Elpida e UMC insieme per memorie DRAM e PRAM

Elpida e UMC insieme per memorie DRAM e PRAM

I due colossi si accordano per lo sviluppo congiunto di memorie a cambiamento di fase e memorie DRAM con copper low-k

di pubblicata il , alle 10:28 nel canale Memorie
 

Elpida Memory e United Microelectronics Company hanno annunciato nel corso dei giorni passati il raggiungimento di un accordo per lo sviluppo congiunto di memorie DRAM con tecnologia che prevede l'impiego di rame a bassa costante k e per memorie a cambiamento di fase (PRAM).

Tako Adachi, Chief Technology Officer presso Elpida, ha dichiarato: "L'accordo con UMC è un passo avanti per il futuro dello sviluppo delle memorie, dal momento che la tecnologia copper low-k aiuterà a guidare la produzione e proseguirà la migrazione di processo verso elevate prestazioni. La tecnologia di spicco di UMC assieme a quella di Elpida nel campo delle memorie DRAM permetterà di fornire ai nostri clienti memorie ad elevate velocità, a basso consumo e ad elevata densità e inoltre consentirà di accelerare la commercializzazione di memorie PRAM, che rappresentano la più importante generazione di memorie del futuro".

I termini dell'accordo prevedono la licenza da parte di UMC ad Elpida per le tecnologie di produzione copper low-k e, di contro, la licenza da parte di Elpida ad UMC di tecnologie di memoria DRAM per soluzioni system-on-chip avanzate. Inoltre l'accordo prevede, come detto, una stretta collaborazione tra le due aziende per lo sviluppo della tecnologia di produzione delle memorie a cambiamento di fase, grazie all'esperienza di Elpida nel campo dei materiali GST (mistura di Germanio, Antimonio e Tellurio) e a quella di UMC nell'ambito della produzione di logiche CMOS.

Le memorie PRAM, lo ricordiamo, rappresentano il prossimo passo nell'evoluzione delle tecnologie di memoria e basano il loro principio di funzionamento sul cambiamento di fase del materiale utilizzato. La produzione di memorie PRAM è inoltre più vantaggiosa rispetto a quella di memorie basate su altre tecnologie: i costi sono più contenuti (grazie anche ad una maggiore rapidità di realizzazione) vi sono meno probabilità di realizzare esemplari difettosi ed in generale vi è una maggiore flessibilità di produzione. Le memorie PRAM sono inoltre non-volatili, ovvero l'informazione viene mantenuta all'interno di esse anche in assenza di energia, e non necessitano di una cancellazione dei dati prima di una nuova riscrittura. Per maggiori informazioni relative alle memorie PRAM rimandiamo a questo focus.

Sarà interessante assistere all'evoluzione di questo scenario, dal momento che, oltre a Samsung, anche Intel dovrebbe essere prossima alla produzione e commercializzazione di questo tipo di memorie.

Fonte: Xbitlabs

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

6 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Wilfrick24 Ottobre 2007, 10:59 #1
Beh, ma se sono non volatili, e se usate come memoria di sistema quindi sono velocissime...... allora anche gli ssd cambieranno tipo di memorie entro breve e diventeranno dei fulmini?
demon7724 Ottobre 2007, 11:21 #2
in linea di massima il traguardo ultimo per il pc e per migliaia di altri dispositivi è il raggiungimento di un supporto di archiviazione non volatile che garantisca la medesima velocità delle ram unita alla capienza degli hdd, ponendo di fatto fine al concetto ri ram e di hdd come li conosciamo oggi

Sarebbe ottimo: prestazioni ottimizzate e massima versatilità.. speriamo bene!!
mail9000it24 Ottobre 2007, 13:28 #3
mitico.

Le PRAM sono tutto quello che potevamo chiedere come SSD.

Vedo e prevedo almeno 3 o 4 generazioni di SSD prima di giungere all'utilizzo delle PRAM come dispositivo di massa. Almeno 5 anni nei quali continueranno a venderci hardware obsoleto per continuare a spennarci.

Redvex24 Ottobre 2007, 13:40 #4
5 anni? sei troppo ottimista Io dico almeno il doppio
demon7724 Ottobre 2007, 14:15 #5
Non è che ci "spennano" il fatto è che anche il mercato ha le sue regole per le quali un prodotto deve avere una certa vita prima di venire rimpiazzato..

Non dimentichiamo che per la ricerca e la progettazione di simili tecnologie si spendono capitali enormi e i costi vanno necessariamente recuperati oltre po a guadagnarci (giustamente!)
CarloR1t24 Ottobre 2007, 20:39 #6
dram, pram ma quando arrivano le mram?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^