Una nuova fabbrica Intel in Cina

Una nuova fabbrica Intel in Cina

L'espansione nel mercato cinese passa per Intel anche attraverso una nuova fabbrica produttiva, prevista nell'area di Shanghai

di pubblicata il , alle 13:33 nel canale Processori
Intel
 

Sono emerse informazioni nel corso della scorsa settimana che segnalano la prossima apertura di una fabbrica produttiva Intel in Cina; sembra possibile che sia l'area di Shanghai quella oggetto della costruzione di questa fabbrica.

Del resto, al momento attuale Intel opera in questa città con alcune linee di test e di assemblaggio dei propri processori. La nuova fabbrica dovrebbe operare con tecnologia produttiva a 65 nanometri, quella attualmente utilizzata da Intel per la produzione dei propri processori Core 2 Duo.

Considerando che la costruzione di una nuova fabbrica può richiedere indicativamente un periodo di 2 anni per venir completata, è strano pensare che la nuova fabbrica cinese verrà utilizzata per produrre con tecnologia a 65 nanometri e non con altre più sofisticate. Del resto, Intel prevede di passare alla tecnologia a 45 nanometri nel corso della seconda metà del 2007, raggiungendo nel 2009 i 32 nanometri.

Una spiegazione può essere data pensando al tipo di prodotti che verranno costruiti in questa nuova fabbrica: presumibilmente si tratterà non di processori ma di altri componenti, quali ad esempio chipset o altri chip che Intel commercializza sul mercato.

Il mercato cinese sta catturando l'attenzione di molte aziende del settore, non solo per i potenziali volumi di vendita di PC e componenti quanto anche per la produzione, a motivo dei ridotti costi del lavoro. La scelta di Intel, quindi, pare tutt'altro che fuori luogo.

Fonte: cnet.com.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

8 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
JohnPetrucci15 Gennaio 2007, 13:46 #1
Una nuova fabbrica sul territorio che fa da fabbrica per il pianeta.
Pancho Villa15 Gennaio 2007, 14:32 #2
Non sapevo che anche le produzioni ad altissima tecnologia come quella delle CPU venissero delocalizzate. Finché si parla di scarpe, vestiti, oggetti di plastica o minkiate varie va bene, ma se la Cina è in gradi di ospitare anche fabbriche così evolute significa che hanno un know-how già evoluto e la cosa dovrebbe preoccuparci non poco, sopratutto noi europei e, ancor di più, noi italiani
Zak8415 Gennaio 2007, 14:36 #3
Le fabbriche in Cina se le costruisce Intel e le popola con suoi ingegneri. La cina ci mette solo il territorio e la manodopera.
love80x15 Gennaio 2007, 14:37 #4
ma poco tempo addietro intel non ha licenziato un sacco di gente??? .. certo.. doveva spostarsi in cina ....
prova15 Gennaio 2007, 15:02 #5
Originariamente inviato da: Zak84
Le fabbriche in Cina se le costruisce Intel e le popola con suoi ingegneri. La cina ci mette solo il territorio e la manodopera.


e le tasse, di certo inferiori.
LordYupa15 Gennaio 2007, 16:22 #6
Spietata Intel! Non vedo l'ora di boicottare i futuri Quad Core a basso costo!
the.smoothie15 Gennaio 2007, 21:11 #7
Non è che forse la cina ha già un know-how più evoluto, la cina ha già un know-how più evoluto!

Molta gente crede che la cina sia tutta fatta di lavoratori, di risaie, di mangiatori di riso e di schiavi che lavorano in fabbrica!

Invece non è niente di tutto questo!

Anzi le città più sviluppate ed industrializzate fanno benissimo a gara con le città europee o americane più moderne! Non dimenticate che la cina è in forte sviluppo; non è come noi che con le nostre città europee vecchie di 500-800 anni non facciamo altro che rincorrere le tecnologie più moderne e applicarle come fossero delle pezze ad un abito malandato e più che rattoppato, loro possono permettersi di comprare direttamente le tecnologie più all'avanguardia, col risultato che in poco tempo sono già un passo avanti a noi!

Anche perchè mi sembra di ricordare che molte aziende produttrici di schede madri (come asus, abit, epox e altre) hanno i propri stabilimenti di produzione nei paesi asiatici e anche in cina (tanto si tratta di prendere i propri ingenieri e affiancarli a della manodopera specializzata, che si può formare in loco mediante corsi di formazione, come accade anche in italia in altri settori dell'industria).

E la storia è ancora peggio! Infatti una volta eravamo noi ad importare nella cina, poi ci siamo spostati a produrre direttamente in cina perchè i costi di produzione erano molto bassi, poi hanno imparato a copiare le nostre tecnologie, ora in molti campi industriali sono loro a produrre copie dei nostri prodotti e a esportarli nei nostri paesi!

Ragazzi tra pochi anni la prossima super potenza del mondo non sarà l'america o la russia, ma la cina!

Quanto a noi mi sa che già adesso siamo inferiori alla cina!

Ciauz!
hesichen07 Febbraio 2007, 16:22 #8

Economia cinese

L'evoluzione in Cina è davvero vorticosa, a volte anch'io rimango esterrefatto da quelli che sono i progressi in alcuni campi, e questo annuncio ne è un chiaro esempio, fino a 10 anni fa un produttore di semiconduttori taiwanese (di cittadinanza americana) mi confidava come secondo lui fosse impossibile implementare nella Cina continentale un impianto di produzione nel pieno rispetto dei requisiti di qualità degli standard occidentali. Come cambiano i tempi!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^