Uno sguardo alle cpu Pentium attese nel 2006

Uno sguardo alle cpu Pentium attese nel 2006

Nuovi Core e massiccio spostamento al processo produttivo a 0.065 micron per le prossime generazioni di cpu Pentium D e Pentium 4

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 08:48 nel canale Processori
 

Intel prepara il lancio di nuovi processori della serie Pentium D, dotati di architettura Dual Core, e andrà a delineare i piani di sviluppo in occasione del proprio Developer Forum Fall, in programma a San Francisco dal 23 al 25 Agosto.

Nel corso del primo trimestre 2006 Intel presenterà le prime cpu Pentium D costruite con processo produttivo a 0.065 micron; si tratta del modelli Pentium D dell serie 900, destinati ad essere proposti con frequenze da 2,8 GHz sino a 3,4 GHz.

Queste cpu differiranno dai modelli attualmente disponibili, serie Pentium D 800, per il raddoppio della cache L2, che passerà da 1 a 2 Mbytes per ciascun Core, oltre che per il processo produttivo adottato.

Le cpu Pentium 4 con architettura single core continueranno a venir proposte con la numerazione 600; ad inizio 2006 il Core Cedar Mill utilizzerà processo a 0.065 micron, con versioni da 3 GHz sino a 3,8 GHz di clock e cache L2 da 2 Mbytes. Questi processori verrnano forniti in due distinte versioni: quella con numerazione 6x1 sarà sprovvista del supporto alla tecnologia Vanderpool per la virtualizzazione, mentre tale funzionalità sarà implementata nelle versioni 6x3.

Intel introdurrà anche nuove versioni di processore Celeron nel corso dei primi mesi del 2006; queste cpu integreranno 512 Kbytes di cache L2 e saranno basati su Core Cedar Mill a 0.065 micron, in abbinamento a bus a 533 MHz di clock.

La tabella seguente riassume tutti i processori della famiglia Pentium che verranno lanciati da Intel nel corso del 2006:  

Processore Clock Cache L2 Core n° Core bus
Pentium D 960 ? 2x4 Mbytes Conroe 2 800MHz
Pentium D 950 ? 2x4 Mbytes Conroe 2 800MHz
Pentium D 940 ? 2x4 Mbytes Conroe 2 800MHz
Pentium D 950 3,4GHz 2x2 Mbytes Presler 2 800MHz
Pentium D 940 3,2GHz 2x2 Mbytes Presler 2 800MHz
Pentium D 930 3GHz 2x2 Mbytes Presler 2 800MHz
Pentium D 920 2,8GHz 2x2 Mbytes Presler 2 800MHz
Pentium 4 673 3,8GHz 2 Mbytes Cedar Mill 1 800MHz
Pentium 4 671 3,8GHz 2 Mbytes Cedar Mill 1 800MHz
Pentium 4 663 3,6GHz 2 Mbytes Cedar Mill 1 800MHz
Pentium 4 661 3,6GHz 2 Mbytes Cedar Mill 1 800MHz
Pentium 4 653 3,4GHz 2 Mbytes Cedar Mill 1 800MHz
Pentium 4 651 3,4GHz 2 Mbytes Cedar Mill 1 800MHz
Pentium 4 643 3,2GHz 2 Mbytes Cedar Mill 1 800MHz
Pentium 4 641 3,2GHz 2 Mbytes Cedar Mill 1 800MHz
Pentium 4 633 3GHz 2 Mbytes Cedar Mill 1 800MHz
Pentium 4 631 3GHz 2 Mbytes Cedar Mill 1 800MHz

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

61 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
stefy8715 Luglio 2005, 08:55 #1
è davvero finita la corsa al rialzo delle frequenza(almeno per INTEL)
royal15 Luglio 2005, 08:56 #2
io più che altro..aspetto questo:

The Conroe family is slated to enter the desktop fray in the second half of 2006 and these chips will use the 950, 940, 930 and 920 numbers, taking over from other 9XX chips in the Presler range. Presler is slated for introduction in the first quarter of next year, and are built using 65 nanometre process technology.

They have two times 2MB of L2 cache, but Conroe processors will come in both two times 2MB and two times 4MB flavours. The same roadmaps seen by the INQ show that Intel will add a Pentium 4 processor numbered 673 later this year. This will be a 3.80GHz microprocessor with a bus speed of 800MHz, 2MB of cache, and supporting VT, HT, EIST, EM64T and the antiviral XD bit. It's a Cedar Mill chip.

Meanwhile Intel has confirmed it will produce Yonah dual core CPUs which use the Calistoga chipset family in the first quarter of next year. These will be targed at the "small form factor", "all in one" and "entertainment PC" markets.
royal15 Luglio 2005, 09:02 #3
con 4mb di cache..nn ce ne sarà per nessuno

finalmente p-m con l'HT..
Superboy15 Luglio 2005, 09:14 #4

pacifica

Se intel esce nel primo trimestre 2006 con Vanderpool, anche amd non dovrebbe tardare... speriamo si sbrighi
Kazzoncrew15 Luglio 2005, 09:15 #5
ma serve veramente così tanta cache L2 ad intel?
no perchè sta diventando simil itanium, 2x4mb sono tanti x un processore. a meno che non venga poi destinato ad un ambiente server.
ldetomi15 Luglio 2005, 09:29 #6
Sapete per caso che differenza passa tra questo Cedar Mill e il vecchio progetto Tejas?
Automator15 Luglio 2005, 09:42 #7
spero che vanderpool funzioni come si deve... un bel macintel con osx e win che girano assieme, in ufficio sarebbe una manna!
ally15 Luglio 2005, 09:44 #8
...otto mega di cache integrati...non so...non mi sembra una grande trovata...il die aumenterà di dimensione...così come il calore prodotto...felice di sbagliarmi ma suona come una grossa pezza questa...non come un evoluzione...
adynak15 Luglio 2005, 09:45 #9
Che voi sappiate i nuovi processori Pentium 4 (6xx) e Pentium D (9xx) abbandoneranno la tecnologia Netburst oppure no ?
Per quanto riguarda le prestazioni dovremo aspettare di "toccarli con mano", di certo se il core Presley e Conroe deriveranno parte dell'architettura da quella delle attuali CPU Dothan/Yonah penso che gli incrementi prestazionali saranno notevoli (e, finalmente, senza la necessità di pompare in maniera spropositata le frequenze).
Mi auguro anche un consumo in calo (Gianni l'ottimismo è il profumo della vita ) a favore di CPU più fresche ... anche se i Prescott in inverno mi fanno da caminetto
VDSLDG15 Luglio 2005, 10:05 #10
Originariamente inviato da: ally
...otto mega di cache integrati...non so...non mi sembra una grande trovata...il die aumenterà di dimensione...così come il calore prodotto...felice di sbagliarmi ma suona come una grossa pezza questa...non come un evoluzione...


Beh, tieni conto pero' che sara' in 65nani quindi ci sarnno una serie non trascurabile di vantaggi:
- geometria piu' piccola, quindi capacita' e resistenze piu' basse.
- tensione di alimentazione piu' bassa quindi meno potenza
- almeno 1, magari anche 2, livelli di metal in piu' per le connessioni, che di fatto
portano via veramente un sacco di spazio su un chip.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^