostra!


Già infatti!

Quindi l'idea è di sostituire i supporti ottici (cd, dvd, etc) con questo nuovo tipo di memoria? oppure stiamo parlando di sostituire le attuali memorie SD, Flash, ecc..?
Non mi sono ben chiari gli intenti, anche perchè credo si possano usare anche per i dischi a stato solido in fondo no?!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^