Hynix e Ovonyx: licenza per memorie PCM

Hynix e Ovonyx: licenza per memorie PCM

Le due aziende sottoscrivono un accordo di licenza a lungo termine per la produzione di memorie a cambiamento di fase

di pubblicata il , alle 08:33 nel canale Memorie
 

Hynix Semiconductor e Ovonyx hanno annunciato, come il sito Digitimes riporta, di aver siglato un accordo di licenza a lungo termine per la realizzazione di memorie utilizzando i brevetti e la proprietà intellettuale di Ovonyx nel campo delle tecnologie di memoria a cambiamento di fase o PCM, Phase Change Memory.

Ricordiamo che le memorie PCM si pongono come eredi delle attuali memorie flash, sia per i migliori benefici prestazionali, sia per un processo produttivo meno costoso e più flessibile. Abbiamo già avuto modo di parlare in passato delle memorie PCM, a questo focus.

Ovonyx sottolinea tuttavia che la propria tecnologia di produzione PCRAM consente di realizzare prodotti che possono adeguatamente sostituire le memorie DRAM e trovare posto in dispositivi embedded come microcontrollori e circuiti logici MOS riconfigurabili.

Hynix non è l'unico produttore ad aver siglato accordi simili con Ovonyx: nel gennaio scorso quest'ultima ha infatti avuto modo di sottoscrivere un accordo di licenza anche con Qimonda la quale, a sua volta, è già a stretto contatto con IBM e Macronix International Company sullo sviluppo di tecniche per la produzione a 20 nanometri.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

6 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
WarDuck03 Ottobre 2007, 12:29 #1
Se è realmente economico come dicono sarà interessante vedere eventuali applicazioni su HD solidi con questa tecnologia, è fattibile secondo voi?
AleLinuxBSD03 Ottobre 2007, 12:53 #2
Interessante, leggendo il link riportato, poi risulterebbe che queste memorie, oltre a consumare la metà, possono essere riscritte un numero "infinito" di volte e possono essere fino 500 volte più veloci di quelle Flash!
Se i costi saranno bassi, anche se non paragonabili agli hdd, si potrebbero ottenere prestazioni migliori rispetto a quelle scarse, ottenute fin'ora con le penne usb, dove il collo di bottiglia è rappresentato dalle memorie stesse più che dallo standard usb 2.
Altri vantaggi si avrebbero nelle memorie di dispositivi tipo fotocamere sia relativamente al minore consumo sia per la possibilità di fare scatti a raffica.
Attività la cui utilità non è necessariamente limitata in ambito sportivo ma pure in altri generi, es. osservazione naturalistica di animali, magari di piccole dimensioni ed in veloce movimento.

Ciao Ale
Michelangelo_C03 Ottobre 2007, 12:55 #3
Mah, si parla di memorie di tipo statico, con velocità decine e decine di volte superiori a quelle delle flash, consumi dimezzati, alta densità, prezzo ridotto... direi che ci sono tutte le carte in regola per fare un bell'SSD.
Resta un mistero come sia possibile migliorare le prestazioni sfruttando effetti di raffreddamento e riscaldamento, ma probablilmente tutto trova spiegazione nel processo produttivo ridottissimo (si parla di arrivare presto a 20 nm!).
AleLinuxBSD03 Ottobre 2007, 13:07 #4
Presto non direi si parla del 2015 ...
Mentre potranno essere disponibili modelli a 45 o 65 nanometri già dal 2008.

Ciao Ale
WarDuck03 Ottobre 2007, 15:01 #5
Originariamente inviato da: AleLinuxBSD
Presto non direi si parla del 2015 ...
Mentre potranno essere disponibili modelli a 45 o 65 nanometri già dal 2008.

Ciao Ale


Mi accontenterei anche di quelle a 65nm... per fare un ssd da 40gb per metterci su il SO ed eventuali giochi
Michelangelo_C03 Ottobre 2007, 15:45 #6
Intendevo dire che le veloctà annunciate fino a 500 volte superiori alle flash si ottengono solo grazie alle ridotte dimensioni delle celle di memoria. Altrimenti non si spiega come sia possibile avere velocità superiori usando un processo fisico notoriamente lento, come il cambiamento di temperatura.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^