VIA C7-D: le prime cpu attente all'ambiente

VIA C7-D: le prime cpu attente all'ambiente

VIA presenta i primi processori "Carbon Free", nell'ottica di sensibilizzare anche gli utilizzatori di PC al preservare l'ambiente

di pubblicata il , alle 10:52 nel canale Processori
 

In un contesto di mercato nel quale nuove architetture di processore mirano ad ottenere più elevate prestazioni velocistiche, compatibilmente con livelli di consumo che siano ridotti, suona quantomeno atipico l'annuncio di VIA. Il produttore taiwanese ha infatti presentato le prime cpu Carbon Free al mondo, per le quali cioè sono ridotte a zero le emissioni di anidride carbonica..

Le soluzioni VIA C7-D, disponibili in frequenze di clock di 1,5 GHz e 1,8 GHz, sono proposte dal produttore taiwanese per sistemi di ridotte dimensioni; con un TDP di soli 20 Watt a 1,8 GHz di clock, infatti, le cpu C7-D possono sulla carta vantare livelli di consumo che tipicamente si ritrovano sulle più sofisticate cpu per sistemi notebook.

La disponibilità di questi processori è ovviamente legata ad un messaggio che vede VIA impegnata nel proporre soluzioni per utenti consapevoli degli impatti negativi della tecnologia sul pianeta. Le caratteristiche tecniche di questi processori sono le stesse delle cpu VIA C7: sul sito web VIA, a questo indirizzo, ne sono disponibili tutte le caratteristiche tecniche dettagliate.

c7-D_H.jpg (34153 bytes)

Di seguito il comunicato stampa rilasciato da VIA:

VIA annuncia il primo processore Carbon Free al mondo

Il processore VIA C7-D prosegue un cammino di innovazione verso una migliore efficienza del processore ed è la soluzione ideale per le aziende che desiderano ridurre il loro Carbon Footprint

Taipei, Taiwan, 13 settembre 2006 - VIA Technologies, Inc, Azienda leader nello sviluppo d'innovative tecnologie nell'ambito dei chip al silicio e PC platform solution, annuncia il processore VIA C7-D che apre le porte ad una nuova era di soluzioni PC desktop.

Il processore VIA C7-D con un consumo energetico massimo di soli 20W a 1.8GHz, non solo fissa un nuovo parametro di riferimento per quanto riguarda il rapporto prestazioni per watt, ma consente maggiori risparmi energetici attraverso l'uso di alimentatori e ventole di raffreddamento più piccoli, che offrono come ulteriore beneficio una maggiore silenziosità dei PC. L'anidride carbonica prodotta per il funzionamento del processore nell'arco della vita del PC è poi compensata attraverso progetti a livello locale negli ambiti del risparmio energetico, della riforestazione e delle energie alternative.

Siamo orgogliosi di presentare il processore VIA C7-D, felice miscela di efficienza, elevate performance nell'ambito della produttività ed avanzate caratteristiche di sicurezza, nonché la prima soluzione Carbon Free al mondo nel suo genere, ha commentato Richard Brown, Vice Presidente Marketing di VIA Technologies, Inc. VIA è entusiasta di contribuire alla realizzazione di progetti in tutto il mondo volti a compensare le emissioni di anidride carbonica prodotte dal funzionamento dei processori. Iniziative che contribuiranno a migliorare la qualità dell'ambiente in cui viviamo e permetteranno alla nostra Azienda di dare qualcosa in cambio alla comunità.

Le prime compensazioni ambientali per il processore VIA C7-D si stanno realizzando in collaborazione con Carbon Footprint Ltd, leader nella gestione del progetto carbon footprint.

Stiamo assistendo ad un crescente interesse in tutto il mondo da parte di aziende e singoli individui che cercano di fare qualcosa nel loro piccolo' per ridurre il proprio impatto ambientale affinché le future generazioni ereditino un mondo di cui poter essere fieri, ha commentato John Buckley, Managing Director di Carbon Footprint Ltd. Prodotti come il processore VIA C7-D rappresentano sicuramente un passo avanti nella giusta direzione per le aziende che cercano di neutralizzare le emissioni di anidride carbonica delle loro attività e per questo siamo orgogliosi di lavorare con VIA nel loro progetto di compensazione.

Con il lancio del processore VIA C7-D, VIA introduce un nuovo test di valutazione chiamato TreeMark, che vuole essere uno strumento utile per tutte le aziende che vogliono bilanciare l'impatto ambientale nelle loro scelte di prodotti informatici.

Le aziende stanno usando sempre di più la tecnologia su una scala globale, ha affermato Roger Kay, fondatore e presidente di Endpoint Technologies Associates, e vogliono lavorare con fornitori le cui tecnologie incontrino i sempre più rigorosi requisiti di efficienza, costo contenuto ed impatto ambientale, pur mantenendo i livelli prestazionali richiesti.

Per maggiori informazioni su VIA Clean Computing Initiative, VIA Carbon Free Computing ed il sistema di valutazione TreeMark è possible visitare il sito Web: http://www.via.com.tw/en/initiatives/cleancomputing/

Il processore per PC desktop VIA C7-D
Il processore VIA C7-D si basa sull'avanzata architettura VIA CoolStream del core Esther', che riduce il consumo di energia grazie ad un die ultra compatto che ne ottimizza le prestazioni. Progettato nel package low profile nanoBGA2 che misura solo 21mm x 21mm e un TDP (Thermal Design Power) massimo di circa 20 Watt a 1.8GHz, il processore VIA C7-D ha minime esigenze di raffreddamento attivo per facilitare la realizzazione di desktop aziendali ultra low profile.

Disponibile alle velocità di 1.5GHz e 1.8GHz, il processore VIA C7-D offre una serie di funzionalità in grado di garantire le migliori performance, quali StepAhead Advanced Branch Prediction, sedici livelli di pipeline, supporto per SSE2 e le avanzate istruzioni SSE3, una veloce Floating Point Unit (FPU) e 128KB di cache L2 a 32 vie per l'ottimizzazione della memoria. Fa parte della piattaforma il chipset Digital Media VIA CN700, che integra il processore grafico VIA UniChrome Pro IGP con accelerazione hardware MPEG-2 hardware ed il motore Chromotion CE per offrire agli utenti una migliore qualità video. La piattaforma supporta anche due uscite monitor con DuoView+, 6 canali audio e memoria DDR2 400/533MHz per consentire la realizzazione di PC desktop efficienti e con ricche doti multimediali.

Per maggiori informazioni sul processore VIA C7-D è possibile visitare il sito Web: http://www.via.com.tw/en/products/processors/c7-d/

Il processore VIA C7-D è immediatamente disponibile.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

48 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Darkangel66614 Settembre 2006, 11:00 #1
Cpu Euro 4 quindi.
LZar14 Settembre 2006, 11:06 #2

Correzione

Io sarò scemo ma non ho capito una cosa: quando parlano di "anidride carbonica prodotta durante il ciclo di funzionamento del PC" si riferiscono al fatto che -consumi = -richiesta di corrente = -combustibili fossili bruciati? Quindi cosa significa CPU per le quali non si è utilizzato carbone?

EDIT
Ho notato che la redazione ha modificato la quarta riga della notizia in

"per le quali cioè sono ridotte a zero le emissioni di anidride carbonica.."

Adesso è chiaro. Grazie
KiDdolo14 Settembre 2006, 11:13 #3
sarebbe interessante una prova comparativa con cpu mobili e non
si sa qualcosa di costi e mobo compatibili?
r.14 Settembre 2006, 11:27 #4
Originariamente inviato da: LZar
Io sarò scemo ma non ho capito una cosa: quando parlano di "anidride carbonica prodotta durante il ciclo di funzionamento del PC" si riferiscono al fatto che -consumi = -richiesta di corrente = -combustibili fossili bruciati? Quindi cosa significa CPU per le quali non si è utilizzato carbone?


"Carbon free" è solo un'espressione di marketing per indicare che non aumenta la CO2 nell'atomsfera. Difatti la ditta con cui collaborano è la Caron Footprint.


Vogliono dire che tutta l'anidride carbonica prodotta dalle cpu (nel senso di energia e quindi petrolio bruciato) è stata "compensata" con riforestazioni etc.

Comunque non mi sembra che facciamo riferimento all'energia necessaria per produrre le cpu, che probabilmente è molta di più.

Fra un po' avremo si i bollini blu anche sui proci.
Per fare overclock ci sarà il superbollo.
KiDdolo14 Settembre 2006, 11:28 #5
ops, doppio post
scusate
Darkangel66614 Settembre 2006, 11:32 #6
Originariamente inviato da: r.
Fra un po' avremo si i bollini blu anche sui proci.
Per fare overclock ci sarà il superbollo.


Tranquillo niente superbollo ma tassazione in base al rapporto Prestazioni/Consumo il mio Conroe fa i 15 con un watt.
ronthalas14 Settembre 2006, 11:43 #7
un A64 X2 4200 (dual 2,2 GHz) fa i 49,4 con un watt...
questo fa i 90 !

(bisognerebbe metterlo sotto torchio con un 7zip magari per vedere poi tra consumi dichiarati e prestazioni/consumi effettivi).
Darkangel66614 Settembre 2006, 11:49 #8
Originariamente inviato da: ronthalas
un A64 X2 4200 (dual 2,2 GHz) fa i 49,4 con un watt...
questo fa i 90 !

(bisognerebbe metterlo sotto torchio con un 7zip magari per vedere poi tra consumi dichiarati e prestazioni/consumi effettivi).


Bisogna considerare una media includendo il ciclo urbano, con traffico (internet) sostenuto, autostradale ed extraurbano.
Asterion14 Settembre 2006, 11:54 #9
Bene, vuol dire che compro una CPU anche se è meno performante di un Intel
Vodka14 Settembre 2006, 12:06 #10
L'overclock è punibile come se si stesse facendo tuning alla auto? quindi sequestro , multa e revoca della patente di utilizzatore di pc?

Cmq ora come ora i pc (eccetto i supermostri) hanno un consumo direi abbastanza decente, nn è meglio per l'ambiente mirare a tutto il resto che utilizziamo?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^