Uno sguardo alle cpu Pentium 4 a 0,065 micron

Uno sguardo alle cpu Pentium 4 a 0,065 micron

Le nuove evoluzioni delle cpu Pentium 4 single core, nome in codice Cedar Mill, sono attese al debutto a partire dai primi mesi del 2006

di pubblicata il , alle 09:04 nel canale Processori
 

Il sito web Tom's Hardware ha pubblicato, a questo indirizzo, un'anteprima di quelle che saranno le prestazioni velocistiche della prossima generazione di processori Intel Pentium 4, costruiti con processo produttivo a 0,065 micron.

Le nuove cpu vengono riconosciute dal nome in codice Cedar Mill; il debutto previsto per questi processori è indicativamente databile per i primi mesi del 2006, congiuntamente alle nuove generazioni di processori Pentium D.

Intel, infatti, si appresta a portare tutti i propri processori della serie Pentium 4 e Pentium D al processo produttivo a 0,065 micron, così da beneficiare di una resa produttiva superiore e di un cosumo in riduzione rispetto alle cpu della serie Prescott.

Uno dei principali problemi incontrati da Intel con le attuali versioni di processore Pentium, sia single che dual core, è infatti l'elevato consumo, abbinato a requisiti di dissipazione termica decisamente non semplici da gestire con tradizionali dissipatori di calore attivi.

Le nuove cpu Pentium 4 Cedar Mill e Pentium D, con processo produttivo a 0,065 micron, vanteranno infatti TDP, Thermal Design Power, inferiori rispetto agli equivalenti modelli attualmente in commercio a parità di frequenza di clock. Per Cedar Mill il valore indicato è di 86 Watt, ben inferiore rispetto ai 115 Watt dei processori in commercio dal clock più elevato.

Fatta eccezione per il nuovo processo produttivo, le cpu Pentium 4 Cedar Mill implementeranno le medesime caratteristiche tecniche delle attuali cpu Pentium 4 serie 6xx in commercio. Troveremo, quindi, cache L2 da 2 Mbytes e supporto alla tecnologia HyperThreading. Per questo motivo, a parità di frequenza di clock le prestazioni velocistiche resteranno pressoché invariate.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

29 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
JL_Picard10 Ottobre 2005, 09:29 #1
Finalmente!

Era ora che Intel capisse che doveva ridurre le pretese energetiche dei suoi Processori.

Resta solo da vedere se con il passaggio ai 65 nm, si ridurranno proporzionalmente le dimensioni del Die.

Se il Die rimanesse pressochè invariato, i nuovi Processori Intel sarebbero certamente candidati all'overclocking.

Ora aspettiamo analoghe mosse da AMD...
DarKilleR10 Ottobre 2005, 09:31 #2
1°....

Caspita sempre 86 Watt??? a parità di frequenza??? Credo che i problemi di consumo li hanno sempre...

non giravano voci di Intel che indicavano il processo a 0.065 capaci di far consumare ad un prescott 36Watt????
Cmq questo cedar mill (devo sempre vedere toms) sembra un refresh del prescott ma a 0.065
konqueror10 Ottobre 2005, 09:34 #3
Fatta eccezione per il nuovo processo produttivo, le cpu Pentium 4 Cedar Mill implementeranno le medesime caratteristiche tecniche delle attuali cpu Pentium 4 serie 6xx in commercio. Troveremo, quindi, cache L2 da 2 Mbytes e supporto alla tecnologia HyperThreading. Per questo motivo, a parità di frequenza di clock le prestazioni velocistiche resteranno pressoché invariate.

Ottimo, mi aspetto processori innovativi e mi ritrovo a leggere che saranno dei cessi come i Pentium 4 attuali

bha! Mi sa che AMD questa volta prenderà il largo
goldorak10 Ottobre 2005, 09:34 #4
Originariamente inviato da: DarKilleR
1°....

Caspita sempre 86 Watt??? a parità di frequenza??? Credo che i problemi di consumo li hanno sempre...

non giravano voci di Intel che indicavano il processo a 0.065 capaci di far consumare ad un prescott 36Watt????
Cmq questo cedar mill (devo sempre vedere toms) sembra un refresh del prescott ma a 0.065


Sono i processori dual core conroe ad avere un consumo energetico sulla sessatina di watt per desktop.
Usciranno nella seconda meta' del 2006.
Questi sono i processori da comprare non i cedar mill.
OverCLord10 Ottobre 2005, 09:41 #5
goldorak
straquoto, francamente speravo che Intel non si limitasse a portare a 0.065 i pres(to)cott(ti) , che come si vede continuano a dissipare potenza a iosa (86 W oggigiorno sono tantissimi per un single core!!!)
E vai con il Netabbrustolito!

IL PAPA10 Ottobre 2005, 09:46 #6
Originariamente inviato da: DarKilleR]1°

1° il primo punto della tua opinione? e gli altri punti dove li hai messi?

Originariamente inviato da: DarKilleR]Caspita sempre 86 Watt??? a parità
non giravano voci di Intel che indicavano il processo a 0.065 capaci di far consumare ad un prescott 36Watt????
Cmq questo cedar mill (devo sempre vedere toms) sembra un refresh del prescott ma a 0.065


36 W ad un Prescott??!?!?

Diciamo che Cedar Mill è solo una prova su strada dello 0.065, che sarà poi utilizzato per la vera novità di Intel che uscirà tra un annetto: Conroe.

Comunque è significativo che abbiano fatto ammenda sul grave problema della dissipazione termica, le CPU (specialmente 3.4GHz) erano e sono tutt'ora dei forni, ma alla Intel testardamente continuano a mettere dissipatori orribili spalmati con malta termoconduttiva.
Loro dicono che son certificati, ma quando ti si colano i condensatori di potenza delle schede madri perchè il processore scalda troppo... beh forse è il caso che anche loro facciano qualcosa, un prodotto montato a regola d'arte non può e non deve cedere al primo caldo
Yokoshima10 Ottobre 2005, 10:34 #7
Qualche news di tempo fa si parlava proprio delle evoluzioni degli Intel.
A quanto pare si sono evoluti davvero granpoco!!
La Intel, per conto mio, negli ultimi anni ha dato troppa importanza ai MHz e adesso si trova a dover frnteggiare problemi palesemente enormi di dissipazione termica.

Gli Intel saranno piu' "svelti" (DICONO) nelle attivita' di tutti i giorni, ma ne valeva davvero la pena?
YaYappyDoa10 Ottobre 2005, 10:38 #8
Quoto Il Papa:

"alla Intel testardamente continuano a mettere dissipatori orribili spalmati con malta termoconduttiva. Loro dicono che son certificati, ma quando ti si colano i condensatori di potenza delle schede madri perchè il processore scalda troppo... beh forse è il caso che anche loro facciano qualcosa, un prodotto montato a regola d'arte non può e non deve cedere al primo caldo"

Se un dissipatore scalda molto significa che il contatto con il processore è buono e il montaggio corretto. Se i condensatori "colano" nei pressi del dissipatore significa che lo stesso è sottodimensionato rispetto al calore che è demandato a dissipare, o che la CPU scalda davvero troppo! Sarebbe il caso di adottare di default dissipatori in rame, magari costruiti da ditte che sanno far bene i dissipatori, come Thermalright, ad esempio
fantoibed10 Ottobre 2005, 10:39 #9
Per quanto concerne la seconda versione del processo produttivo a 65nm (ultra low power), l'annuncio ufficiale è qui: http://www.intel.com/pressroom/arch...0050920comp.htm.
Comunque penso che ci voglia un annetto prima che escano le prime CPU con questo processo.

Link ad immagine (click per visualizzarla)

Per ora ci sono 34W in meno in full load. Si dovrebbero concentrare anche nel ridurre il consumo del chipset, secondo me.
fantoibed10 Ottobre 2005, 10:43 #10
Originariamente inviato da: Yokoshima
Qualche news di tempo fa si parlava proprio delle evoluzioni degli Intel.
A quanto pare si sono evoluti davvero granpoco!!

Gli Intel evoluti usciranno nel terzo quadrimenstre del 2006. I CedarMill e i Presler sono solo un die shrink degli Irwindale e degli Smithfield. L'unica cosa in più mi pare sia il supporto della virtualizzazione, se non ricordo male.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^